Semplici strategie di monetizzazione di WordPress

Semplici strategie di monetizzazione di WordPress

Siamo nel pieno del nuovo anno, il che significa che è tempo di trarre vantaggio dalle vostre risoluzioni per fare bene a voi stessi e alla vostra azienda. Se hai creato il tuo sito da zero, hai un buon flusso di traffico e stai cercando strategie di monetizzazione di WordPress, sei nel posto giusto.


C’è dell’altro; mentre approfondiamo le diverse strategie di monetizzazione di WordPress scopriremo un tesoro di suggerimenti che puoi utilizzare per aumentare il coinvolgimento sul tuo sito. In quanto tale, puoi considerare questo post come un approccio duplice alla monetizzazione di WordPress.

Il primo consiglio è che è importante utilizzare metodi in linea con il pubblico di destinazione. In quale altro modo puoi sfruttare al meglio le tue strategie di monetizzazione di WordPress?

Un’altra breve nota: ci concentriamo su WordPress ospitato da solo blog (WordPress.org) e non gratuiti WordPress.com, poiché questi ultimi presentano alcune limitazioni per quanto riguarda la monetizzazione.

Se sei un po ‘curioso, blog di grande successo includono artisti del calibro di HuffPost (stimato $ 14.000.000 / mese), Moz (stimato $ 4.250.000 / mese) e TechCrunch (stimato $ 2.500.000 / mese) tra gli altri. E sì, quello è in dollari americani.

Con i preliminari fuori mano, ti mostriamo come fare soldi con WordPress in 48 ore. Per guadagnare dal tuo sito WordPress, ecco un paio di strategie per indirizzarti nella giusta direzione.

Per guadagnare dal tuo sito WordPress, ecco un paio di strategie per indirizzarti nella giusta direzione.

1. Pubblicità

annuncio della coca-cola del 1890

Annuncio della Coca-Cola del 1890

Sin dai tempi passati, il settore pubblicitario è sempre stato un grande guadagno. Secondo un rapporto di emarketer.com, gli inserzionisti di tutto il mondo spendono più di $ 220 miliardi all’anno in pubblicità digitali.

È un enorme cambiamento, non sei d’accordo? Se hai un buon traffico, puoi accumulare denaro in pochissimo tempo. Ma come si inizia?

Autogestito vs. Reti pubblicitarie

Per cominciare, ci sono due opzioni pubblicitarie disponibili. Puoi scegliere reti pubblicitarie come Google AdSense per WordPress. Questo è solo uno dei tanti: Bing ha una propria rete pubblicitaria, così come Facebook, Yahoo e Amazon. Per un ampio elenco basta cercare “reti pubblicitarie” su Google per vedere cosa è disponibile.

In alternativa, puoi ospita il tuo annunci. Scegli gli annunci, le commissioni, come e dove visualizzare ogni annuncio tra le altre cose. Per vendere annunci autogestiti è in genere più semplice utilizzare i plugin affidabili di gestione degli annunci disponibili per WordPress o passare attraverso un servizio di terze parti come BuySellAds per gestire gli spot pubblicitari disponibili.

Detto questo, la principale differenza tra le reti pubblicitarie e gli annunci autogestiti è il livello più elevato di controllo che ti piace con quest’ultimo. In altre parole, le reti pubblicitarie di solito mostrano le pubblicità dei tuoi lettori che sono più pertinenti alla loro cronologia di navigazione recente. Se l’utente stava guardando gioielli prima di visitare il tuo sito, molto probabilmente vedrà un annuncio relativo ai gioielli, anche se il tuo sito è interamente dedicato alle automobili. Non hai alcun controllo sulle pubblicità mostrate dalla rete pubblicitaria sul tuo sito.

Le cose sono un po ‘diverse con gli annunci autogestiti, vendi annunci in sintonia con il tuo pubblico di destinazione. Quindi, invece di mostrare annunci di gioielli, mostri annunci per pezzi di ricambio per veicoli, olio motore e così via.

