Il prezzo elevato dei plugin gratuiti per WordPress

Prezzo elevato dei plugin gratuiti di WordPress

Per quanto riguarda WordPress, due delle mie cose preferite sono i blog – ovviamente – e l’estensione dell’applicazione principale attraverso l’uso di plugin.


Sì, ho lavorato con i temi e ho persino creato un paio di applicazioni web sulla piattaforma, ma spesso torno a lavorare sui plugin. Sono un po ‘come app per WordPress, giusto?

E in questo momento, c’è una corsa folle per la creazione di app per una varietà di piattaforme: che si tratti di iOS, Android, Mac, Windows e qualsiasi altra piattaforma importante che si possa immaginare.

Ma proprio come lo è con l’edificio nulla, costruire per WordPress presenta le sue sfide. Se sei interessato a creare plug-in particolarmente per divertimento, ecco un riassunto di ciò che dovresti aspettarti.

Cosa ti attende Crea plugin WordPress gratuiti

Il processo di sviluppo è molto diverso dalla creazione di software per qualsiasi altro framework o piattaforma:

  • Hai il livello di applicazione principale, ovvero WordPress, e il suo set di API
  • Hai dipendenze, ovvero JavaScript, fogli di stile e librerie di terze parti
  • E hai un set di standard di codifica
  • … e altro ancora

Ma la cosa importante da notare è che se hai appena iniziato con questo, o se provieni da un’altra piattaforma, lingua o comunità, solo perché stai per offrire il tuo plugin gratuitamente non necessariamente significa che puoi svilupparlo come se fosse il selvaggio west.

In particolare, ogni volta che invii un plug-in al repository di plug-in di WordPress, la tua base di codice viene controllata prima che venga approvata.

Questo è un modo fantastico per garantire un certo livello di qualità per ciò che è reso disponibile attraverso il repository WordPress, giusto?

Ma c’è un’eccezione!

Ho detto che non potevi svilupparti come se fosse il selvaggio west, ma la verità è che se stai pianificando di rilasciarlo sul tuo blog, sul tuo sito o su qualsiasi altra proprietà tu possa possedere, allora sei praticamente libero di costruirlo come meglio credi.

Il fatto è che, nel tempo, le persone sono diventate un po ‘caute nell’utilizzare temi WordPress gratuiti e plugin WordPress che non sono ospitati da una fonte attendibile o che non sono premium a causa della loro mancanza di qualità.

Non è necessariamente che il set di funzionalità sia scadente, è che il livello di qualità del codice è scadente e spesso si traduce in troppi hack, problemi di compatibilità o problemi di esperienza generale dell’utente. Anche se il tuo lavoro può non di conseguenza, è probabile che sviluppi tale reputazione semplicemente a causa della reputazione che questo tipo di lavoro ha sviluppato.

Quindi fatevi un favore e ricevete un controllo gratuito dal team di revisione dei plugin di WordPress.org. Non hai altro che qualità da guadagnare da questo.

Strumenti disponibili gratuitamente

Inoltre, se stai cercando di rilasciare un plug-in gratuito e ti impegni a seguire le linee guida per lavorare con le migliori pratiche, il repository di plug-in di WordPress offre una varietà di strumenti gratuiti da utilizzare per supportare il tuo plug-in.

wordpress-repository

Oltre al controllo del codice sorgente, ottieni anche:

  • Una homepage per il plugin
  • Il plug-in è indicizzato e può essere ricercato dalla dashboard di WordPress
  • La home page del repository include un forum di supporto gratuito in modo da poter supportare i tuoi utenti
  • Un sistema di classificazione per gli altri per segnalare quanto piace (o non piace) al tuo lavoro
  • Istruzioni per l’installazione
  • Un modo per gestire le domande frequenti
  • Statistiche su quante persone eseguono quale versione del tuo lavoro
  • … e altro ancora

Dolce, giusto?

