9 motivi per non scegliere mai l’hosting gratuito di WordPress

Quando si crea un sito WordPress per la prima volta, la maggior parte di noi sceglierebbe un host WordPress consigliato, mentre alcuni potrebbero considerare un host WordPress gratuito. Dopo tutto, WordPress.com offre un piano gratuito, quindi perché non dovrei WordPress.org?


Giusto? Non così tanto.

Cerchiamo di chiarire una cosa. Oggi ce ne sono alcuni host WordPress gratuiti quello funziona davvero. comunque, il rischio associato con un host gratuito non vale assolutamente il prezzo zero. Questo articolo ti spiega perché. Discuterò il insidie ​​comuni dell’utilizzo di un host WordPress gratuito e consiglia alcune alternative gratuite.

Suona bene? Iniziamo.

In questa sezione, ho spiegato ogni fattore di rischio con esempi tratti da pratiche commerciali e euristiche standard. Si noti che no tutti host gratuiti avranno tutti di questi problemi, ma maggior parte di loro è molto probabile che abbiano almeno alcuni i problemi.

1. Vulnerabilità della sicurezza in un host WordPress gratuito

Gli host WordPress gratuiti non hanno le risorse per impiegare ingegneri di rete ed esperti di sicurezza interni. Con un firewall scadente e contromisure di sicurezza inadeguate, un host gratuito è vulnerabile a un dispositivo esterno attacchi di rete, rendendolo un campo di pratica per gli hacker alle prime armi.

In secondo luogo, poiché la barriera all’ingresso di un host WordPress gratuito è quasi zero, (non è nemmeno necessaria una carta di credito per registrarsi), gli utenti o i robot con intenzioni dannose potrebbero facilmente iscriversi per un account di hosting gratuito. Poiché l’installazione di WordPress risiede nello stesso server, sei vulnerabile attacchi interni.

Il peggior tipo di attacchi sono i quelli silenziosi – quelli la cui esistenza è sconosciuta fino al momento in cui si rivelano. Lasciate che vi faccia un esempio:

  • Immagina un malware sofisticato che si trova inosservato nel tuo sito e viene anche sottoposto a backup nel processo di backup WordPress pianificato.
  • Quando è il momento giusto, il malware colpisce. Questo può accadere quando hai accumulato un gran numero di abbonati alla newsletter, o Dio ti proibisce quando hai clienti paganti nel tuo negozio online.
  • Il malware ruba i dati dei tuoi clienti (comprese le informazioni di accesso) e li utilizza per innumerevoli scopi dannosi.
  • Se un cliente utilizza la stessa password su altri siti Web, l’impatto è peggiore.

Detto questo, è molto improbabile che qualcuno lanci un negozio WooCommerce su un host WordPress gratuito. Il punto era darti un’idea delle cose che potevano andare male e farti investire nella sicurezza di WordPress, anche se stai utilizzando un host a pagamento.

2. Problemi di prestazioni

Sappiamo che gli host WordPress condivisi hanno problemi di prestazioni, soprattutto quando c’è un picco di traffico o qualcuno fa un uso improprio delle risorse del server condiviso.

Ora immagina il caso con host gratuiti, dove assolutamente chiunque può ottenere un account senza spendere un centesimo. Ci sono buone probabilità che il tuo sito WordPress avrà tempi di inattività intermittenti e prestazione generale molto scadente.

3. Risorse del server limitate

Gli host condivisi hanno i soldi per acquistare server potenti e offrire ai propri tenant (persone nello stesso server di hosting condiviso) spazio su disco illimitato, elevata quota di operazioni I / O e larghezza di banda illimitata (soggetta alla politica del fair use).

Gli host gratuiti semplicemente non hanno quel budget! Di conseguenza, sei bloccato con poco spazio sul disco (a volte a malapena abbastanza per installare i tuoi plugin WordPress), larghezza di banda limitata, e un (molto) bassa dimensione massima di caricamento del file.

Di conseguenza, potresti non essere in grado di caricare immagini di grandi dimensioni o un file multimediale importante (diciamo un PDF da 5 MB) sul tuo sito, rendendo inutili i tuoi sforzi. E indovina cosa? Non puoi davvero lamentarti.

Gli host gratuiti hanno anche un modello di business interessante in cui addebitare somme di denaro non realistiche per semplici upgrade come accesso FTP o maggiore spazio su disco. Questo si chiama upselling, di cui parleremo più avanti in questo articolo.

4. I backup automatici di WordPress sono soggetti a guasti

Abbiamo sempre sottolineato l’importanza dei backup di WordPress e di come possano essere salvavita a volte. Gli host condivisi più consigliati come BlueHost e SiteGround offrono backup automatizzati R1Soft del tuo account di hosting. Gli host gratuiti no.

In un host WordPress gratuito, anche se configuri un backup automatico utilizzando, ad esempio, UpdraftPlus, ci sono buone probabilità che il processo cron (scheduler) fallisca. Anche se lo scheduler passa, esiste la possibilità che il processo di caricamento remoto fallisca a causa di errori di rete o timeout di esecuzione massima di PHP. Avrai sempre il sovraccarico di verificare se il backup di WordPress è stato effettivamente eseguito.

