Come ottimizzare i post sul blog sul tuo sito WordPress prima della pubblicazione

Come ottimizzare i post sul blog sul tuo sito WordPress prima della pubblicazione

Ciao amico. Se sei un blogger come me, allora dovresti sapere com’è indossare un miliardo di cappelli alla volta. Come proprietario del tuo blog, sei tu quello che cerca i dati giusti che dovrebbero essere interessanti da leggere per il tuo pubblico. Sei l’unico che è reattivo per scrivere i tuoi contenuti, modificarli e ottimizzarli SEO. Eseguire tutti questi e molti altri compiti alla volta non è uno scherzo. È facile perdere alcuni punti importanti quando fai clic sul pulsante “pubblica”. Quindi, per aiutarti a sentirti sicuro di non aver saltato nulla, abbiamo deciso di presentare questa lista di controllo per i blogger.


In questo post fornisco 15 cose chiave che devi fare prima di premere il pulsante “pubblica”. Anche se a prima vista può sembrare troppo, la maggior parte di questi passaggi sono piuttosto semplici e veloci da realizzare. Inoltre, scrivere una buona copia del testo è degno di un paio di minuti extra spesi per la sua modifica, in modo che tutto il tempo e lo sforzo che hai applicato durante il lavoro su di esso saranno apprezzati dai tuoi lettori.

Passaggio 1: creare un titolo convincente

Il titolo del tuo post sul blog è uno degli elementi più potenti che può includere. A seconda del modo in cui la strutturi, le persone decideranno se la tua pubblicazione merita la loro attenzione. In base al modo in cui scrivi il titolo, il tuo blog / non riceverà un sacco di traffico organico dai motori di ricerca. Di norma, il titolo di un post è l’ultima cosa su cui i blogger lavorano durante la creazione del post. Almeno, è così che creiamo post su MonsterPost.

Esistono molte tecniche diverse che puoi applicare mentre lavori sul titolo del post. Inizia con un titolo di lavoro. Questa sarà la base della tua versione finale del titolo. Mantieni il titolo breve. Saranno sufficienti fino a 70 caratteri per una corretta visualizzazione nei risultati della ricerca. Una volta che hai trovato la tua versione del titolo del post, fai un brainstorming con qualcun altro. Non dimenticare di includere parole chiave o frasi nel titolo. Ciò aumenta le tue possibilità di raggiungere il pubblico giusto e ottenere una più ampia esposizione nei motori di ricerca.

Passaggio 2: formattare la copia

È molto più semplice leggere un testo che è diviso in sezioni più piccole. Evitare lunghi paragrafi è una buona pratica. 5-6 righe di testo è la lunghezza corretta dei paragrafi che verranno letti dal pubblico, non ignorati.

Di norma, quando si imbattono in qualsiasi post del blog, le persone scansionano il contenuto prima di decidere di leggerlo. Per mezzo di sottotitoli, è possibile inviare meglio il messaggio del tuo articolo ai lettori. In questo modo, gli utenti possono vedere un rapido piano delle idee evidenziate nel tuo post, rendendosi così meglio conto di cosa tratta effettivamente il tuo post.

Passaggio 3: formattazione delle immagini

Sappiamo tutti che una singola immagine aggiunta a una pagina Web è uguale a mille parole. Forse nulla può danneggiare la tua pagina web più di un’immagine di scarsa qualità e di foto mal formattate. Quindi, prima che il tuo post venga pubblicato, assicurati che ogni contenuto visivo sia dimensionato correttamente e che si adatti bene a qualsiasi schermo del dispositivo.

Oltre alla qualità, le foto pertinenti sono post, occupati di aggiornare il tuo blog con un logo ad alta risoluzione che renderà il tuo progetto più riconoscibile a una comunità web più ampia. Inoltre, non trascurare l’ottimizzazione dei tag alt e dei tag titolo delle immagini. Ciò ti aiuterà a rendere i tuoi contenuti più reperibili sul Web.

Quando lavori su un WordPress creato sulla base di un tema già pronto da TemplateMonster (ad esempio), avrai tutti gli strumenti di ottimizzazione SEO a portata di mano. Quindi, pensa ai tuoi contenuti e alla richiesta di ricerca che il tuo pubblico di destinazione utilizzerà per trovarli.

Passaggio 4: Immagini in primo piano

Questo punto è particolarmente rilevante per tutti coloro che gestiscono un blog basato su WordPress. Migliorare le tue pubblicazioni con immagini in primo piano può essere importante per una serie di motivi. Innanzitutto, tramite un’immagine in primo piano è possibile catturare l’attenzione degli utenti. A seconda del modo in cui lo progetti, l’immagine in primo piano può contenere un messaggio intrigante o indicare chiaramente le cose che stai per evidenziare nel tuo post.

