Come impostare una strategia di marketing utilizzando WordPress

Alcune persone sembrano pensare che tutto ciò che devono fare è configurare il loro sito WordPress e andarsene. Tuttavia, come avrai intuito, questo non è vero. In effetti, devi mettere insieme una strategia di marketing e attenersi ad essa se vuoi vedere il tuo sito WordPress avere successo nel lungo periodo.


Detto questo, di seguito sono riportati sei passaggi che puoi intraprendere per creare una strategia di marketing per il tuo sito da zero.

Passaggio 1: considera (e testa) il tuo progetto

Creare un sito Web che ti piace guardare è un vero risultato. Come qualsiasi designer o sviluppatore ti dirà, è un giorno raro in cui non ti stanchi assolutamente di guardare un sito Web durante il processo di progettazione. Quindi, quando ne incontri uno che ami giorno dopo giorno, probabilmente ti senti come se avessi davvero colpito il segno. Sfortunatamente, semplicemente apprezzare l’aspetto di un sito non è un indicatore di successo.

L’unico modo per sapere veramente se il tuo sito ha successo è testarlo. Sono disponibili diversi strumenti che ti consentono di farlo con relativa facilità. Molti possono essere integrati direttamente nella dashboard di WordPress, il che è un livello di praticità con cui posso sicuramente salire a bordo. Quello che devi fare è selezionare un aspetto del design del tuo sito che desideri testare. Quindi, crea versioni alternative di questo elemento di design. Da lì, è possibile condurre un test A / B o multivariato utilizzando Esperimenti di Google Analytics.

Esperimenti sui contenuti di Google

C’è un plugin per WordPress (Google Content Experiments Plugin gratuito per WordPress) che rende molto semplice condurre questi esperimenti all’interno del tuo sito WordPress che vale la pena verificare se sei seriamente intenzionato a rendere il tuo sito il più commerciabile possibile.

Potresti anche sfruttare la funzione dei tipi di post personalizzati per creare modelli di post che possono essere eseguiti in qualsiasi momento. In questo modo, puoi avviare una nuova landing page o un invito all’azione senza dover approfondire il codice ogni singola volta. Ciò garantisce anche una coesione del design nell’intero sito.

Passaggio 2: SEO è Marketing

Non che avresti potuto davvero dimenticarlo, ma l’ottimizzazione dei motori di ricerca è sicuramente una parte importante dei tuoi sforzi di marketing. Almeno dovrebbe essere. E mentre la struttura della maggior parte dei siti WordPress favorisce un rapido posizionamento del sito, non sono esattamente ottimizzati immediatamente. Per questo, devi fare un po ‘di messa a punto.

Per cominciare, questo significa deselezionare quella fastidiosa casella in Impostazioni per “Scoraggiare i motori di ricerca dall’indicizzazione di questo sito”.

Da lì, dovrai pensare a cose come permalink e 301 reindirizzamenti e … beh, può diventare un po ‘travolgente. Ecco perché sono un grande sostenitore dell’utilizzo di un plug-in SEO. Naturalmente, scegliendo il destra uno è imperativo. Un cattivo potrebbe rovinare il tuo sito e persino farti incorrere in sanzioni da parte di Google. Non bene! Anche se ci sono alcuni là fuori che si qualificano come “buoni”, il mio preferito è WordPress SEO di Yoast.

WordPress SEO di Yoast

Con questo plugin, puoi modificare facilmente i meta titoli, le meta descrizioni, i permalink, le impostazioni RSS e creare una sitemap XML con pochi clic. È un notevole risparmio di tempo e dovrebbe essere utilizzato da chiunque sia preoccupato per il proprio ranking nei motori di ricerca.

Step 3: considera di diventare un affiliato

Un modo per espandere la portata del tuo sito WordPress è considerare il marketing di affiliazione. Prendono molte forme diverse, alcune delle quali comportano la visualizzazione degli annunci dell’affiliato nella barra laterale del tuo sito. Puoi anche inserire informazioni di affiliazione nei tuoi post per offrire loro una maggiore portata.

