Moderazione dei commenti di WordPress: una guida per principianti

La sezione commenti sotto un post di WordPress ti consente di interagire direttamente con i tuoi lettori. Ma WordPress è di un livello superiore: ti dà la possibilità di moderare i commenti degli utenti tramite la funzione di moderazione dei commenti. Tuttavia, moderare o non moderare è la domanda secolare che apparentemente non ha una risposta definitiva. In definitiva, la decisione spetta a te ma devi valutare attentamente i pro ei contro di entrambe le opzioni.


Poiché questa è una guida per principianti alla moderazione dei commenti di WordPress, vorrei evidenziare alcuni motivi a favore e contro la moderazione dei commenti prima di suggerire una soluzione ideale.

Perché dovresti moderare i commenti

  • Senza moderazione e con i giusti strumenti di filtro antispam, il tuo blog può facilmente diventare uno spamfest soprattutto se è popolare. La moderazione ti dà il pieno controllo per visualizzare i commenti solo da utenti fidati, eliminando così spam e altri commenti di bassa qualità. Coinvolgere gli utenti fidati crea fiducia e il tuo blog acquisirà rapidamente autorità nella tua nicchia scelta.
  • I commenti spam in genere contengono collegamenti, alcuni dei quali possono reindirizzare a siti Web potenzialmente dannosi. Se un utente fa clic su un link che lo reindirizza verso un luogo che non desidera essere, perderà la fiducia e la fiducia nel tuo blog, che è essenzialmente lo stesso che perdere la fiducia in te. Con moderazione, è possibile bloccare collegamenti potenzialmente dannosi.
  • Un thread di commento ben moderato può aggiungere valore a un post altrimenti noioso. Potrebbero esserci dei lettori più informati sull’argomento e il loro contributo può elevare il tuo post. I commenti di buona qualità attirano persone competenti che aggiungeranno informazioni preziose e questo è ciò che desideri per il tuo post. Ricorda, i commenti diventano parte del contenuto del tuo blog fintanto che il post esiste sul tuo blog.

Perché non dovresti moderare i commenti

  • La moderazione dei commenti può richiedere molto tempo. Per i siti Web più grandi che hanno un buon numero di lettori, può essere una vera seccatura o addirittura poco pratico (a meno che non si utilizzi un sistema di commenti di terze parti).
  • La moderazione frustra molti utenti autentici che vogliono impegnarsi nella discussione. Gli utenti di solito vogliono vedere il loro commento immediatamente dopo aver colpito Inviare. Che cosa succede se non sei in giro per approvarlo?
  • Puoi gestire lo spam nei commenti utilizzando un plug-in. Ad esempio, il plug-in Akismet fornito con il software WordPress di base fa un ottimo lavoro per eliminare lo spam purché tu lo abbia impostato correttamente.

Ora che conosci le ragioni a favore e contro la moderazione, cosa hai intenzione di fare? La mia raccomandazione è di moderare ma essere furbi a riguardo.

Il sistema di commenti primario di WordPress è abbastanza decente da solo. Ti consente di moderare i commenti in modo efficace, tenendo fuori la stragrande maggioranza dei commenti spam.

Impostazioni ideali per la moderazione dei commenti di WordPress

Per impostare il tuo blog come moderatore, vai a Impostazioni> Discussione.

impostazioni di discussione

Cerca la parte che dice Inviami un’e-mail ogni volta. È qui che abiliti o disabiliti la moderazione dei commenti utilizzando il sistema di base ed è piuttosto semplice: se selezioni la seconda casella (Un commento è tenuto per moderazione), sarai in grado di moderare tutti i commenti post.

Moderati autori al primo tentativo

Un modo semplice per ridurre la moderazione è quello di abilitare l’approvazione automatica per gli autori di commenti che sono stati approvati una volta. Per abilitare questa impostazione, vai a Impostazioni> Discussione e controlla il Prima che appaia un commento sezione controlla la seconda casella che legge L’autore del commento deve avere un commento precedentemente approvato. Lascia la casella sopra deselezionata.

moderazione dei commenti

Se l’autore di un commento cambia il modo in cui inserisce i suoi dettagli – nome ed email – dovrà essere nuovamente moderato.

Inoltre, cerca gli autori di commenti che sono stati precedentemente approvati: alcuni di questi hanno imparato i dettagli del sistema e possono inizialmente fare alcuni commenti di qualità, ma poi perdere tempo con i commenti futuri poiché sanno che vengono automaticamente approvati.