Ogni opzione pubblicitaria ha diversi modelli di prezzo. La maggior parte delle reti pubblicitarie in genere offre il modello CPC (costo per clic), il che significa che sei pagato per tutti i clic generati. Puoi fare tra $ 0,02 e $ 15 dollari per clic a seconda della nicchia.

Con un volume elevato di traffico, puoi uccidere abbastanza con le reti pubblicitarie, tenendo presente che offrono altri modelli di annunci. Gli annunci autogestiti di solito attirano un tasso di annunci più elevato, dal momento che essenzialmente vendi spazi pubblicitari alle attività interessate a una tariffa mensile fissa.

L’argomento pubblicitario è una lettura approfondita, ma poiché è una delle più redditizie strategie di monetizzazione di WordPress, vale la pena dedicare il tuo tempo a approfondire.

2. Marketing di affiliazione

summit di affiliazione ovest 2017

Summit degli affiliati West 2017

Il marketing di affiliazione è molto simile alla pubblicità; guadagni inviando al commerciante una prospettiva interessata. Invece di essere pagato per clic e impressioni, ricevi una commissione per tutto il tuo duro lavoro.

Mentre il marketing di affiliazione suona come mumbo-jumbo per il perfetto principiante, è facile da capire. Secondo Neil Patel, il marketing di affiliazione è “… il processo per guadagnare una commissione promuovendo i prodotti di altre persone (o società). Trovi un prodotto che ti piace, lo promuovi ad altri e guadagni un pezzo del profitto per ogni vendita che fai. “

Sembra abbastanza semplice, questa attività di marketing di affiliazione, non credi? Inoltre puoi consigliare qualsiasi prodotto sotto il sole. In sostanza, sei solo un promotore, il che significa che puoi impegnarti in qualsiasi strategia di promozione che mi viene in mente … mantienila legale.

In altre parole, il marketing di affiliazione è un animale versatile in termini di modelli di pagamento e livello di coinvolgimento. Che cosa vuol dire, anche?

Modelli di pagamento di marketing di affiliazione

Siamo a conoscenza di tre principali modelli di pagamento, ma sentiti libero di entrare se conosci altri modelli.

  • Marketing di affiliazione PPC (Pay Per Click) – La società ti paga una commissione per tutti i clic generati, indipendentemente dal fatto che i potenziali clienti effettuino un acquisto o semplicemente navigino e lascino.
  • Marketing di affiliazione PPL (Pay Per Lead) – In questo scenario, guadagni una commissione ogni volta che il potenziale cliente che completi completa qualsiasi azione desiderata, ad esempio iscriviti, iscriviti a una prova gratuita, crea un account e così via. Esempi di siti Web che offrono questo tipo di marketing di affiliazione includono ShareASale e Affiliata Cj tra gli altri.
  • PPS (Pay Per Sale) Marketing di affiliazione – La forma tradizionale di marketing di affiliazione, si guadagna una commissione solo se il potenziale cliente a cui si fa riferimento fa un acquisto. Questo è il modello più popolare di marketing di affiliazione e di solito si traduce in rendimenti migliori rispetto al marketing di affiliazione PPC e PPL, mantenendo costanti altri fattori. Gli esempi includono Amazon Associates, Envato Marketplace e la maggior parte dei negozi di temi / plug-in online indipendenti.

Livelli di coinvolgimento nel marketing di affiliazione

Ora che sai di poter guadagnare con clic, lead e vendite, diamo un’occhiata a tre altri tipi di marketing di affiliazione in termini di coinvolgimento.

