Lezioni apprese dal mio primo plug-in WordPress commerciale

Ho lanciato il mio primo plugin WordPress commerciale, Dispositivo di scorrimento dei social media WP, circa un anno e mezzo fa. Non avevo mai rilasciato un plug-in commerciale prima, quindi c’erano molte prove ed errori. Durante tutto il processo ho imparato (e sto ancora imparando) alcune lezioni estremamente preziose che influenzeranno il mio futuro sviluppo di plugin per WordPress.


Se hai già viaggiato in questo viaggio, potresti avere l’impressione che molte di queste lezioni siano prive di cervello; Sicuramente mi sento così quando li guardo indietro. Speriamo, tuttavia, che alcuni di voi stiano considerando di dedicarsi allo sviluppo di plugin WordPress premium e si chiedono cosa aspettarsi e come procedere. Spero che le seguenti lezioni ti facciano risparmiare tempo e stress, proprio come hanno fatto per me.

1. Rilasciare un plugin commerciale è molto più semplice di quanto mi aspettassi.

Scrivo plugin per i siti dei miei clienti qua e là da quando ho iniziato a lavorare con WordPress. Adoro usare i plugin per due motivi principali:

  1. Mantengono la funzionalità modulare
  2. Rendono condivisibile la funzionalità (almeno tra i tuoi siti)

Mentre mi preparavo ad addentrarmi nel mondo dei plug-in WordPress commerciali, ho avuto un po ‘di incertezza su quanto sarebbe stata grande un’impresa. Il mio nuovo plugin consumerebbe la mia vita? Avrei bisogno di investire i miei risparmi di una vita in pubblicità per ottenere una singola vendita?

Con queste preoccupazioni in mente, mi sono tuffato a capofitto … e sono rimasto piacevolmente sorpreso da quello che ho trovato. Si scopre che scrivere un plugin commerciale è solo leggermente più difficile che scrivere uno di quei plugin gratuiti che avevo sempre fatto. Non mi ha affatto consumato la vita. E per quanto riguarda la pubblicità, sono stato in grado di ottenere le mie prime vendite anche senza pubblicità. Morto semplice, giusto?

Quindi direi che se conosci già PHP, non c’è motivo per cui non dovresti scrivere plugin WordPress, anche commerciali. È il time-to-ROI più semplice che ho trovato nel mondo PHP.

2. Elimina il lavoro secondario, anche se devi pagare.

Una delle lezioni più difficili da imparare per me è stata che, anche se posso fare tutto da solo, a volte non dovrei.

Esempio 1: la licenza e il sistema di aggiornamento

Il primo esempio è stato con la mia licenza e il mio server di aggiornamento. Ho brevemente considerato di usare il WooCommerce API Manager, ma dopo aver visto il suo prezzo ho deciso che avrei preferito usare la soluzione gratuita: la sempre popolare WP Update Server di Jānis Elsts.

Quindi l’ho completato e l’ho inserito nel mio plug-in e nel mio sito, e ha funzionato abbastanza bene. Alla fine, però, ci è voluto molto tempo e c’è meno funzionalità rispetto a qualcosa del genere WooCommerce API Manager fornisce. E all’improvviso quel prezzo di $ 129 (o qualunque cosa costasse in quel momento) sul WooCommerce API Manager sembrava un prezzo basso da pagare per funzionalità eccezionali e meno tempo di lavoro. Alla fine ho investito più soldi (perché il tempo è denaro, giusto?) Nella soluzione “più economica”.

Sebbene sia sicuro che WP Update Server sia eccezionale in alcuni scenari, ho imparato che per me è più economico e più semplice semplicemente sborsare i soldi e utilizzare WooCommerce API Manager.

Esempio 2: Hosting

Ho amato Digital Ocean da quando le ho scoperte. Hanno un design pulito, ottimi prezzi e tutto è sotto il mio controllo. Mentre il mio cuore vuole andare con Digital Ocean, sono arrivato alla conclusione che probabilmente non dovrei preoccuparmi della gestione del server quando il mio piatto è già così pieno.

Quindi sono passato a Flywheel per la maggior parte dei miei siti WordPress. Forniscono hosting completamente gestito, che è proprio quello di cui avevo bisogno. Non mi sono pentito della decisione per un momento. Il tempo che mi hanno salvato merita il prezzo sempre leggermente più alto.

Il volano è stato perfetto per me.

Il volano è stato perfetto per me.

3. Con un buon supporto puoi usare i bug a tuo vantaggio.

Indipendentemente da quanto esegui il bug test del tuo plug-in, avrai clienti che incontrano bug. Il variegato mondo di WordPress si assicurerà questo. Se gestisci bene le tue richieste di supporto, puoi effettivamente utilizzare i bug a tuo vantaggio.