Ma ecco la cosa di cui poche persone discutono o addirittura sanno quando entrano in questo gioco: se hai un plugin che diventa particolarmente popolare, il supporto può diventare straordinariamente impegnativo.

Sei una persona che mantiene un progetto installato su decine di migliaia di blog e tutte queste persone hanno la possibilità di condividere problemi relativi al tuo lavoro.

Ora, se hai l’obbligo di aiutare queste persone è una zona grigia per molte persone. Alcune persone dicono che, poiché è gratuito, non vi è alcun obbligo; altri dicono che da quando lo hai rilasciato, dovresti essere pronto a supportarlo.

Questo non è il posto per quel dibattito.

Ovunque cadi, non sottovalutare il tempo che può richiedere il supporto. A tal fine, esorto anche voi ragazzi a leggere un ottimo post di Chris Lema su differenziazione tra clienti e utenti.

Una parola sul supporto

Non sarei sicuro di non aver enfatizzato abbastanza l’aspetto del supporto. Per quanto grande sia il repository di plug-in di WordPress, può generare molti sentimenti negativi verso un progetto che una volta hai iniziato ad amare semplicemente a causa della mole di richieste che arrivano per il supporto (siano esse funzionalità, richieste o bug autentici ).

Non sto dicendo di ignorare queste richieste – dopo tutto, alcune persone si prenderanno il tempo per riferire su cose che renderanno il tuo lavoro migliore; tuttavia, se in genere le persone ricevono un compenso per il loro tempo e stai spendendo una quantità esorbitante di tempo per rispondere alle domande di supporto, potrebbe essere il momento di prendere in considerazione l’introduzione di un tipo di modello di business nel tuo plug-in.

Anche se questo non rientra nell’ambito di questo post, penso che valga la pena menzionare che offrire una versione gratuita di un plugin premium è una strada da percorrere. Se le persone apprezzano il tuo plug-in e trovano valore in esso, spesso sono disposte a pagare per il supporto.

“Il tuo plugin fa schifo!”

Una delle maggiori sfide nella gestione di un prodotto riguarda il livello di reclami che potresti ricevere.

La verità è che le persone raramente chiama i centri di assistenza clienti per dire “grazie” o per dire “ottimo lavoro”, giusto? Voglio dire, quanto spesso lo fai veramente fai sapere alla tua compagnia di telefonia mobile che sei contento di non aver ricevuto una chiamata interrotta con l’ultima chiamata?

Esattamente.

A tal fine, la spedizione di un prodotto a qualsiasi titolo, incluso un plug-in WordPress, è soggetta a questo, quindi se non hai ancora sviluppato un plug-in o sei sul punto di rilasciarne uno, allora sii pronto per i reclami.

Non sono quegli utenti non fare elogiare i plugin che usano. Mentirei se dicessi che non è successo, ma il numero di lamentele spesso supererà di gran lunga il numero di elogi.

Questa è semplicemente la natura di come funzionano le persone e, quindi, il mercato.

Penso che siamo tutti costruiti diversamente per quanto riguarda il ricevere critiche. Alcune persone hanno la pelle spessa e possono prenderla, lasciarla rotolare giù dalla schiena e andare; altri, non così tanto. Ma è qualcosa che può essere appreso e sviluppato nel tempo.

Quindi, se fai parte di quest’ultimo gruppo e stai solo entrando nel mercato: preparati, ma non prenderlo sul personale. Succede a tutti noi e, a rischio di fare un gioco di parole, le parole continuano ad essere premute :).

Ora vai a creare un plug-in

Fondamentalmente, questo post è un “se sapessi allora quello che so ora” su WordPress, quindi avrei scorciatoia molti errori, passi falsi e l’apprendimento di alcune lezioni nel modo più duro.

Penso che tutti apprezzino così tanto l’apprendimento dagli altri fiduciosamente questo post ha contribuito ad abbreviare alcune delle cose che in genere vengono con il rilascio di un plugin.

Ad ogni modo, parlare è economico. Vai a costruire qualcosa :).

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me