3 consigli per la gestione delle immagini meno noti in WordPress

suggerimenti meno noti per la gestione delle immagini in wordpress
  1. 1. La guida definitiva alla gestione delle immagini di WordPress
  2. 2. Leggendo al momento: 3 consigli per la gestione delle immagini meno noti in WordPress
  3. 3. WordPress Image Errori SEO e come risolverli

Benvenuti al secondo post nel Guida definitiva alla gestione delle immagini in WordPress. Il primo post riguardava l’inizio con il piede giusto. Abbiamo imparato quando utilizzare un formato immagine JPG o PNG (anche se con esempi rigorosi) e un paio di suggerimenti su come caricare correttamente un’immagine stock.


Nel post di oggi, esamineremo alcuni degli aspetti più tecnici della manutenzione e della gestione delle immagini nel tuo sito WordPress.

  • Cosa succede alle immagini quando si modifica l’URL del sito o si spostano i server?
  • E se hai più autori nel tuo sito e alcuni di essi si collegano a immagini esterne? Come ottenere queste immagini per essere ospitate sul tuo server?
  • Cosa succede quando qualcuno collega hotlink alle tue immagini? btw che cosa è hotlinking?

Queste sono alcune delle domande a cui risponderemo nel post di oggi. Come sempre con le nostre serie di post, iniziamo dal perché e poi passiamo al come. Iniziamo!.

Suggerimento n. 1: gestione delle immagini con aggiornamenti dell’URL del sito

Questo è uno degli errori più comuni che vediamo con gli utenti di WordPress.

Quando cambia l’URL del sito WordPress?

Ma prima dobbiamo capire quando è probabile che un URL del sito cambi. Di seguito sono riportati i tre scenari più comuni.

1. Passaggio a un nuovo nome di dominio

L’URL del sito viene aggiornato quando si modifica il nome del dominio. Ad esempio, Moz era precedentemente noto come SEOMoz. Con il loro nuovo marchio, hanno dovuto aggiornare tutti gli URL esistenti di immagini, PDF, link di affiliazione, ecc. Da seomoz.com a moz.com

2. Modifica della directory di installazione di WordPress

L’URL del sito cambia anche quando si modifica il Posizione della tua installazione di WordPress. In realtà, questo è uno dei casi più comuni là fuori.

WordPress si installa in una nuova directory predefinita chiamata blog. Molti utenti principianti di WordPress finiscono inconsapevolmente l’installazione di WordPress example.com/blog.

Solo per rendersi conto in seguito che vogliono spostare WordPress nel dominio principale, ad es. example.com. (Se sei una società di prodotti o servizi che ha incluso un content marketing nelle fasi successive, ti riferiresti.)

Una volta spostato WordPress nella directory principale, l’URL del sito cambia da example.com/blog solo per example.com. Qualsiasi immagine, PDF (o qualsiasi file multimediale per quella materia) sarebbe simile a questo:

  • VECCHIO: example.com/blog/ebook.pdf
  • NUOVO: example.com/ebook.pdf

3. Passaggio tra server di gestione temporanea e produzione (live)

Ciò è prevalente nei blog ad alto traffico o nei siti Web di e-commerce in cui qualsiasi errore provoca un calo delle conversioni. La migrazione da e verso un server di gestione temporanea può essere semplificata se si utilizza un host gestito come WPEngine o Flywheel. (A proposito, noi di WPExplorer abbiamo usato WPEngine per tre anni consecutivi e non abbiamo mai affrontato un periodo di inattività!)

Il problema si verifica quando qualcuno carica un’immagine o si collega a un post utilizzando l’URL del server di gestione temporanea. Quando trasferisci il tuo sito sul server live, i collegamenti a quelli della gestione temporanea vengono utilizzati per le immagini caricate nell’ambiente del server di gestione temporanea. Quindi questo dovrebbe idealmente essere evitato. Se ritieni che qualcuno del tuo team possa avere caricato contenuti nell’ambiente di gestione temporanea, puoi applicare la correzione che stiamo per condividere di seguito.