Come Pat Flynn spiega, abbiamo tre livelli di coinvolgimento nel marketing di affiliazione, vale a dire:

  • senza legami – In questo tipo di marketing di affiliazione, non hai assolutamente alcuna presenza o autorità nella nicchia. È sufficiente creare collegamenti di affiliazione ai prodotti tramite social media o qualsiasi altra piattaforma. Ma poiché stiamo monetizzando il tuo sito WordPress, puoi utilizzare questo tipo di marketing di affiliazione per integrare i tuoi guadagni.
  • Relazionato – Qui, hai una certa presenza online e stai promuovendo prodotti correlati alla tua nicchia, ma i link di affiliazione sono per prodotti che in realtà non usi. Ad esempio, se hai un blog che copre WordPress, potresti promuovere temi, hosting e plugin, senza prima provare ogni prodotto.
  • Coinvolti – Promuovi solo prodotti che usi e in cui credi. Giuri sui prodotti e li consigli come parte del “sogno” o del processo che stai delineando sul tuo blog.

Per quanto riguarda le strategie di monetizzazione di WordPress affiliate a tua disposizione, puoi utilizzare coupon, offerte, recensioni di prodotti, collegamenti di testo, collegamenti banner, aggregazione di prodotti, newsletter e-mail e metodi offline.

3. Monetizza WordPress con le iscrizioni

Strategie di monetizzazione di WordPress: crea un sito di appartenenza

Supponiamo che tu abbia creato un pubblico coinvolto grazie ai fantastici contenuti offerti gratuitamente. Puoi aggiungere abbonamenti a pagamento a una sezione del tuo sito in cui offri corsi e qualsiasi altra forma di contenuto premium.

Molti proprietari di siti Web capitalizzano le iscrizioni pagate per creare una fonte ricorrente di entrate passive. E tutto ciò che devi fare è creare alcuni contenuti di alta qualità e nasconderli dietro un paywall. Con una vasta collezione di plugin di appartenenza a WordPress a tua disposizione, puoi iniziare subito.

Se hai un prodotto, puoi rilasciarlo sotto un programma di abbonamento, nel senso che l’utente ha bisogno di un abbonamento attivo (e preferibilmente ricorrente) per usare il prodotto. Invece di vendere il prodotto, puoi invece vendere abbonamenti.

Abbiamo visto gli imprenditori di WordPress convertire i loro lettori già esistenti in membri paganti con poco sforzo. Buoni esempi di siti Web che uccidono con abbonamenti includono Temi eleganti, Moz e altro (anche se è importante notare che questi siti utilizzano spesso più strategie di monetizzazione di WordPress).

4. Vendere prodotti o servizi

il processo di acquisto per i negozi online

Una delle strategie di monetizzazione di WordPress più popolari è vendere oggetti online. In effetti, se nessuno vendesse qualcosa, non avremmo inserzionisti, siti di affiliazione e programmi di affiliazione su cui incassare.

Se pubblicare annunci pubblicitari, promuovere prodotti di qualcun altro o ospitare un sito di appartenenza non è la tua tazza di tè, puoi provare a costruire un negozio online con WordPress per promuovere un servizio o un prodotto per il tuo pubblico.

Non mancano i prodotti da vendere, inoltre puoi sempre vendere competenze specializzate tramite una pagina di assunzione. Ad esempio, potresti davvero offrire servizi di progettazione o blog come i tuoi. Puoi consultare e vendere qualsiasi servizio di cui i tuoi lettori hanno bisogno. Se non disponi di un prodotto pronto, considera la rivendita di un prodotto o servizio tramite il tuo sito WordPress.

Se desideri un vero e-commerce, puoi creare facilmente un negozio online utilizzando un plug-in come WooCommerce. Un negozio online ti aiuta a vendere sia beni digitali che fisici, il che significa che puoi utilizzare l’e-commerce per potenziare il tuo negozio di pietra. Meglio ancora, è possibile utilizzare il marketing di affiliazione per aumentare le vendite.

Se decidi di creare un sito Web di e-commerce, rendilo unico e scegli come target una nicchia. Esiste una forte concorrenza in quasi tutti i mercati, quindi concentrati su ciò che sei migliore o più interessato.

