Sei un accaparratore di plugin? Come pulire il tuo sito WordPress

Sei un accaparratore di plugin? Come pulire il tuo sito WordPress

Sei un accaparratore di plugin? Pensaci per un minuto. All’inizio sembra un po ‘ridicolo, e ovviamente sei nessuno di loro. Ma con centinaia di “esperti” di WordPress che raccomandano nuovi plug-in ogni settimana, non c’è da meravigliarsi che alcuni siti Web e webmaster finiscano un po ‘… troppo attrezzati per l’attività da svolgere. La metà delle volte il plugin arriva quasi con la garanzia che influirà positivamente in qualche modo sui tuoi profitti e, se è gratuito, può essere difficile dire di no.


Lo saprei, ho installato e provato quasi tutti i plug-in di social sharing presenti. Preferirei non ammetterlo, ma sono abbastanza sicuro di averlo fatto nella speranza che un pubblico apparisse dal nulla praticamente con una piccola spinta dal plugin giusto. E so che non sono nemmeno l’unico.

I 7 segnali di pericolo sei un accaparratore di plugin di WordPress

Se uno qualsiasi dei segnali di avvertimento suona un campanello, è probabile che il tuo sito WordPress possa utilizzare alcune pulizie di primavera. Continua a leggere per vedere come velocizzare WordPress rimuovendo plugin non utilizzati.

1. Non hai idea di cosa faccia la metà dei tuoi plugin

L’intero motivo per cui è installato un plug-in è effettivamente usarlo, e se non solo non usi metà dei plug-in, ma non riesci nemmeno a ricordare cosa dovrebbero fare per il tuo sito Web, questo è un brutto segno che potresti essere un accaparratore di plugin.

2. Non puoi aggiornare WordPress a causa dei tuoi plugin obsoleti

Questo non solo ti impedisce di avere accesso alle nuove funzionalità dagli stessi aggiornamenti di WordPress, ma può anche significare che devi astenersi dall’aggiornamento dei plugin o del tuo tema perché non è più compatibile con la tua vecchia versione di WordPress.

3. Hai più plug-in che parti di contenuto e il tuo sito web ha più di qualche settimana

Non sempre pertinente, ma di solito è una buona indicazione che potresti essere andato un po ‘fuori bordo.

4. Mantenere aggiornati i plug-in sta rapidamente diventando un lavoro a tempo pieno e in realtà hai assunto qualcuno per farlo

Almeno ora hai qualcuno a bordo che può fare la pulizia per te, anche se potrebbero essere riluttanti se si rendono conto che ridurranno se non elimineranno completamente le loro ore di lavoro.

5. Hai diversi plugin multi-funzione “pesanti” che usi solo per una o due funzioni

A volte meno non significa migliore o più veloce. A volte è meglio che alcuni plugin più leggeri facciano lo stesso lavoro.

6. Hai ancora dei plugin che hai “scambiato per uno migliore”

A volte può essere facile dimenticare di rimuovere il vecchio quando arrivano il nuovo e il meglio. La buona notizia è che finché sono inattivi, almeno occupano solo spazio nel back-end. La cattiva notizia è che sta ostruendo la directory del plug-in e che può essere indicativo di una situazione peggiore e più dannosa.

7. Hai un sacco di plugin installati che “avrai sicuramente un uso per qualche giorno”

Sebbene ciò possa sembrare ragionevole, è un’idea molto migliore creare un elenco descrittivo dei plug-in in Evernote o in un documento di Google e procedere a testarli nel tempo. Se hai solo un sacco di plugin in giro, è probabile che sia tutto ciò che faranno mai. Usali o perdili.

Perché molti plugin di solito sono male (e perché è necessario ripulire)

plug-cleanup

I plug-in in eccesso possono rendere il tuo lavoro più difficile e complicato di quanto debba essere. E mentre non c’è nulla di sbagliato nell’avere molti plugin necessari, avere molti plugin che caricano molte risorse diventa un problema. Ciò può rallentare la velocità di caricamento del tuo sito web aggiungendo ulteriori richieste http. In poche parole, fa saltare il browser attraverso altri cerchi prima che possa effettivamente caricare e visualizzare il tuo sito Web, rallentando il caricamento. E il caricamento del tuo sito più lento può avere effetti brutali sulla tua linea di fondo.