Immagini in primo piano per post

A causa dell’ampio WordPress funzionalità, un’immagine in primo piano della tua pubblicazione può essere utilizzata in vari modi. Ad esempio, questo può essere automaticamente estratto per essere utilizzato come un dispositivo di scorrimento dei post recenti.

L’aggiunta di immagini in primo piano verticali con testi posizionati sopra di esse ti aiuterà ad attirare più attenzione sul tuo contenuto mentre una persona scorre un feed di notizie su piattaforme di social media. Discuteremo l’importanza dei social media un po ‘più avanti in questo post. Tuttavia, un’immagine verticale ben progettata rende i tuoi contenuti più visibili, aumentando così le tue possibilità di indirizzare più traffico.

Passaggio 5: SEO

Anche se carichi i tuoi post con splendide immagini e ne scrivi una copia brillante, tutti gli sforzi andranno invano a meno che non ottimizzi i dati per i motori di ricerca. Il modo in cui il tuo blog classifica le parole chiave del settore sulle SERP è di importanza fondamentale quando si tratta di aumentare il traffico organico e la generazione di lead.

Per rendere più reperibile il post del tuo blog, assicurati di includere nel testo parole chiave basate sull’industria. Quando si ottimizzano i dati, accertarsi che le parole chiave non influiscano sulla leggibilità complessiva. Inoltre, non dimenticare di aggiungere collegamenti interni ad altre pagine del tuo blog. Questo non solo può aiutarti a ottimizzare meglio i tuoi contenuti per i motori di ricerca, ma anche a dare più valore ai tuoi lettori offrendo loro un rapido accesso ad altri dati rilevanti sul tuo sito.

Passaggio 6: verifica dei collegamenti

Dopo aver aggiunto collegamenti interni ai tuoi contenuti, è giunto il momento di controllare come funziona tutto. Di norma, questo dovrebbe essere fatto manualmente per non perdere un singolo link interrotto all’interno dei tuoi contenuti.

I collegamenti esterni richiedono anche un controllo manuale preciso. I tuoi contenuti includono pulsanti CTA? Vai a dare un’occhiata anche a loro.

Passaggio 7: controllo tra dispositivi

Sempre più spesso le persone preferiscono i dispositivi mobili quando devono controllare le notizie o vedere alcuni aggiornamenti sugli argomenti preferiti. Questo è il motivo per cui, prima di pubblicare qualsiasi contenuto, ricontrolla quanto bene i dati che condividerai appariranno su più dimensioni dello schermo.

È sempre un grande vantaggio costruire un sito sulla base di un quadro reattivo. Questo ti libera dalla necessità di sviluppare versioni separate del tuo sito per dispositivi desktop e mobili, che è sia economico che economico.

Inoltre, Google classifica i siti ottimizzati per i dispositivi mobili nei risultati di ricerca. Quindi, rendere i tuoi contenuti correttamente visualizzati su una varietà di dimensioni dello schermo consente di uccidere due uccelli con una fava. Da una parte, il tuo blog diventerà più user-friendly. D’altra parte, sarà più reperibile su Google.

Fortunatamente per te i temi più popolari sono già progettati in modo reattivo. Il tema Total, ad esempio, offre un layout reattivo fluido e immediato. Ma il tema include anche opzioni bonus se si desidera impostare le larghezze del sito personalizzate per tutte le dimensioni dei dispositivi.

Passaggio 8: compatibilità tra browser

Ora che sappiamo che i tuoi contenuti funzionano senza problemi su qualsiasi schermo del dispositivo, è tempo di verificare quanto bene vengono visualizzati in tutti i principali browser web. Pensa alle possibili app di navigazione Web che il tuo pubblico potrebbe utilizzare e vedi quanto bene il contenuto viene caricato e visualizzato laggiù.

Passaggio 9: incoraggiare le discussioni

Tornando al post editing, rendiamo la tua copia stimolante e stimolante per la discussione. Come fai a sapere se il tuo articolo ha apportato valore ai lettori se non ricevi i loro commenti?

Uno dei modi comprovati per incoraggiare le discussioni sotto i tuoi post è porre ai tuoi lettori un paio di domande alla fine dell’articolo. Nella sezione schema, le persone generalmente cercano un breve riassunto delle cose che hai evidenziato nella tua pubblicazione o una sorta di “invito all’azione” per fare effettivamente qualcosa. Terminare il testo con una o due domande può incoraggiare i tuoi lettori a lasciare un commento con le proprie impressioni sulle cose che hai evidenziato o condividere la propria esperienza su un argomento suggerito.