5. Post / recensioni sponsorizzati

utilizzando post sponsorizzati per monetizzare il sito wordpress

Pensa alla macchina da corsa come al tuo post sponsorizzato, non esagerare

Come blogger, puoi guadagnare rapidamente da post o recensioni sponsorizzati. Se hai guadagnato l’autorità e sei popolare nella tua nicchia, le aziende inizieranno ad avvicinarti a scrivere recensioni favorevoli sui loro prodotti.

Come principiante, si dimostrerà fruttuoso avvicinarsi alle aziende con buone proposte. Assicurati solo di rivedere prodotti e servizi pertinenti per il tuo pubblico di destinazione. Revisionare i prodotti solo per i soldi offuscerà l’autorità che hai lavorato così duramente per guadagnare.

Inoltre, non rendere il tuo sito tutto sui post sponsorizzati quando le aziende iniziano a chiamare. Continua a pubblicare i contenuti che ti hanno guadagnato traffico e autorità. Un post sponsorizzato occasionale funziona alla grande, ma esagerare non è una strategia a lungo termine.

Secondo BobWP, “… altri potrebbero voler sponsorizzare un post che menziona semplicemente il loro prodotto nel contesto di alcune notizie nel loro settore, o semplicemente pagare per un banner pubblicitario o menzionarlo alla fine del post.”

Pertanto, ci sono molte opportunità da esplorare con post sponsorizzati, soprattutto se è possibile assicurarsi accordi mensili / annuali con le aziende. Non essere distorto nelle tue recensioni in quanto ciò è dannoso per la tua integrità.

6. Altre strategie di monetizzazione di WordPress

Esistono molti altri modi per monetizzare il tuo sito WordPress, ma dato che coprirli tutti avrebbe bisogno di un eBook (forse potresti crearne uno e venderlo?), Ecco un paio di menzioni d’onore:

  • Donazioni – Puoi fare soldi tramite il tuo sito WordPress chiedendo ai tuoi lettori di donare. Questa strategia funziona come per magia, motivo per cui la maggior parte delle organizzazioni non profit e delle ONG prosperano con le donazioni. Chiedi ai tuoi lettori.
  • dropship – Quando avvii il tuo negozio online non devi necessariamente promuovere i tuoi beni. Dropshipping per WordPress ti consente di guadagnare con prodotti che non possiedi o che hai in inventario. Metti il ​​prodotto sul tuo sito e riscuoti il ​​pagamento dall’acquirente. Quindi, acquisti a un prezzo più economico dal fornitore che spedisce il prodotto direttamente all’acquirente.
  • Crea una bacheca di lavoro – Se sei un produttore di contenuti che si rivolge ai blogger, puoi creare una bacheca di lavoro. Ti rivolgi a designer e sviluppatori di WordPress? È possibile creare una bacheca di lavoro per loro. Lavorare con organizzazioni no profit che devono essere collegate alle imprese per le donazioni? Puoi progettare una scheda anche per quello. Ecco un paio di popolari schede di lavoro relative a WordPress per trarre ispirazione per far fluire le tue idee.

Osservazioni finali

Queste strategie di monetizzazione di WordPress ti aiuteranno a guadagnare denaro sul tuo sito WordPress in pochissimo tempo. Tuttavia, tieni presente che tutto ciò che vale la pena avere nella vita richiede un duro lavoro. Come tutti sappiamo il successo è il 99% di sudore e l’1% di ispirazione. Quindi continua a lavorare sulla costruzione del tuo sito Web e del tuo marchio creando contenuti di qualità, concentrandoti sul SEO e continuando a ottimizzare il tuo sito per i tuoi lettori.

Oggi ti abbiamo appena offerto l’ispirazione dell’1% di cui hai bisogno. Sei pronto per la sfida? Pensi di avere quello che serve per fornire quel 99% di sudore?

Conosci altre strategie di monetizzazione di WordPress che non abbiamo menzionato? In tal caso, faccelo sapere nella sezione commenti qui sotto, in modo che possiamo aggiungerlo a questo post e accreditarti citando il tuo nome. Saluti e buona fortuna a fare il moolah quest’anno!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map