Guida all’ottimizzazione del tasso di conversione in WordPress

Ottimizzazione del tasso di conversione (CRO) è un’importante tecnica di ottimizzazione del sito Web che si occupa di come i visitatori interagiscono con il tuo sito Web. È essenzialmente un modo per traccia e ottimizzare il numero di visitatori che lo sono acquistando effettivamente il tuo prodotto o eseguendo l’azione desiderata.


Ecco un fatto interessante: un sito Web con traffico elevato ma con un basso tasso di conversione genera meno entrate rispetto a un sito Web con traffico relativamente più basso, ma con un tasso di conversione più elevato. In altre parole:

Un tasso di conversione più elevato genera entrate migliori.

Glossario

Di seguito sono riportati alcuni termini che dobbiamo comprendere prima di procedere con la guida. Analizziamolo in modo da non dimenticare:

  • Conversione: Quando un visitatore esegue uno specifico azione nel tuo sito web, è definito come una conversione.
  • Azione: Un’azione può essere qualsiasi attività o transazione che desideri venga eseguita dal visitatore. Potrebbe essere iscriversi alla tua newsletter, acquistare il tuo servizio (o promosso), iscriverti al tuo canale social, ecc.
  • Tasso di conversione: Prendi il numero di persone che si convertono e dividerli per il numero totale di visitatori al tuo sito. Ad esempio, se il tuo sito ha 1000 visitatori, di cui 50 convertiti, hai un tasso di conversione del 5%

Formula del tasso di conversione

  • Imbuto di conversione: La sequenza di azioni eseguite da un visitatore per trasformarsi in un cliente. (Un cliente in questo contesto è qualcuno che esegue l’azione desiderata)

Un semplice imbuto di conversione

  • Call to Action (CTA): È il pulsante che i visitatori dovrebbero fare clic per eseguire l’azione desiderata. Potrebbe essere qualsiasi cosa tra “Acquista ora”, “Iscriviti per una prova gratuita” o creativi come “Vedi perché stai perdendo soldi”.

Scambio di rimbalzo

Lo scambio di rimbalzi è una delle frontiere nella tecnologia di uscita-intento. I pulsanti che vedi sono i CTA. 

Puntatori chiave

Passando, ecco alcune linee guida di base per CRO, prese in prestito da Neil Patel (un noto esperto di analisi).

  • I tuoi sforzi CRO dovrebbero essere indirizzati verso il punteggio di più conversioni, vale a dire aumentare il tasso di conversione.
  • CRO non è basato su ciò che vuoi. Riguarda mettiti nei panni dei tuoi visitatori e pensare dalla loro prospettiva. È il processo per rendere l’azione desiderata per il tuo visitatore il più semplice e affidabile possibile.
  • CRO può essere affrontato in due modi: prove supportate e tecniche generiche. Il primo richiede più sforzi e di solito ha un ROI migliore.
  • Tecniche generiche potrebbe non funzionare sempre. Ciò che funziona per un sito Web potrebbe non funzionare per un altro.

processo cro

CRO è un processo evolutivo

  • Prove supportate Gli sforzi CRO dovrebbero essere incentrato sull’utente e guidato dai dati. Non dovrebbe basarsi esclusivamente sulle tattiche dei libri di testo. Devi studiare i tuoi utenti, ottenere approfondimenti e formulare ipotesi, testarli e ripetere il processo fino a raggiungere il tuo obiettivo di conversione.
  • Ricerca mostra che troppe scelte influenzano il nostro processo decisionale. Pertanto ogni azione desiderata dovrebbe essere collocata nella propria pagina di destinazione. È meglio non ingombrare una singola pagina con troppe opzioni o CTA.
  • In seguito al punto precedente, i tuoi sforzi CRO dovrebbero mirare anche a massima esperienza utente. Non lasciare che l’utente indovini se desidera solo scaricare l’eBook o iscriversi separatamente alla tua newsletter. Invece offri loro un unico modulo di iscrizione alla newsletter in cui ricevono una copia gratuita del tuo eBook.
  • Ricorda, meno scelte = tempo inferiore per il processo decisionale = conversione più rapida.
  • Le immagini valgono più di 1.000 parole e alcune immagini funzionano meglio a seconda del pubblico di destinazione. Immagini reali a volte sovraperformare le immagini stock.

Cosa distingue CRO – Perché è così importante?

CRO è una di quelle tecniche che considerano qualità più che quantità. Come ho accennato in precedenza, un sito Web ad alto traffico ma senza conversioni ti costerà denaro. Quindi, invece di concentrare i tuoi sforzi di marketing sull’acquisizione di più traffico, dovresti lavorare su convertendo il traffico che hai già. Massimizza i tuoi profitti senza dover pagare per più traffico (ovviamente, dovresti sostenere il costo del processo CRO).

