Guida SEO di WordPress: primi passi

WordPress è sempre stato elogiato come uno dei sistemi di gestione dei contenuti (CMS) più SEO friendly e ottimizzati là fuori – anche subito pronto all’uso! Ma ci sono ancora alcuni primi passi molto importanti e di base che vorresti intraprendere prima di installare WordPress sul tuo blog o sito per aiutare a ottimizzare il SEO in-page della tua installazione e assicurarti di essere sulla strada giusta per rastrellare bene la ricerca motori. Inoltre tutti conoscono classifiche alte = traffico e bene, traffico = denaro.


Questo post è per coloro che hanno appena installato WordPress e voglio ottimizzare il loro sito per assicurarsi che non debbano sottoporsi a un sacco di lavoro in seguito per sistemare il SEO SEO di base.

1. Controlla le tue impostazioni sulla privacy

Questo è un passaggio molto semplice ma MOLTO importante. WordPress ha questa piccola opzione in Impostazioni -> Privacy in cui puoi impostare il tuo sito per “bloccare i motori di ricerca”. Alcuni host che dispongono di funzionalità di installazione automatica possono installare WordPress con questa impostazione attiva per impostazione predefinita che ti impedirà di essere indicizzato in qualsiasi motore di ricerca.

Assicurati di verificare che l’impostazione sia impostata sull’opzione che dice: “Consenti ai motori di ricerca di indicizzare questo sito”..

Impostazioni sulla privacy di WordPress

2. Ottimizza i permalink

Per impostazione predefinita, WordPress utilizza una struttura URL molto “sporca” che assomiglia a questo: http://www.example.com/blog/?p=70

Per motivi SEO e di facilità d’uso dovresti sempre avere una struttura URL composta da parole chiave che ti diano un’idea di una pagina semplicemente guardandola. Per fortuna, WordPress ha una pagina di impostazioni “permalink” che ti consente di cambiare la struttura dell’URL in qualcosa di più ottimizzato per SEO. Quindi vai su Impostazioni -> Permalink e scegli l’opzione che dice “Nome post” o inserisci la tua struttura URL personalizzata di seguito.

Impostazioni permalink di WordPress

Nota: Per la maggior parte delle persone WordPress aggiornerà automaticamente il tuo file .htaccess per riflettere la tua nuova struttura permalink, ma per alcuni potresti doverlo aggiornare manualmente. Lo saprai perché riceverai un piccolo avvertimento e otterrai 404 errori sul tuo sito.

3. Installa plugin SEO

Una delle cose migliori di WordPress è la possibilità di installare plugin che aggiungeranno funzionalità aggiuntive al tuo sito. Quando si tratta di SEO, ci sono tonnellate di plugin WordPress tra cui scegliere, molti dei quali possono essere molto utili per migliorare il SEO On-Page complessivo del tuo sito.

Pacchetto SEO All In One o Plugin SEO WordPress di Yoast

Per prima cosa vuoi ottenere un plug-in SEO che ti consenta di aggiungere facilmente meta descrizioni e meta titoli ai post del tuo blog. Ne ho provati diversi là fuori e il mioYoast SEO i plugin preferiti per questo sono i Pacchetto SEO tutto in uno” e “WordPress SEO di Yoast“. Personalmente, utilizzo il pacchetto SEO All In One perché lo uso già da molto tempo e sarebbe molto impegnativo passare al plug-in di Yoast.

Quando scegli il plugin SEO principale per il tuo sito assicurati di testarne alcuni e trovare quello che ti piace di più. Assicurati che ti piaccia davvero perché dopo avere un paio di migliaia di post sul tuo blog non vorrai cambiare plug-in e dovrai esaminare tutti i tuoi post per correggere tutti i meta titoli e le descrizioni.

Sitemap XML di Google

Una sitemap è sempre un’ottima idea. Fondamentalmente è un elenco di tutti i collegamenti sul tuo sito Web che desideri indicizzare e puoi caricarli tramite i tuoi webmaster di Google in modo da poter dire a Google quali contenuti hai sul tuo sito e quali dovrebbero essere la scansione e l’indicizzazione.

Il Sitemap XML di Google è il mio plug-in preferito per la creazione di sitemap. Rigenererà automaticamente la tua Sitemap ogni volta che scriverà un nuovo post e farà sapere ai Motori di Ricerca che la Sitemap è stata aggiornata.

Link SEO automatici

Secondo me il Link SEO automatici è un plugin indispensabile. Questo plugin ti permetterà di inserire parole chiave e scegliere un URL per ciascuno. Il plug-in sostituirà quindi automaticamente quella parola chiave nei post del tuo blog con un collegamento all’URL corrispondente. È una tecnica di reticolazione molto efficace che richiede uno sforzo minimo.

I collegamenti automatici SEO possono essere utilizzati anche per gli affiliati che desiderano promuovere prodotti tramite parole chiave sul tuo sito. E sì, c’è un’opzione per aggiungere no-follow a qualsiasi singolo link di parole chiave.

Scribe SEO Content Plugin

Scibe SEO è un plugin premium che ha guadagnato molta popolarità ultimamente ed è sicuramente uno dei migliori plug-in per la creazione di contenuti e link. Il plug-in è stato creato dal popolare “CopyBlogger” e funziona su base associativa. Fondamentalmente aggiunge un intero sistema di analisi SEO al tuo sito, quindi ogni volta che scrivi un nuovo post può scansionarlo e darti tutti i tipi di suggerimenti SEO per migliorare il post sul blog in termini di contenuto, parole chiave, meta tag … ecc. Il plug-in ti mostrerà anche le fonti da cui potresti ottenere link correlati ai tuoi post e identificherà gli utenti influenti dei social media che potrebbero voler condividere i tuoi contenuti.