Su una nota simile, alcuni di voi potrebbero mettere in discussione – Bene, qual è il danno nell’uso dei collegamenti dal server di gestione temporanea? Non risparmierà la larghezza di banda dal sito corrente / live?

Non hai torto a pensarlo. Tuttavia, in realtà, ciò accade raramente. Ecco perché:

  1. Un server di gestione temporanea di solito viene eseguito su risorse inferiori. Avresti compromesso la velocità del sito e ciò avrebbe un impatto negativo sull’esperienza dell’utente.
  2. In molti casi, il collegamento principale del server di gestione temporanea / test continua a cambiare, il che potrebbe portare a una tonnellata di collegamenti interrotti. Immagina un tutorial di 3000 parole con schermate rotte ovunque. Come ti farebbe sentire?
  3. Ciò avrebbe anche un impatto negativo sulla tua immagine SEO. Ricorda, la ricerca di immagini su Google è ancora una fonte di traffico organico. Se l’immagine non appartiene al tuo dominio, perderai traffico organico gratuito e Punti SEO!

Cosa stiamo cercando di risolvere?

Ora che sappiamo quando l’URL di un sito WordPress viene modificato, vediamo un esempio di dove si trova potenziale spazio per l’errore. I collegamenti generati automaticamente (come i collegamenti di affiliazione) non presentano alcun problema. Tuttavia, i collegamenti che sono stati incollati manualmente in post e pagine (come collegamenti interni, collegamenti di immagini, ecc.) Devono essere aggiornati manualmente.

Usiamo tutti le immagini nei nostri post e pagine. Un tipico esempio di collegamento di un’immagine è:

http: //mywpsite.tld/wp-content/uploads/year/month/image-name.png

Quando l’URL del sito del tuo sito WordPress cambia, i collegamenti di origine di tutte le immagini dovrebbero cambia anche in:

http: //newwordpressdomain.tld/wp-content/year/month/image-name.png

Non solo immagini, tutti i collegamenti (inclusi collegamenti inter-post, file multimediali, PDF, ecc.) Devono essere aggiornati.

Ok, sembra che abbiamo discusso approfonditamente il problema. Ora diamo un’occhiata a come risolvere il problema una volta per tutte. Come sempre, abbiamo un plugin per WordPress da salvare!

URL di aggiornamento di Velvet Blues

  • Prima di tutto, scarica e installa il URL di aggiornamento di Velvet Blues
  • Dopo l’attivazione, vai su Strumenti Dashboard di WordPress> Aggiorna URL pagina per configurare le impostazioni del plugin.

Sostituzione URL in WordPress – Per gentile concessione del plugin URL di aggiornamento Velvet Blues

Ricorda come abbiamo usato il Trova e sostituisci caratteristica di Microsoft Word? Bene, questo è essenzialmente ciò che fa il plugin! esso reperti i vecchi URL nella pagina o pubblicare contenuti e sostituisce con i nuovi URL. In questo modo, i collegamenti alle immagini vengono aggiornati su tutti i tuoi post.

Inoltre, puoi estendere le funzionalità del plug-in per trovare / sostituire gli URL nei collegamenti al sito, estratti, allegati, campi personalizzati e meta-box.

Di seguito sono riportati alcuni esempi di vecchi URL nel tuo sito:

  • Se ti stavi spostando da un server di gestione temporanea, il vecchio URL sarebbe simile a: hostname.com
  • Se stavi cambiando / aggiornando il nome di dominio, utilizza semplicemente il nuovo nome del tuo sito.
  • Se hai utilizzato “https” come protocollo, sostituisci “http” con “https”.