Passaggio 10: correzione di bozze

Sembra qualcosa che i blogger dovrebbero fare come azione predefinita, tuttavia per qualche ragione non tutti riescono a correggere i loro post prima della pubblicazione. Affinché tu non sembri un idiota troppo pigro per controllare il testo prima di renderlo attivo, si consiglia vivamente di rileggere ciò che hai scritto più volte.

Potrebbero esserci errori di ortografia comuni che potresti fare in fretta nell’esprimere i tuoi pensieri in un documento. Siamo tutti umani e commettiamo errori. Quindi, solo per non danneggiare la tua reputazione e lasciare che i tuoi lettori apprezzino ogni riga di testo che condividi, correggi attentamente i testi.

Mentre lavori su una pubblicazione sul blog, scrivine una metà e salva la bozza. Controlla ogni singola parola che hai scritto e ricontrolla se non hai commesso errori di ortografia. Correggere tutti i flussi di scrittura prima che la pubblicazione venga pubblicata. Leggi frase dopo frase. Correggi ogni due volte e solo successivamente continua a muoverti ulteriormente.

Passaggio 11: Pubblica e aggiungi

Ora, dopo aver eseguito tutte le operazioni di modifica e ottimizzazione, è giunto il momento di pubblicare i tuoi post. Il prossimo passo sarà appuntare il tuo articolo su Pinterest. Se non hai ancora creato una bacheca separata per il tuo blog, è giunto il momento di farlo.

Non appena la tua pubblicazione viene pubblicata, aggiungi le immagini che hai incluso nella tua bacheca Pinterest. In un paio di giorni, vai avanti e trova le schede pertinenti dove puoi fare lo stesso. Mentre fai azioni così semplici e ripetitive, puoi distribuire la tua pubblicazione a un pubblico più ampio, rendendo così il tuo blog più reperibile sul web.

Passaggio 12: condividi il tuo post su Facebook e Twitter

Diventa fantasioso ridistribuendo la tua pubblicazione su Facebook e Twitter. Puoi condividerli manualmente o utilizzare i programmi di post-pianificazione che faranno tutto automaticamente per te. Per rendere più evidenti i tuoi post, accompagna i tweet e i post di Facebook con le immagini. Quando carichi i tuoi post sui social media con contenuti visivi, assicurati di averli dimensionati in base a Standard di Facebook e Twitter.

Passaggio 13: pubblica tweet per più volte

Il feed di Twitter viene aggiornato con nuovi post a una velocità incredibile. Quindi, è probabile che la pubblicazione che condividi una volta sola andrà persa in un flusso costante di altri tweet. Affinché ciò non accada, si consiglia di condividere nuovi post di blog su Twitter per diverse volte nei prossimi due giorni dopo la loro pubblicazione sul tuo blog.

Può sembrare un’attività scoraggiante condividere i tuoi post manualmente più e più volte. Questo è quando entreranno in gioco i programmi di post-programmazione. Con il loro aiuto, puoi impostare lo stesso post in modo che appaia nel feed di notizie un paio di giorni dopo la pubblicazione, oltre a ricordare alla comunità dei social media la sua esistenza in pochi mesi. Pertanto, puoi far circolare più volte i tuoi contenuti precedenti.

Passaggio 14: commenti

Ogni volta che il tuo post riceve un commento, non lasciarlo senza una risposta. Si tratta di entrambi i commenti che le persone lasciano sotto un post sul tuo blog e sui social media. Fai uno sforzo extra per rispondere ai commenti contenenti domande. Anche i lettori più premurosi dovrebbero ottenere una risposta sulle loro riflessioni.

Rispondendo ai commenti mostri che ti interessa l’opinione dei tuoi lettori e che apprezzi ogni singolo momento che hanno trascorso per leggere il tuo articolo. Nel vederlo, è più probabile che le persone tornino poiché vedono quanto sono apprezzate.

Passaggio 15: Analytics

Oltre ai commenti degli utenti che sono forti indicatori dell’interesse pubblico nei tuoi post, si consiglia di tenere traccia del numero totale di visualizzazioni di pagina e riflessioni raggiunte da ogni post pubblicato il mese scorso. statistiche di Google ti aiuterà a gestire questo compito meglio di ogni altra cosa. Le statistiche ti mostreranno quali argomenti sono i più richiesti tra i tuoi lettori, quindi otterrai una migliore comprensione di come continuare a muoverti per un successo maggiore.

Avvolgendo

Eccoci qui. Questi sono stati 15 dei passaggi più collaudati ed efficaci che i blogger devono prendere in considerazione prima di pubblicare i propri post sul Web. Alcuni di loro sono provati e veri ma non per questo meno efficaci. Applicali in pratica e vedi quanto più il pubblico si impegnerà con il tuo blog.

A proposito, c’è qualcos’altro che pensi debba essere menzionato nell’elenco? Facci sentire i tuoi pensieri nella sezione commenti!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me