Scribe SEO

4. Scegli un tema WordPress SEO-Friendly

Scegliere un tema WordPress è anche molto importante per il SEO. Molti temi gratuiti sono disponibili con link crittografati che vanno a siti di giochi d’azzardo cattivi che ti faranno perdere un prezioso ranking. Poiché si tratta di siti che potrebbero non essere correlati al tuo, il collegamento ad essi può danneggiare le tue classifiche.

Un altro problema è che alcuni temi non fanno un uso corretto dei tag di intestazione (h1, h2, h3, h4 ..), il posizionamento dei contenuti (il testo del post dovrebbe sempre venire prima della barra laterale) o sono semplicemente codificati così male che i robot dei motori di ricerca avranno problemi nella scansione corretta del tuo sito.

Cosa cercare in un tema WordPress:

Ecco alcune cose che vorrai cercare mentre scegli il tuo tema WordPress.

  • Il titolo del sito dovrebbe essere un’intestazione h1 sulla home page e un’intestazione h2 su altre pagine
  • Tutti i titoli dei post devono avere il tag h1
  • Navigazione breadcrumb
  • Link post successivo e precedente
  • Post correlati su singoli post
  • Semantica pulita: verificare con w3c
  • Assicurati che non ci siano collegamenti “sospesi” nel tema che puntano a siti imprecisi

Opzioni SEO integrate?

Personalmente non mi piacciono le opzioni SEO integrate nei miei temi WordPress. Il motivo principale è che, se mai volessi cambiare tema, i miei sforzi SEO sulla pagina ora sono tutti persi. Quindi secondo me è una pessima idea. Tuttavia, per alcune persone che vogliono davvero configurare un sito veloce, forse con solo poche pagine (come una pagina di destinazione di affiliazione rapida), le opzioni SEO integrate potrebbero essere ok. Di seguito è riportato un rapido sguardo alle opzioni seo che Nick aggiunge ai suoi temi su Elegant Themes.

Temi eleganti SEO

Potresti dare un’occhiata alla mia recensione di temi eleganti se sei interessato ad acquistare il loro pacchetto.

5. Aggiungi il monitoraggio di Analytics al tuo tema

Non è necessariamente un passaggio SEO, ma la configurazione immediata del tuo sistema di monitoraggio ti aiuterà a tenere traccia di quante persone visitano il tuo sito web e a monitorare come ci sono arrivati. Monitorare da vicino la tua analisi può davvero aiutarti a ottimizzare il tuo sito in futuro.

Esistono molti plugin che ti permetteranno di impostare il tuo codice di monitoraggio sul tuo sito / blog (come il Yoast Google Analytics Plugin). Tuttavia, molti dei temi premium disponibili includono un’opzione nel loro pannello di amministrazione in cui è possibile incollare il codice e includerà automaticamente il tracciamento nell’intestazione o nel piè di pagina del sito.

Personalmente vorrei solo aprire il mio file header.php o footer.php e inserire il codice manualmente.

6. Aggiungi Social Bookmarking al tuo tema

Sappiamo tutti quanto sia importante l’influenza sociale in termini di classifiche dei siti in questi giorni. E anche se non aumenta le tue classifiche, è comunque importante per generare traffico e follower. Quindi vorrai sicuramente installare alcuni pulsanti di social bookmarking sul tuo sito, come il pulsante tweet, il pulsante google plus e il pulsante mi piace di Facebook, nonché i link ai tuoi profili social.

Di seguito sono riportati alcuni plugin che ho usato e apprezzato.

Social Box Social Widget

Casella sociale di WordPress

Questo è il mio plug-in preferito per mostrare i tuoi profili social sulla barra laterale widget del tuo tema. Non solo ti consente di mostrare i tuoi link, ma mostra anche un contatore dei tuoi follower. Inoltre, l’ho usato su WPExplorer in passato e ha funzionato alla grande!

Plugin WordPress per condivisione social Sticky Bar

WordPress Social Sticky Bar

Sticky Bar è un plugin WordPress davvero fantastico che aggiungerà una barra di condivisione statica al tuo sito Web in modo che gli utenti possano facilmente fare clic su Mi piace, Tweet o qualsiasi altro post. Viene fornito con alcune ottime opzioni e poiché aggiunge una barra adesiva, sarà sempre visibile ai tuoi lettori, rendendo più probabile che facciano clic sui pulsanti.

Nota: Sembra che questo plugin non sia più disponibile (faccia triste). Ecco una bella alternativa gratuita – Bottoni chiari di condivisione sociale.

7. Scrivere / aggiungere contenuti epici

Ora che hai finito di impostare le basi, l’unica cosa che ti resta da fare è scrivere contenuti epici. In definitiva, il tuo principale fattore nel ricevere traffico e far sì che le persone condividano il tuo sito sono i tuoi contenuti. Devi assicurarti che il tuo sito web offra valore ai suoi lettori. E non solo i contenuti fantastici ti aiuteranno a classificare e far condividere il tuo sito alle persone, ma ti aiuteranno anche a raccogliere un seguito. E per alcuni siti Web i tuoi follower sono ciò che genererà il maggior reddito per te rispetto ai visitatori passivi.

Sommario

Se ottieni le nozioni di base prima e giuste, in futuro il tuo lavoro SEO diventerà un compito più semplice. Ho visto molte persone che non hanno cambiato la loro struttura del permalink fino a quando non hanno avuto centinaia di post, il che significa che hanno dovuto creare una TONTA di reindirizzamenti semplicemente per far scorrere il loro rango di pagina nella nuova struttura URL. Inoltre, se ottieni tutto il SEO di base fin dall’inizio, puoi concentrarti su cose più importanti come contenuti e social media.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me