Ecco cosa intendo. Quando la maggior parte delle persone pensa al supporto, pensa alle risposte lente, al personale di supporto testardo e forse solo – se sono fortunati – una soluzione alla fine. Sfida quella norma. Fornire supporto rapido e di qualità. Se lo fai, ci sono buone probabilità che il tuo cliente penserà meglio di te che se il bug non si fosse mai verificato.

Comunque, spesso ha funzionato per me. In un caso ho avuto un cliente che mi ha contattato per un bug e l’ho aiutata rapidamente a risolverlo. Dopo averla aiutata, è stata entusiasta del mio “fantastico supporto” e mi ha chiesto se poteva complimentarmi con il mio supervisore. Non ho un supervisore, ma ero comunque grato per la gratitudine. Ed ecco la cosa: il bug e il supporto l’hanno resa davvero Di Più entusiasta del plugin. Abbastanza pulito, giusto?

Formalità, shormality.

In termini di supporto, ecco quello che ho trovato funziona meglio: non cerco di essere troppo formale sulle cose. In altre parole, cerco di essere solo gentile e disponibile. Una delle cose che molte persone odiano per le chiamate di supporto è che sembra che la tecnologia di supporto stia semplicemente recitando domande e risposte pre-scritte senza ascoltare il tuo problema. Quindi non lo faccio. Invece, cerco sempre di:

  • Rispondere rapidamente; se possibile, stesso giorno lavorativo
  • Sii attento; Cerco di ascoltare e lavorare con il cliente come se con un amico
  • Non firmo le mie risposte di supporto con il nome della mia azienda. Invece, uso il mio nome (con la firma della mia società sotto, però)
  • Se la richiesta di supporto richiede un ulteriore follow-up, provo a occuparmene anche io
  • io come usare occasionalmente modi di dire (ad esempio abbaiando l’albero sbagliato) e contrazioni informali (ad esempio Whatcha think?)
  • A parte il punto sopra, cerco di usare maiuscole, punteggiatura e grammatica impeccabili

Certo, a volte la follia della vita mi impedisce di offrire il supporto perfetto che avrei piace da dare, ma penso che sia ancora importante avere gli obiettivi giusti.

Quindi tieni a mente tutto ciò. I bug sono cattivi, ma se offri un ottimo supporto trasformerai quella che avrebbe potuto essere una terribile situazione in un potenziale cliente di ritorno. E anche se non tornano, almeno hai reso la giornata di qualcuno un po ‘più luminosa.

4. I plugin sono fantastici per il networking.

Sorprendentemente (per me), ho incontrato nuovi amici e rapporti di lavoro semplicemente perché hanno trovato e utilizzato il mio plugin. Pazzo! Si scopre che il rilascio di un plug-in ti darà l’opportunità di incontrare persone straordinarie nel mondo di WordPress.

Ecco un suggerimento su cui sto cercando di essere migliore: sfruttare al meglio ogni opportunità seguendo le persone che incontri. Seguili su Twitter. Dai un’occhiata al loro sito Web e fai sapere loro se ti è piaciuto quello che hai trovato. Se sei un introverso come me, a volte potresti sentirti strano, ma ho scoperto che le persone quasi sempre piace avere qualcuno che controlla e (sinceramente) complimentarmi con loro per il loro lavoro.

5. Ogni lotta per lo sviluppo è un’idea plug-in.

Nel mio caso, l’idea per Dispositivo di scorrimento dei social media WP è nato quando ho visto che non c’erano plug-in online che mi permettessero di visualizzare i miei post su Facebook, Twitter e Instagram direttamente sul mio sito. Ne avevo davvero bisogno per un progetto a cui stavo lavorando, e dopo lunghe ore di ricerche ho concluso che la soluzione era costruirlo da solo. Dal momento che mi è stato così utile, è stata una decisione facile rilasciarlo al pubblico.

Da quando lo ho rilasciato con successo, ho pensato diversamente ai plugin. Ogni volta che non riesco a trovare un plug-in che soddisfi le mie esigenze, viene emesso un allarme nella mia testa che dice “Probabilmente non sei l’unica persona che desidera un plug-in come questo”.