Se il tuo sito web si carica in modo particolarmente lento, puoi essere ossessionato da tassi di rimbalzo sconcertanti, perdere la fiducia dei clienti o, peggio ancora, vedere un impatto diretto sulle tue vendite. Ad esempio, Amazon ha riscontrato una riduzione delle vendite dell’1% per ogni 100 ms, rallentando la pagina caricata (Fonte: Strangeloop). Un altro studio ha scoperto che un aumento di 1 secondo nel tempo di caricamento ha causato una diminuzione del 7% nelle conversioni, il 13% in meno di visualizzazioni di pagina e il 17% in meno di soddisfazione del cliente (Fonte: Tagman). La buona notizia è che questo significa che aumentare la velocità di caricamento dovrebbe mostrare i risultati opposti.

Come brevemente menzionato sopra, i plug-in possono anche fornire accidentalmente (o anche non in modo molto accidentale in casi molto, molto rari) fornire falle di sicurezza che le persone possono abusare per ottenere l’accesso al back-end del tuo sito.

L’ultimo motivo è meno ovvio. Avere troppi plug-in può offrirti troppe distrazioni che distolgono l’attenzione da dove deve essere. Può diventare una scusa per agitarsi sulle piccole cose. E preoccuparti delle piccole cose può impedirti di trovare grandi nuove opportunità commerciali, o migliorare la tua copia per aumentare in modo massiccio le tue conversioni o trovare il tempo per fare rete e aumentare il tuo pubblico.

Come declassare il tuo sito WordPress

Per fortuna, ripulire i plugin non è così difficile. Scopri quali plug-in fanno davvero la differenza per il tuo sito Web e poi ti sbarazzi del resto.

Potresti essere tentato di chiedere: “Quali sono gli elementi essenziali generali?” La risposta è che ci sono molte, molte opinioni diverse su questo particolare problema. E mentre alcune persone tendono a raccomandare una vasta gamma di plug-in, altri sono molto più minimalisti e suggeriscono solo: Analytics, memorizzazione nella cache per velocità, sicurezza, social, SEO e ovviamente opt-in.

Per me, una domanda molto più importante è quali plugin sono essenziali per te e il tuo sito in particolare?

Esistono molti tipi diversi di siti Web, con molti tipi diversi di obiettivi e bisogni. Il bello di WordPress è la versatilità e la capacità di affrontare una moltitudine di sfide attraverso i plug-in, ma a volte può diventare abilitante per l’accaparratore di plug-in. Quindi scopri quali plugin sono importanti e scarta il resto.

Idealmente, vuoi solo mantenere plug-in utili all’obiettivo che hai per il tuo sito Web in modo tangibile. Plugin che migliorano i tuoi profitti. Anche se hai solo un blog personale, di solito c’è un obiettivo misurabile lì da qualche parte, come ottenere un pubblico più vasto. E per aziende, visitatori di ritorno, coinvolgimento degli utenti, abbonati e vendite. E poi c’è ovviamente sicurezza. Dal momento che nessuno vuole che il loro sito venga dirottato per un certo periodo di tempo.

I plugin che vuoi mantenere

Plugin WordPress che dovresti tenere

Plugin per migliorare la sicurezza

I plugin che aumentano la sicurezza del tuo sito web riducono il rischio di problemi futuri. Influisce sui tuoi profitti nel modo in cui eviti di spendere soldi e ore di frustrazione cercando di riprendere il controllo su un sito web che è stato dirottato a causa della mancanza di lungimiranza.

Kevin ha recentemente scritto una recensione di Hide My WP che spiega come il plugin aumenta la tua sicurezza nascondendo il fatto che il tuo sito web funziona su WordPress e Tom ha anche scritto una recensione del plugin Security Ninja che potresti voler controllare. Questi sono entrambi ottimi plugin che potresti prendere in considerazione per mantenere il tuo sito sicuro e protetto.

Per inciso, i plug-in a volte possono fornire falle di sicurezza alle persone da abusare, quindi avere meno plug-in in eccesso non è neanche una cattiva idea per quanto riguarda la sicurezza.

Plugin per migliorare la velocità di caricamento

Migliorare la velocità di caricamento può aiutare a ridurre significativamente la frequenza di rimbalzo. Soprattutto se la velocità di caricamento del tuo sito Web supera alcuni secondi, ottenere un plug-in di cache può essere un’ottima scelta. Non solo, il nostro Sourav ti guiderà anche su come impostare WP Total Cache per risultati ottimali (e assicurati di dare un’occhiata alla sua intera guida alle serie di post di cache di WordPress per saperne di più su come funziona la cache e su come utilizzarla per migliorare il tuo sito WordPress).

Come bonus, ripulire i plug-in che svolgono poche funzioni oltre a darti funzionalità che non usi veramente può anche aiutare a ridurre la velocità di caricamento del tuo sito web.