5. Assistenza clienti scarsa o assente

Siamo reali qui: gli host gratuiti non ti devono alcuna forma di assistenza clienti. Se non rispondono, non c’è nulla che tu possa fare al riguardo (tranne passare a un host a pagamento!)

6. Cessazione del servizio inevitabile e irreversibile

Ci sono stati molti host WordPress gratuiti nel corso degli anni. CodeInWP ha fatto uno studio dove testato se gli host gratuiti di WordPress funzionavano davvero. Con loro sorpresa, alcuni lo fecero. Tuttavia, avanzando rapidamente di alcuni anni fino al 2019, due di questi quattro host (50%) hanno cessato l’attività.

Host WordPress gratuiti che non sono più funzionali nel 2019, studiati da CodeInWP

Host WordPress gratuiti che non sono più operativi nel 2019. Fonte immagine: CodeInWP

E indovina cosa? Non sono sorpreso!

Nella peggiore delle ipotesi – c’è la possibilità che il tuo host WordPress gratuito scompaia dall’oggi al domani, senza alcun preavviso o comunicazione. Non lo sai quando o anche se stanno tornando. E se sei fortunato, avrai un backup completo di WordPress archiviato in una posizione remota, tramite il quale puoi ripristinare il tuo sito.

7. Le email e i moduli di contatto di WordPress non funzioneranno

Un grosso problema con gli host gratuiti è scarsa consegna della posta elettronica. In particolare, il incapacità di inviare e-mail dal server di hosting. Poiché gli host gratuiti consentono a chiunque di registrarsi per un account, i bot dannosi utilizzano questi server per inviare un sacco di spam. Di conseguenza, gli IP degli host gratuiti vengono inseriti nella lista nera dei principali provider di posta elettronica, facendo in modo che tutte le e-mail provenienti da questi IP vengano inviate automaticamente allo spam.

Questo è il motivo per cui la maggior parte degli host gratuiti disabilita la possibilità di inviare e-mail dai loro server o, se abilitata, le possibilità che le e-mail raggiungano la tua casella di posta sono piuttosto scarse.

  1. Ciò è particolarmente problematico quando le e-mail del sistema WordPress, come le e-mail di reimpostazione della password e le risposte dei moduli di contatto, non vengono recapitate nella tua casella di posta. Di seguito sono due soluzioni:
  2. Puoi accedere alle risposte del modulo di contatto tramite le impostazioni del plug-in nella dashboard di WordPress.
  3. Puoi anche risolvere il problema del recapito della posta elettronica, utilizzando un plug-in SMTP dedicato come WP Mail SMTP, che invia email di sistema WordPress tramite un Servizio SMTP come SendGrid o Mailgun.

8. Sottodomini, annunci e SEO

La maggior parte dei provider di hosting WordPress gratuiti ti consentirà di utilizzare solo un sottodominio, nel tentativo di preservare il loro sforzo di branding. Se desideri collegare un dominio personalizzato, sarà un upgrade a pagamento.

Lo stesso è la natura con gli annunci. Gli host gratuiti visualizzeranno i loro annunci sul tuo sito WordPress (perché non dovrebbero?) E non ti permetteranno di pubblicare i tuoi annunci. Anche se lo fanno, non sarai mai approvato da una grande rete pubblicitaria (come Google AdSense) utilizzando un sito Web il cui URL è un sottodominio.

Infine, quando si tratta di WordPress SEO, ecco alcuni modi in cui un host WordPress gratuito danneggia il tuo SEO:

  1. Il tuo sito è ospitato in un sottodominio con un DA scadente. La visibilità dei motori di ricerca è già in perdita qui.
  2. I server sovraccaricati portano a tempi di caricamento della pagina più alti, il che ostacola il tuo punteggio SEO.
  3. C’è la possibilità di a link farm, dove il tuo dominio principale ha centinaia, se non migliaia di collegamenti in uscita verso altri domini ombreggiati / non ripristinati. Il risultato – impatto fortemente negativo sul tuo SEO.
  4. (Questo prende la torta) Se Google rileva malware noto sul tuo sito, lo inserirà automaticamente nella blacklist. Una volta inserito nella lista nera, quello è il chiodo finale nella bara SEO. Puoi dire addio a quel sito! L’unica opzione sarebbe quella di ricominciare da capo con un nuovo dominio e (si spera) un host WordPress a pagamento.

9. Upsells troppo costosi e migrazione difficile

  • Uno dei principali (e legittimi) modi in cui gli host gratuiti fanno soldi è tramite upsells. Fondamentalmente, addebitano importi troppo costosi per aggiornamenti minori come maggiore spazio su disco o trasferimento della larghezza di banda.
    • Meno legittimo di fare soldi include la vendita di dati dei clienti come elenchi di posta elettronica a spammer noti o “acquirenti di elenchi”.
  • Infine, se o quando decidete di migrare il vostro sito Web dall’host gratuito, potrebbero rendere inutilmente complicato il processo di migrazione.