Gli sforzi della CRO richiedono investimenti significativi in ​​termini di tempo (e potenzialmente finanziari). Dividere equamente il budget di marketing nel traffico e SEO e CRO è una buona idea. Analizzando il tuo traffico CRO ti aiuta a segregare il giusto tipo di visitatori per la tua attività. Con il guidato dai dati approccio di ricerca, puoi capire il tuo tipo di clienti. È possibile utilizzare questi risultati, a perfeziona il tuo SEO e gli sforzi di acquisizione del traffico per acquisire il traffico target. Questi visitatori lo sono più probabilità di convertire.

cro migliora l'acquisizione del traffico

CRO migliora il processo di acquisizione del traffico

Il processo CRO

1. Identifica la pagina che devi ottimizzare

Posa le basi: sai cosa devi fare. Identificare il elemento nel tuo sito necessita di ottimizzazione. Non è facile come sembra. Come abbiamo visto prima, CRO dipende dal tuo sito Web e, soprattutto, dal tuo pubblico. Una tattica che funziona brillantemente su un sito, potrebbe non funzionare sul tuo.

Ecco un esempio. Prendi in considerazione una situazione in cui sei specializzato in servizi di consulenza WordPress e offri una consulenza gratuita. Il tuo obiettivo dovrebbe essere quello di ottimizzare la pagina e il CTA che contiene la consulenza gratuita. Le persone hanno maggiori probabilità di convertirsi se lo fanno piace l’offerta gratuita iniziale.

2. Stabilire una linea di base

Prima di poter iniziare a ottimizzare, è necessario sapere come sono state le prestazioni precedenti. Ecco dove entra la linea di base. Cerca le statistiche di conversione e stabiliscile come base. Assicurati di selezionare a durata praticabile (giorni, settimane o mesi) a seconda del traffico e attenersi ad esso per l’attuale processo CRO.

Come procedere su WordPress:
Esperimenti sui contenuti di Google, che fa parte di Google Analytics, è un ottimo modo per dividere le pagine di test di WordPress. Consente la creazione di obiettivi e la registrazione di varianti di pagina per il monitoraggio. Aiuterà i webmaster a identificare una pagina “vincente”. C’è un collegare per integrare Google Content Experiments con il tuo sito Web WordPress, fornendo un’interfaccia per aggiungere facilmente lo snippet di codice alle tue pagine. Discuteremo un intero elenco di strumenti di ottimizzazione del tasso di conversione in WordPress in un prossimo articolo della serie.

3. Identificare le barriere

Ora che hai optato per una determinata pagina che desideri ottimizzare, inizia separando l’imbuto di conversione in parti logiche. Se hai una frequenza di rimbalzo elevata, identifica la parte in cui gli utenti tendono a partire. Questa è la parte che vuoi cambiare. Preparare versioni diverse di quella parte e testare ciascuna di esse.

Non sempre gli utenti vogliono lasciare il tuo sito. A volte potresti voler implementare piccole (o grandi) modifiche alla tua landing page e vedere come si stanno comportando rispetto a quella precedente.

Ad esempio, potresti aver inserito il tuo CTA in una giostra, il che è una pessima idea. In un dispositivo di scorrimento automatico a tre diapositive, il CTA sarebbe nascosto due terzi del tempo! È molto meglio avere un landing page statica con le informazioni facilmente visibili. Lo stesso vale per le splash page Flash e HTML5. Sono di vecchia scuola, fuori moda e orribili sia per SEO che per CRO, indipendentemente da quanto siano belli.

4. Distruggere le barriere

Se la frequenza di rimbalzo è elevata, chiediti: perché i visitatori stanno andando in questa particolare pagina?

Ecco alcune domande per aiutarti a individuare il colpevole:

  • Il CTA è ben visibile o è difficile da trovare?
  • Se il CTA è selezionabile? Le persone fanno clic sul CTA?
  • In entrambi i casi, utilizzare il software di analisi della mappa di calore per ottenere lo stesso risultato.
  • È il barra del rischio troppo alto? Ad esempio, chiedere i dettagli della carta di credito per una consulenza gratuita non è una buona idea. D’altro canto, la visualizzazione di “nessuna carta di credito richiesta” offre maggiori possibilità di conversione.

Quando desideri implementare piccole modifiche alla tua landing page, puoi farlo sperimentare con il seguente:

homepage di envato

La home page di Envato utilizza un approccio testimonial + CTA

  • Cambia la microcopia sul CTA
  • Cambia il layout del CTA (pulsanti più grandi, dimensioni del testo, stile del carattere, ecc.)
  • Prova un diverso set di colori per l’intera landing page. La ricerca lo dimostra il colore influenza l’umore e il comportamento dell’utente.
  • Modifica della quantità di dati sulla pagina di destinazione: gli utenti stanno scorrendo troppo per raggiungere il CTA?
  • Ogni quanto tempo visualizzo il CTA? Che effetto ha la visualizzazione del CTA più volte sul tasso di conversione?
  • Sono i miei titoli abbastanza magnetico?
  • Modifica della posizione delle testimonianze, del portafoglio e della clientela del cliente.
  • Sono io chiedere troppo informazioni sul modulo di iscrizione? Ad esempio, è una buona idea non chiedere l’indirizzo del cliente quando il servizio di elaborazione della carta di credito non lo richiede.