Plugin per migliorare il coinvolgimento degli utenti

Aumentare il coinvolgimento degli utenti è importante, poiché più qualcuno si attacca e interagisce con il tuo sito Web, più è probabile che prestino effettivamente attenzione al tuo messaggio e finiscano per far parte del tuo pubblico / diventare un cliente pagante. E negli ultimi anni, gran parte del coinvolgimento degli utenti è la “condivisione”, e i plugin che aiutano ad aumentare la condivisione aiutano i tuoi profitti aumentando il tuo traffico. Se stai cercando un buon plug-in di condivisione consulta il nostro elenco per i migliori plug-in di social media, nonché l’articolo di Tom su come rendere il tuo sito Web WordPress più social.

Plugin per migliorare le tariffe di attivazione / tassi di conversione

Sia che si tratti di un plug-in che rende la tua casella di opt-in effettivamente convertire meglio, o di un plug-in che raccoglie dati sul comportamento degli utenti (ovviamente è necessario disporre di dati sul comportamento degli utenti per scoprire quali plug-in effettivamente fanno la differenza), i plug-in di optin sono ovviamente importante per i tuoi profitti e rimanere. Un plugin che consigliamo di aumentare le percentuali di attivazione è OptinMonster.

Praticamente qualsiasi plug-in che ha un notevole impatto diretto o indiretto sui profitti vale la pena tenere. E qualsiasi plug-in che fa semplicemente il giro di fare nulla può andare in un piccolo viaggio e non tornare mai più.

Come misurare l’efficacia del plugin e il loro effetto sulla velocità di caricamento

Velocità di caricamento effetto plug-in

Imposta Google Analytics o il tuo strumento di analisi preferito per testare plugin che dovrebbero aiutare con i tassi di conversione. Se non hai mai testato i tuoi risultati senza di essi e stai solo supponendo che abbiano un effetto positivo, fallo. Metti alla prova le tue conversioni senza il plugin attivato. Assicurati di dargli un periodo di controllo adeguato (a meno che non ci sia un calo molto evidente e doloroso nella conversione, nel qual caso dovresti ovviamente ripristinarlo e farlo funzionare). Per analizzare le velocità di caricamento della pagina, puoi usare Strumenti di pingdom o altri strumenti gratuiti come misurare se un plug-in rallenta o meno il tuo sito web più del valore.

Importante: Assicurati di impostare le impostazioni su una posizione di prova specifica alla volta e di testare la velocità di caricamento della tua pagina alcune volte prima di iniziare a disabilitare i plug-in.

Se hai molte cose diverse da testare per la velocità della pagina, potrebbe essere meglio farlo durante le ore meno impegnative. E se hai un sito Web particolarmente impegnato o se gestisci un’attività a tempo pieno, clonalo manualmente o usa un plug-in di clonazione (il plugin Duplicator gratuito è una buona opzione).

Questo dovrebbe essere tutto sullo stesso DNS e server, ovviamente, puoi semplicemente creare il nuovo blog in un nome di directory “wpclone” sul tuo sito web. Quindi puoi testare le velocità senza far vedere ai tuoi visitatori che stai scherzando.

Ad esempio, una cosa che potrebbe accadere è che se si dispone di un plug-in box di opt-in davvero ingombrante che rallenta la velocità di caricamento sebbene aumentando la frequenza di opt-in, potrebbe avere un effetto a lungo termine dannoso per i visitatori di ritorno, e infatti, iscritti.

E ora … La pulizia reale

Se disponi di un ampio arretrato di contenuti, hai molti plugin obsoleti o le tue entrate dipendono dal fatto che il tuo sito sia attivo, eseguire il backup del tuo sito Web prima di iniziare è un’ottima idea, se non un must assoluto (potresti ad esempio usa Backup Buddy).

Ora che hai scoperto quali plugin sono utili e quali sono inutili (per te), è tempo di sporcarti le mani.

Disattiva ed elimina plug-in

Per fortuna, l’effettiva rimozione dei plugin è molto semplice. Basta aprire la scheda del plugin e mettersi al lavoro. Disattivare (se non già fatto) e disinstallare l’eccesso e gli indesiderati. A meno che non si disponga di plug-in molto obsoleti o mal funzionanti, tutto dovrebbe essere rimosso, anche i dati sql. Quindi non è necessario alcun lavaggio extra!

Se stai ancora leggendo e sei riuscito a setacciare i tuoi plug-in e pulire la spazzatura, c’è un’altra cosa che ti consiglierei di fare. Ottimizza ulteriormente il tuo sito Web imparando come installare e utilizzare correttamente i plug-in di cache.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me