Nel nostro esempio, abbiamo sostituito il vecchio URL da http://seomoz.com per https://moz.com. Dopo aver inserito il vecchio e il nuovo URL, fai semplicemente clic su Aggiorna gli URL ORA. Il plugin eseguirà la scansione tutti i tuoi post e le tue pagine e applica la sua magia trova e sostituisci. Tutti i tuoi URL verranno aggiornati a Nuovo URL valore

Parola di cautela: La scansione e la sostituzione di più post e pagine potrebbe richiedere molte risorse, soprattutto se il tuo blog WordPress aveva centinaia di post. Se si selezionano tutte le opzioni di scansione (collegamenti al sito, estratti, ecc.), L’utilizzo delle risorse verrà ridimensionato in modo significativo. Per molti aggiornamenti degli URL a livello di sito, il tuo account di hosting potrebbe essere temporaneamente sospeso a causa di un uso eccessivo delle risorse. Questo problema sarebbe prevalente nei provider di hosting condiviso. Pertanto consiglierei un po ‘di attenzione quando si esegue il plugin.

Suggerimento n. 2: importazione di immagini esterne in WordPress

Le immagini esterne sono quelle che non sono ospitate sul tuo server. In questo tutorial impareremo come importare in modo rapido ed efficiente tutte le immagini esterne sul tuo sito WordPress.

Per chiarezza, supponiamo che stiamo usando le immagini con licenze adeguate (altrimenti potremmo finire in un dibattito completamente diverso!).

Per ricapitolare rapidamente, ecco due motivi per cui non dovremmo usare immagini esterne nel nostro sito WordPress:

  • Consumano la larghezza di banda di altre persone, il che non è proprio giusto.
  • Fa male ai nostri punteggi SEO dell’immagine.

Diamo un’occhiata al seguente post. È piuttosto difficile capire se il post utilizza o meno un’immagine esterna utilizzando Visual Editor.

WordPress Visual Editor

A meno che, ovviamente, non passiamo al Vista testo dell’editor di WordPress.

Visualizzazione testuale dell’editor WordPress, che rivela il codice sorgente HTML del contenuto del post.

Vediamo che l’immagine è effettivamente ospitata su imgur.com, un popolare sito Web di hosting di immagini. Per risolvere questo problema, dobbiamo:

  • Scarica l’immagine
  • Caricalo su WordPress
  • Aggiorna il link nel post

Riesci a immaginare di ripetere tutti questi passaggi per ciascuna immagine per tutti i post? Solo trovare tutte le immagini esterne richiederebbe giorni! Quindi ci deve essere una soluzione, giusto? O lo sto sollevando solo per deluderti?

Ovviamente no! C’è una soluzione E come sempre, è un fantastico plugin gratuito per WordPress.

Come importare immagini esterne in WordPress

Una delle prime cose che mi piace di questo plugin è il suo stesso nome. È chiaro, nitido e puntuale. Per cominciare, scarica e installa il file Importa immagini esterne collegare. Attiva il plugin e vai su Dashboard di WordPress> Media> Importa immagini

Dovresti vedere un pannello di opzioni come questo:

Importa le opzioni del plugin WordPress per immagini esterne

Se noti nell’angolo in basso a destra, vedrai che il plug-in ha già identificato i post contenenti immagini esterne.

Nel nostro esempio, abbiamo eseguito questo plugin in un ambiente di gestione temporanea, motivo per cui abbiamo un solo post, con un’immagine esterna.

Tutto quello che devi fare ora è fare clic su Importa immagini ora per iniziare il processo. Al termine, dovresti visualizzare un messaggio di conferma simile delle immagini totali importate.

Facoltativamente, puoi anche scegliere di escludere le immagini in base al nome del dominio. Ciò è utile se si dispone di collegamenti speciali per il download di immagini (da siti di hosting di immagini esterni a pagamento come Photobucket) che non si desidera sostituire.

Al termine dell’importazione delle immagini, se controlliamo la galleria multimediale, vedremo tutte le immagini importate.

Le immagini vengono importate e archiviate automaticamente nella libreria multimediale di WordPress.