Disattiva i commenti dopo un periodo specificato

Un altro modo intelligente per mantenere il controllo dei commenti sul tuo blog è limitare il tempo in cui i commenti del tuo blog sono aperti agli autori. In genere, 30 giorni sono un periodo ragionevole ma possono essere più o meno a seconda delle circostanze specifiche. In questo modo si evitano gli spammer SEO: utenti che commentano per creare collegamenti per i propri blog. Di solito cercano blog che hanno raggiunto un PageRank elevato.

Ci vuole da qualche settimana a diversi mesi per costruire un PageRank elevato, quindi gli spammer SEO di solito prendono di mira blog che sono in circolazione da un paio di settimane o mesi.

Di solito, un post sul blog raggiunge la massima popolarità entro 2-3 settimane dalla data di pubblicazione. Ciò significa che puoi aspettarti di ottenere la massima attività nella sezione commenti durante questo periodo. Quindi pianifica di limitare i commenti a 30 giorni (idealmente) in modo da non avere molti commenti da moderare. Sentiti libero di allungarlo, tuttavia, se è in corso una grande discussione.

Per impostare un limite al tempo di paternità dei commenti, vai a Impostazioni> Discussione e cerca il Altre impostazioni per i commenti sezione. Controlla l’opzione che legge Chiudi automaticamente i commenti sugli articoli più vecchi di__days e specifica il numero di giorni in cui tenere aperti i commenti:

Commenti di chiusura sui post

Disabilita i trackback

A volte, preferisci gestire lo spam di commenti piuttosto che lo spam di trackback, quindi rifletti attentamente prima di abilitare i trackback. In genere è una buona idea disattivarli poiché puoi ancora sapere chi sta collegando al tuo sito tramite la sezione Collegamenti in entrata nella dashboard. Nota che questa sezione potrebbe non essere disponibile per un sito WordPress nuovo di zecca. Puoi anche configurare il tuo alimentatore RSS per vedere i link in arrivo.

Usa plugin per filtrare lo spam nei commenti

I commenti di spam possono essere difficili da individuare ma con l’aiuto di plug-in capaci, sono più facili da identificare, se non bloccati completamente. Ecco una selezione di plugin che puoi usare per raggiungere questo obiettivo:

Akismet

Akismet

Ho brevemente presentato il geniale Akismet plug-in integrato nel software principale di WordPress per filtrare i commenti che sembrano spam. Tutto quello che devi fare è attivarlo, ma per iniziare dovrai registrarti e impostare la sua chiave API. Mentre svolge un buon lavoro nel tenere fuori lo spam, non è infallibile e alcuni commenti legittimi possono talvolta essere scambiati per spam. Quindi controlla regolarmente la tua cartella spam per commenti legittimi.

WordPress Zero-Spam

wordpress-zero-Spam

Un plugin relativamente nuovo, WordPress Zero-Spam aiuta a bloccare automaticamente lo spam senza bisogno di un CAPTCHA. Una volta installato e attivato, farà subito la sua magia. Non ci sono API da configurare.

Consenti agli utenti di fare la moderazione

Infine, un altro modo per mantenere la sanità mentale mentre si moderano i commenti è consentire ad alcuni autori di fare la moderazione. Puoi solo dare ai tuoi utenti più fedeli questo tipo di autorità. Se il tuo blog ha una notevole autorevolezza e autorità, questo potrebbe essere il modo migliore per gestire la moderazione dei commenti.

I membri fedeli della community diventano utenti fidati a cui concedi l’accesso per moderare altri utenti. È possibile creare un sistema di ricompensa per mantenerli motivati, ad esempio consentire loro di tornare ai propri blog. Un plugin come il Editor dei ruoli utente può essere utilizzato per creare e aggiungere senza problemi questo ruolo al tuo blog. Ce ne sono molti altri che potresti esplorare.


Ricorda sempre che hai il pieno controllo su chi commenta i tuoi post e cosa pubblicano. Dai a questa sezione del tuo blog l’attenzione che merita e il tuo blog diventerà un’autorità fidata. La sezione dei commenti del tuo blog è occupata? Come si moderano gli autori dei commenti? Hai idee migliori su come migliorare il filtro antispam senza perdere la sanità mentale? Mi piacerebbe sentire i tuoi pensieri!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map