Migliori alternative a un host WordPress gratuito

All’inizio di questo articolo, ho detto che condividerò alternative migliori all’hosting gratuito di WordPress, che sono anche gratuite. Eccone alcuni:

WordPress.com (gratuito)

landing page gratuita di wordpress.com

Che ci crediate o no, un sito WordPress.com gratuito è un scelta molto migliore rispetto all’utilizzo di un host WordPress gratuito. Le due limitazioni sono:

  1. Supporto per sottodomini solo per un account WordPress.com gratuito.
  2. Gli annunci vengono occasionalmente visualizzati sul tuo sito.

La buona notizia è che ottieni un sito Web altamente affidabile, tempi di attività e prestazioni, accesso a dozzine di fantastici temi gratuiti e, soprattutto, sei già nell’ecosistema WordPress! Tutto quello che devi fare per convertire il tuo sito in uno professionale (e eliminare tutte le limitazioni) è:

  1. Aggiornamento a un piano a pagamento, a partire da $ 5 / mese o
  2. Migrazione verso un sito WordPress ospitato autonomamente, che inizia a circa $ 2,95 / mese

Consigliato per: WordPress.com gratuito è ottimo per siti di portfolio di piccole dimensioni, blogger occasionali, hobbisti e per condividere aggiornamenti generali con amici e familiari.

Hosting WordPress condiviso – BlueHost ($ 2,95 / mese)

BlueHost è uno dei provider di hosting WordPress più popolari, consigliato da WordPress.org. Alimenta oltre 2 milioni di siti WordPress e offre uno dei servizi di hosting condiviso più convenienti sul mercato.

Consigliato per: Le persone che vogliono investire un po ‘nel loro progetto e costruire un nuovo sito WordPress nel modo raccomandato. Curiosità: se investi, hai maggiori probabilità di impegnarti nel tuo progetto!

Hosting VPS – DigitalOcean ($ 5 / mese)

Se vuoi armeggiare con WordPress o hai bisogno di un po ‘di potenza aggiuntiva, un VPS DigitalOcean (noto anche come droplet) è un ottimo host.

Consigliato per: Persone in cerca di ulteriore potenza di hosting con un budget basso (una tazza di caffè).

Cloudways – Managed Cloud Hosting ($ 10 / mese)

Ospitare il tuo sito WordPress su siti di cloud computing come AWS o Google Cloud potrebbe essere un po ‘difficile per alcuni. È qui che entra in gioco Cloudways. Gestisce il tuo server cloud, garantendo che il tuo sito WordPress sia in ottime condizioni.

Consigliato per: Persone in cerca di hosting WordPress ad alte prestazioni, con la possibilità di scegliere un provider di cloud hosting di loro scelta.

Alternative non WordPress

Oggi ci sono centinaia di alternative gratuite e a pagamento a WordPress. La maggior parte di essi offre hosting freemium supportato dalla pubblicità simile a WordPress.com, mentre altri sono un CMS, simile a WordPress.org.

Ognuna di queste alternative gratuite ha un supporto variabile per funzionalità come il supporto del dominio personalizzato e la possibilità di visualizzare annunci pubblicitari. Abbiamo utilizzato alcune di queste piattaforme e consigliamo Blogger, Tumblr, Dribbble, Adobe Portfolio (gratuito se disponi di un abbonamento Adobe Creative Cloud attivo), Wix e Weebly.


Ti sei mai chiesto perché alcune persone scelgono un host WordPress gratuito? Ecco due motivi a cui posso pensare:

  1. Molte persone considerano la scelta di un host gratuito perché stanno tentando un hobby e non sono sicuri della longevità del progetto. Di conseguenza, non vogliono impegnarsi in un piano a pagamento. In tali casi, lo è sempre meglio per scegliere un’alternativa consigliata, ad esempio un sito WordPress.com gratuito.
  2. Alcune persone potrebbero semplicemente voler provare un sito WordPress self-hosted, senza effettivamente acquistare un piano di hosting. Host cloud come DigitalOcean e AWS offrire un generoso periodo di prova perfetto per tali applicazioni.

The Lowdown

In sintesi, i soldi che pensi di risparmiare con un host WordPress gratuito sono in realtà una bufala. La quantità di tempo che impiegherai per risolvere i problemi relativi alla sicurezza del sito, alle prestazioni e all’affidabilità complessiva, lo farà alla fine ti costa molto di più. Non esiste un pranzo gratis, e questo è sempre il caso dell’hosting gratuito di WordPress.

Se sei serio sul tuo sito WordPress e vuoi impegnarti, lo è sempre meglio per iniziare con un host WordPress consigliato. Iniziano a circa $ 3 al mese, che è inferiore al prezzo di una singola tazza di caffè.

Hai usato un host WordPress gratuito in passato? Qual è stata la tua esperienza? Fateci sapere nei commenti qui sotto!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map