Va bene, quindi le immagini vengono importate nella Galleria multimediale di WordPress. E il contenuto del post? Indicano ancora il vecchio URL dell’immagine? Assolutamente no!

Il plug-in sostituisce anche il link del file immagine con il nuovo URL, ovvero il link del tuo dominio!

Dopo l’importazione, anche i collegamenti alle immagini vengono aggiornati.

Impatto sulle prestazioni: Simile ai problemi di consumo delle risorse che abbiamo discusso nel plug-in di aggiornamento degli URL, l’importazione di immagini esterne in WordPress consuma anche la sua giusta quota di risorse del server. Per fortuna, lo sviluppatore ha messo in atto misure per controllare l’utilizzo del server. Il plug-in esegue la scansione di un massimo di 50 post per chiamata (ovvero quando visiti o aggiorni la pagina delle impostazioni del plug-in). Limita anche il numero massimo di immagini a 20 per chiamata di importazione.

Suggerimento n. 3: Come impedire il collegamento a caldo delle immagini in WordPress

Per dirla semplicemente, hotlinking significa vagare per la città sulla prenotazione Uber di qualcun altro. Pensaci. Prenoti un Uber per il tuo tragitto giornaliero e uno sconosciuto riesce in qualche modo a rubare la tua prenotazione e usarla a loro piacimento. Paghi per le loro giostre. Ora immagina se chiunque potrebbe semplicemente prendere la tua prenotazione Uber – usarla come vogliono – per quanto tempo desiderano – e non puoi farci niente.

Bene, hotlinking delle immagini è in qualche modo simile. Le persone prendono le tue immagini e le usano sul loro sito. Guadagnano fama e finisci per pagare le loro bollette. E non c’è niente che tu possa fare al riguardo.

Resisti! L’ultima riga non è vera. voi può fare qualcosa al riguardo. Dopo tutto, è WordPress! Probabilmente stai pensando “Ah Sourav sta per introdurre un altro plugin”. Bazzinga! Non sono.

1. Configura il tuo server Web per la prevenzione Hotlink (Apache o NGINX)

Il tuo server Web è sufficiente per impedire ad altre persone di eseguire il hotking delle tue immagini. I due server Web più comuni sono Apache e NIGNX. Se si utilizza Apache come server Web, è possibile impedire il collegamento a caldo delle immagini in WordPress aggiungendo alcune righe di codice nel file .htaccess. Nel 2013, ho scritto un breve tutorial su questo – è ancora applicabile oggi.

Tuttavia, se si utilizza NGINX come server wes, aggiungere il seguente frammento di codice al file di configurazione NGINX.

posizione ~. (gif | png | jpe? g) $ {
valid_referers nessuno bloccato .yourwebsite.com;
if ($ invalid_referer) {
ritorno 403;
}
}

Sostituire yourwebsite.com con il tuo vero nome di dominio.

In breve, questo frammento di codice impedisce il collegamento a caldo di file GIF, PNG e JPG / JPEG. Quei file saranno accessibili solo dal tuo dominio e da nessun altro. Nel caso in cui qualcuno tenti di collegarsi a questi 3 formati di file, verrà visualizzato un errore 403.

Ecco una rapida spiegazione riga per riga del codice snipped.

  1. La riga 1 definisce i formati dell’immagine. Puoi anche aggiungere formati video come mp4.
  2. La riga 2 indica a NGINX che le richieste dal tuo dominio devono essere consentite. Se un altro dominio lo richiede, blocca la richiesta.
  3. La riga 3 indica a NGINX cosa fare se una richiesta proviene da un dominio non consentito
  4. La riga 4 indica a NGINX di generare un errore HTTP 403 proibito, se viene soddisfatta la condizione nella riga 3.
  5. Le righe 5 e 6 chiudono correttamente il codice in modo che venga eseguito!