Ne è un esempio recente: ultimamente ho creato alcuni siti che hanno richiesto molta gestione CSV (esportazione di dati personalizzati, importazione di dati personalizzati per creare CPT, tu lo chiami). Ci sono alcuni plugin là fuori che tipo ho fatto quello che volevo, ma niente era completamente adeguato. Così è scattato l’allarme della “grande idea del plugin” nella mia testa e ho sviluppato la mia soluzione che ho soprannominato CSV Ace. Semplifica l’importazione e l’esportazione di file CSV di qualsiasi cosa in (o fuori) da post, CPT e utenti. (Per inciso, se sembra qualcosa a cui potresti essere interessato, sentiti libero di iscriverti csvace.com per le notifiche sulla sua versione.)

Se, in questo modo, pensi sempre alle tue lotte come a grandi idee per i plug-in, non rimarrai mai a corto di idee e avrai sempre almeno una persona (tu) che ne trarrebbe beneficio!

6. Fa una grande differenza avere una versione gratuita del plugin nella directory ufficiale dei plugin di WordPress.

Il marketing è difficile. Almeno, è difficile se non sai molto sul marketing. Ecco perché assolutamente dovere approfittare del Directory dei plugin di WordPress– probabilmente il marketing più semplice ed economico (gratuito) per i plugin di WordPress. Potrebbe finire per essere la tua più grande fonte di traffico. So che nel mio caso sono stato sorpreso da quante persone trovano Dispositivo di scorrimento dei social media WP attraverso la directory dei plugin.

Directory dei plugin di WordPress

WP Social Media Slider Lite nella directory dei plugin di WordPress

Oltre a essere semplicemente un’opportunità di marketing, avere una versione gratuita del plug-in è anche un ottimo modo per consentire ai potenziali clienti di provare il tuo plug-in. So che molte persone vogliono assicurarsi che il plugin soddisfi le loro esigenze prima di sborsare denaro, e una versione gratuita è proprio quello di cui hanno bisogno.

7. I clienti di ritorno sono una cosa reale, anche se hai solo un plug-in in vendita.

Ho solo un plugin rilasciato in questo momento, quindi all’inizio non ho pensato di tornare clienti. Voglio dire, nella maggior parte dell’industria del software un cliente deve acquistare il software solo una volta.

Ho imparato che il settore dei plugin premium per WordPress è diverso. Nel settore dei plugin di WordPress, molti (probabilmente la maggior parte) dei tuoi clienti acquisteranno il tuo plugin per conto di un loro cliente. Se a loro piace il tuo plug-in, potrebbero prendere in considerazione l’acquisto del plug-in per i futuri clienti.

Tienilo a mente quando fornisci supporto per un cliente. Se lasci una buona impressione su di loro, potresti ottenere più di quella singola prima vendita a loro.

8. Non sottovalutare te stesso; fissare un prezzo equo. Gli sviluppatori probabilmente lo stanno comunque addebitando al proprio cliente.

Quando ho lanciato il plug-in per la prima volta, ho deciso che avrei aumentato le mie possibilità di vendita impostando un prezzo inferiore rispetto a quello che di solito vedevo vendere plug-in. Con questo in mente ho lanciato con un prezzo di $ 15 per Dispositivo di scorrimento dei social media WP.

Dopo alcuni mesi di vendite mi sono reso conto che mi stavo vendendo poco. Questo è stato molto più economico della maggior parte dei plug-in WordPress venduti e il mio plug-in è stato altrettanto prezioso di molti di essi. Quindi ho aumentato il prezzo a $ 29 e non ho visto alcun cambiamento nelle vendite; proprio come molte persone lo stavano comprando. Questo mi ha portato a una realizzazione importante: per molti sviluppatori di WordPress non c’è una differenza significativa tra $ 15 e $ 29 … o addirittura superiore. Stanno acquistando il plug-in e lo addebiteranno come spesa al proprio cliente. Almeno per me, impostare un prezzo super basso non ha indotto altre persone ad acquistarlo.

Certamente non intendo questo come una raccomandazione per fregare la gente. Voglio solo dire che dovresti valutare onestamente ciò che ritieni valga il tuo plugin e venderlo a quel prezzo. Offri qualcosa di unico? La natura del tuo plugin significa che passerai molto tempo sul supporto? Quanto tempo risparmi ai tuoi clienti?

Stabilisci un prezzo equo e fintanto che sarà veramente giusto, i tuoi clienti saranno probabilmente felici di pagarlo.

Tanto da imparare e tanto tempo.

Questo è quello che ho imparato finora. Sono fiducioso che ci sono molte, molte più lezioni da imparare mentre continuo ad esplorare il mondo dei plugin WordPress premium. Per me è piuttosto eccitante.

E tu? Hai sviluppato plugin per WordPress? Hai imparato qualche lezione che vorresti condividere nei commenti qui sotto?

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map