Il reddito delle affiliazioni può essere redditizio, ma devi essere intelligente. Se offri regolarmente nuovi contenuti ai tuoi visitatori, nulla li disattiverà più rapidamente di un improvviso passaggio alla vendita di prodotti di un’altra persona. Quindi, sii chiaro nel disclaimer del tuo sito che hai prodotti affiliati sul tuo sito ma sii sottile nel modo in cui li visualizzi.

Passaggio 4: utilizzare la pubblicità a proprio vantaggio

Una volta che inizi a ricevere traffico regolare sul tuo sito, potresti prendere in considerazione l’offerta di pubblicità di qualche tipo. Iniziare con annunci forfettari potrebbe essere la strada da percorrere poiché ti dà l’opportunità di testare le acque in termini di interesse dell’inserzionista e vedere che tipo di risposta ricevono gli annunci iniziali.

Ma man mano che il tuo sito guadagna popolarità, potresti voler passare a un modello di costo per clic o costo per impressione. Questo dipenderà dal fatto che ti unirai a una rete pubblicitaria (e quale se lo fai) e da ciò che fanno normalmente gli altri nel tuo settore. Puoi sempre utilizzare i test A / B sugli annunci che visualizzi anche per vedere quale modello e quale tipo funzionano meglio.

Passaggio 5: crea una strategia di contenuto

È impossibile commercializzare il tuo sito senza contenuti. È la base del marketing online, in effetti. Pertanto, devi disporre di una strategia per i tuoi contenuti coerente con gli altri tuoi sforzi di marketing e che porti il ​​tuo sito di fronte a quanti più occhi possibili.

Una buona strategia di contenuto in genere spunta alcune caselle chiave. Per cominciare, sarà pieno zeppo di scritti informativi e divertenti che coinvolgono i lettori. Educerà o delizierà. E il miglior contenuto fa tutti e due. Sei fortunato nel fatto che questo è il genere di cose per cui WordPress è stato creato. È facile creare nuove pagine e nuovi post per un capriccio.

Plugin del calendario editoriale

Ma potresti voler tenere traccia meglio del tuo programma editoriale se vuoi davvero provarlo. Plugin piace Calendario editoriale e CoSchedule sono facili da usare e semplificano la gestione di nuove idee per post di blog e quando pubblicare cosa.

Passaggio 6: traccia i tuoi progressi

Se noti un aumento delle visite al sito o un aumento delle conversioni, potresti pensare automaticamente che la tua più recente strategia di marketing funzioni ma non è sicuro dare quel tipo di ipotesi. Vedi che questi segni positivi potrebbero essere stati solo un colpo di fortuna, o il risultato di un solo componente specifico della tua strategia di marketing. E a meno che tu non tenga traccia dei tuoi risultati, non avrai idea di quale sia quel componente.

Per dirla in parole povere, solo il 15% della tua strategia potrebbe funzionare, ma ti perdi mese dopo mese e perdi tempo sull’altro 85%. Solo, non sapresti nulla di tutto questo se non tieni traccia.

La mia risorsa di riferimento per il monitoraggio dei risultati è statistiche di Google. Ti consente di impostare obiettivi da monitorare e puoi inserire collegamenti UTM per tracciare la fonte delle tue conversioni. Inoltre, è possibile compilare report personalizzati che visualizzano il tipo specifico di informazioni che si desidera visualizzare. E ovviamente c’è un Plugin per WordPress per una comoda integrazione nella tua Dashboard.


WordPress rende semplice e intuitiva l’impostazione e l’implementazione di una strategia di marketing per il tuo sito web. Dallo stesso CMS a una varietà di plug-in che è possibile utilizzare, offre il sistema perfetto per creare traffico del sito e aumentare le conversioni. Se vuoi continuare a leggere sull’argomento, consulta la guida definitiva di Freddy per la commercializzazione del tuo sito WordPress.

Hai creato una strategia di marketing per il tuo sito WordPress? C’era qualcosa nel CMS che lo ha reso particolarmente adatto a questo compito? Qualcosa ti ha trattenuto? Mi piacerebbe conoscere le tue esperienze nei commenti!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map