Allo stesso modo, se si desidera impedire il collegamento a caldo di un’intera directory, esiste anche uno snippet di codice.

posizione / caricamenti / {
valid_referers nessuno bloccato .yourwebsite.com;
if ($ invalid_referer) {
ritorno 403;
}
}

Sostituisci / carica / con la directory che vuoi evitare di essere hotlink. Nel nostro esempio, abbiamo scelto WordPress predefinito uploads directory. Se siete come la maggior parte di noi, carichereste tutte le vostre immagini, i PDF e altri file multimediali usando l’uploader predefinito di WordPress, che a sua volta posizionerebbe i file all’interno della cartella / uploads /. Pertanto, proteggendo la cartella principale, impediamo che tutti i caricamenti vengano collegati a caldo.

2. Utilizzare un CDN per impedire il collegamento a caldo delle immagini in WordPress

Sorpreso? Anch’io quando l’ho letto per la prima volta. Tutti abbiamo sentito parlare di CloudFlare come uno dei migliori CDN gratuiti là fuori. Sapevi che offrivano anche una protezione hotlink gratuita?

Per abilitare la protezione hotlink, vai alla dashboard del tuo account CloudFlare, seguita da Scrape Shield. Attiva il pulsante su ON e sei pronto.

Se stai usando Cloudflare, puoi facilmente abilita la protezione hotlink sotto Scrape Shield nel tuo account. Poiché Cloudflare è un servizio completamente proxy, non devi preoccuparti di abilitare la protezione hotlink sul tuo server di origine.

Se si utilizza un servizio CDN premium come StackPath CDN o KeyCDN, è sufficiente creare regole appropriate per i referrer di zona e applicarle. KeyCDN ha un tutorial meraviglioso su questo, vale la pena dargli una lettura.

3. Utilizza un plug-in: plug-in WP Security & Firewall tutto in uno

Se preferisci non confonderti con il codice .htaccess e desideri che ci fosse un plugin disponibile che potesse occuparsi degli affari – beh, sei fortunato.

Dai un’occhiata al Sicurezza e firewall WP tutto in uno collegare. Con oltre mezzo milione di installazioni attive, questo plugin ha tonnellate di funzionalità essenziali per la sicurezza di WordPress.

Ecco cosa devi fare per attivare la funzione Prevenzione hotlink delle immagini.

Come impedire il collegamento a caldo delle immagini in WordPress utilizzando il plug-in di sicurezza All in One WordPress

  • Scarica e installa il collegare.
  • Attivalo e vai a Dashboard di WordPress> Sicurezza WP> Firewall e fare clic su Impedisci hotlink
  • Seleziona la piccola casella in basso e fai clic su Salva le impostazioni.

E questo è tutto. D’ora in poi è impedito il hotlinking delle immagini.

Conclusione

Per concludere questo post, esaminiamo rapidamente ciò che abbiamo appreso finora.

  1. Come aggiornare, piuttosto sostituire i vecchi URL con quelli nuovi. La soluzione è un elegante plug-in chiamato URL di aggiornamento di Velvet Blues.
  2. Successivamente, abbiamo imparato come importare immagini esterne su WordPress. Molti colleghi blogger lo hanno fatto almeno una volta nella vita! Ancora una volta, la soluzione era in un plugin chiamato Importa immagini esterne.
  3. Entrambi i plug-in menzionati nei due scenari precedenti hanno un impatto sulle prestazioni ad essi associato. Dovremmo eseguire questi plugin con cautela.
  4. Infine, abbiamo esaminato il collegamento a caldo delle immagini e abbiamo visto due modi per prevenirlo. Uno era aggiungendo alcune righe di codice al plugin .htaccess e il secondo era usando un plugin di sicurezza.

Domanda: cosa ne pensi di questi suggerimenti? Hai trovato qualcosa di utile? Hai qualcosa di meglio da offrire? Inoltre, come ti piace la serie finora? Fateci sapere nei commenti qui sotto e rimanete sintonizzati per la prossima parte della serie.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map