5. Sciacquare e ripetere

Dobbiamo capirlo CRO è un processo in continua evoluzione. Dopo aver sperimentato un insieme di tecniche per un particolare insieme di elementi, ottieni un determinato tasso di conversione. Un cambiamento nella tendenza del settore influisce sulle masse. Pensa al boom degli smartphone e all’Internet of Things. Ciò porta a uno spostamento nell’interesse delle masse.

Ieri si trattava di possedere un paio di cuffie decenti. Oggi si tratta di boombox wireless: il Beats Pill.

Modi generali per migliorare CRO

Finora abbiamo parlato di tecniche specifiche di marketing – identificare le barriere, Ottimizzazione CTA, microcopy, ecc. Ora diamo un’occhiata ad alcuni dei altro modi in cui puoi migliorare il tuo tasso di conversione. Questi metodi sono generici e si applicano a tutti i siti Web che mirano a una buona esperienza utente (UX).

A nessuno, incluso Google, piace un sito Web lento.

Esistono molti modi per migliorare la velocità del tuo sito Web: in precedenza li abbiamo trattati sul blog, quindi spero che questi siano un po ‘familiari.

Tecniche geek e / o che richiedono tempo (non importa quanto piccole):

Vuoi una gratificazione immediata? Puoi implementare una migliore memorizzazione nella cache o una CDN per aiutarti a migliorare la velocità del tuo sito oggi. Ecco le nostre opzioni preferite.

1. Implementa la memorizzazione nella cache di WordPress

2. Utilizzare una rete di distribuzione dei contenuti

Tecniche senza problemi:

In genere costano di più ma ti danno pace della mente. Ecco un elenco delle diverse tecniche di hosting, ordinate in ordine decrescente di costo:

1. Hosting WordPress gestito

wpengine

Trasferisci il tuo sito WordPress su un noto hosting WordPress gestito compagnia – lo sono incredibilmente veloce e non devi preoccuparti di problemi di hosting / velocità / sicurezza / aggiornamento. Tutto quello che devi fare è pagare la fattura mensile e sei libero di farlo concentrati sui tuoi contenuti.

  • Esempio: Noi di WPExplorer utilizziamo e raccomandiamo WPEngine
  • Costo: $ 30-250 USD / mese

2. Hosting WordPress condiviso

Siteground

Usato a hosting condiviso di WordPress servizio. Questo è un modulo di hosting condiviso specializzato per WordPress ed è stato recentemente introdotto dalle principali società di hosting.

  • Esempio: SiteGround, Media Temple
  • Costo: $ 15-80 USD / mese

3. Servizio di hosting cloud gestito

CloudWays

Usare un servizio di cloud hosting gestito come Cloudways: ospitano e gestiscono il tuo sito WordPress in provider di cloud hosting come Microsoft Azure, DigitalOcean e Google Cloud.

  • Costo: $ 5-300 / mese

4. Servizi di hosting cloud

wordpress digitalocean

Aziende come DigitalOcean creano cloud hosting facile e conveniente. Forniscono anche installazioni WordPress con un clic in modo da poter distribuire un sito Web pronto per WordPress in meno di un minuto.

  • Svantaggio: Devi essere tecnicamente solido e la risoluzione dei problemi è una vera seccatura.
  • Professionisti: Tra i lati positivi, ottieni maggiore potenza e controllo sul tuo server, con un minuto aumento dei costi di hosting rispetto all’hosting condiviso.
  • Costo: $ 5-300 / mese

5. Hosting condiviso

bluehost

L’hosting condiviso non richiede presentazioni. È un primo passo conveniente per CRO e con l’installazione di WordPress con un clic puoi iniziare sul tuo sito abbastanza rapidamente.

  • Esempio: BlueHost
  • Professionisti: Uno dei modi più semplici e affidabili per distribuire un sito WordPress per principianti.
  • Contro: Potrebbe portare a tempi di inattività e sospensione dell’account durante picchi di traffico.
  • Costo: $ 4-8 / mese

Conclusione

Pertanto, la tua organizzazione Gli sforzi della CRO non sono una tantum. Simile al SEO deve tenere il passo con il ultimi interessi del tuo visitatore.

Ricerca. Disgregare. Ripetere.

Nel prossimo articolo, daremo un’occhiata ad alcuni fantastici plugin di WordPress che ti aiuteranno a concentrarti sul processo di ottimizzazione del tasso di conversione con un sovraccarico tecnico minimo.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map