Guida per principianti al SEO per WordPress: introduzione, preparazione e gergo

  1. 1. Leggendo al momento: Guida per principianti al SEO per WordPress: introduzione, preparazione e gergo
  2. 2. Ricerca e utilizzo di parole chiave per WordPress SEO
  3. 3. Migliora la SEO con backlink, velocità del sito e altro

In questa guida concisa, imparerai come ottimizzare il tuo sito WordPress e incassare i visitatori che hai lasciato sul tavolo. In questa parte, ti verrà presentato il SEO e ti verranno mostrati alcuni passi da compiere in preparazione del lavoro a venire. In caso di problemi con la comprensione di qualsiasi termine o gergo, consultare la sezione “Decifrazione del gergo”.


Che cos’è il SEO e perché dovresti dedicare del tempo ad esso?

Se non lo sai, SEO è sinonimo di ottimizzazione dei motori di ricerca, ed è fondamentalmente la disciplina di ottenere motori di ricerca, spesso con un forte focus su Google, per inviarti visitatori.

Il SEO è complicato e può essere difficile spiegare tutto ciò che comporta senza trascinarlo, quindi lo terremo breve e dolce. Il modo più semplice per spiegare la SEO è dire che si tratta di comunicazione. Da un lato, conoscere il tuo pubblico potenziale e comunicare con loro nella loro lingua, dall’altro comunicare ai motori di ricerca che i tuoi fantastici contenuti meritano l’attenzione e il rispetto dei loro robot.

La SEO è spesso concepita per sembrare una sorta di mistico, magico, sforzo. Un viaggio attraverso mari oscuri che solo i “guru” e gli esperti possono navigare (o giocare ai risultati “imbrogliare il sistema”). E quando si tratta di entrare tra i primi 10 risultati su Google per i termini più competitivi là fuori e mantenere il tuo grado, forse questo è vero.

Ma non è questa la guida SEO di WordPress. Questa guida ti mostrerà alcune best practice che possono iniziare a farti ottenere un traffico di ricerca piccolo, ma significativo, che si accumulerà nel tempo.

Quando si tratta di dedicare o meno tempo alla SEO come principiante, la community di blog sembra essere divisa a metà. Le persone che scrivono blog sulla SEO “non possono sottovalutare l’importanza di fare SEO”, mentre le persone che fanno Social Media, Networking, lo chiami, tutti ne ignorano.

Mentre ho visto alcune statistiche convincenti che mostrano che il traffico di blog degli ospiti converte un traffico migliore rispetto al traffico di ricerca, anche il volume potenziale è abbastanza diverso. Mentre i post degli ospiti possono attirare qualche centinaio di visitatori, migliaia persino, il potenziale traffico a vita di ottenere un singolo post ranking ha un ambito diverso. Anche per alcuni termini di ricerca “miseri” che ottengono solo 30 ricerche giornaliere, ovvero migliaia di potenziali visitatori all’anno (e, naturalmente, per fortuna non è richiesta alcuna rete / e-mail fredda). Quindi scaviamo nel SEO di WordPress!

Pensavo che WordPress fosse già ottimizzato per il SEO?

WordPress SEO di Yoast

Bene, sì … e no. La struttura corretta è una parte importante del SEO e WordPress ha molte strutture chiave in atto che rendono i contenuti più interessanti per i motori di ricerca. Con plugin extra, ad esempio WordPress SEO di Yoast, puoi selezionare molte caselle quasi senza sforzo. Ma ci sono alcune cose che devono essere fatte, almeno per ora, più o meno manualmente. Come ottimizzare le tue immagini e assicurarti che il tuo sito web si stia caricando il più rapidamente possibile. O usando correttamente i tag di intestazione durante la scrittura di contenuti. E assicurandoti che il tuo contenuto sia veramente utile e che generi una condivisione o tre e un backlink o due.

Ma nulla di tutto ciò è importante se nessuno sta cercando ciò di cui stai scrivendo nello stesso modo in cui lo stai scrivendo.

Mentre Google ha compiuto alcuni progressi nel riconoscere i contenuti utili all’utente anche quando i termini di ricerca non coincidono esattamente con l’uso delle parole chiave, non esiste ancora un vero sostituto per la ricerca di parole chiave. Non importa quanto sia ottimizzata la tua pagina, se nessuno sta cercando ciò di cui stai scrivendo, non c’è nessuno che la troverà anche se sei in cima. (Quindi non essere troppo orgoglioso di classificarti al primo posto per la parola chiave a corrispondenza esatta per il nome del tuo sito Web. Anche se può essere utile per aiutare i visitatori precedenti a tornare sul tuo sito, è molto improbabile che ti ottenga nuovi occhi. )

Ricerca per parole chiave

Strumento di pianificazione delle parole chiave di Google AdWords

Se pensi a come funziona un motore di ricerca, eseguendo la scansione e l’indicizzazione delle tue pagine e dei tuoi contenuti, e quindi abbinandoli alle richieste fatte dai ricercatori, puoi avere un’idea di cosa si tratta. L’ottimizzazione dei motori di ricerca, in un certo senso, riguarda la comunicazione efficace con un potenziale pubblico. devi sapere come comunicare con il pubblico.

Ed è qui che entra in gioco la ricerca per parola chiave. La ricerca per parola chiave consiste nel parlare la lingua del potenziale visitatore. Un fraseggio leggermente diverso può significare una differenza del 1000% nel pubblico potenziale. A volte di più (ma ciò non significa che dovresti sempre scegliere come target quello più popolare, più avanti in seguito).

Mentre esiste un gran numero di software per la ricerca di parole chiave là fuori, ai fini di questa guida, useremo l’alternativa gratuita di Google Keyword Planner (avrai bisogno di un account AdWords attivo per usarlo, il che è abbastanza facile se hai già un account Google – è gratuito).

Una delle mie funzioni preferite sul planner parole chiave è che puoi utilizzarlo per ottenere suggerimenti e approfondimenti sulla lingua utilizzata dal tuo pubblico durante la ricerca di contenuti, semplicemente digitando un argomento più ampio o un problema.

La seconda parte della ricerca per parole chiave, sta valutando la concorrenza. Questa è la chiave, poiché ti aiuterà a decidere se vale la pena dedicare il tuo tempo a cercare una parola chiave specifica, oppure devi semplicemente salvarla per dopo e passare a pascoli più verdi.

Best practice SEO secondo Google

Google sconsiglia la “costruzione di link artificiali”, incluso il blog degli ospiti per creare backlink. Invece Google ti consiglia di:

  • Ottimizza la struttura del tuo sito Web
  • Scrivi titoli di pagina precisi
  • Migliora gli URL del tuo sito web
  • Utilizzare correttamente le meta descrizioni
  • Scrivi contenuti kick ass o offri servizi kick ass
  • Utilizzare correttamente i tag di intestazione
  • Ottimizza le tue immagini

Preparazione

E ora sul vero fare. Le seguenti informazioni ti aiuteranno a preparare il tuo sito Web per l’implementazione delle migliori pratiche SEO che affronteremo nella prossima parte della guida.

Passaggio n. 1 Assicurati di consentire ai motori di ricerca di indicizzarti.

wordpresssearchenginevisibility

LASCIARE QUESTA CASELLA NON CONTROLLATA! Non importa quanto bene fai tutte le altre cose, se sbagli su questo passaggio, non importa affatto. Il tuo sito dirà ai googlebot, ai bingbot e agli yahoobot che “non sono i benvenuti qui”. E andranno avanti, rendendoti effettivamente invisibile sulla maggior parte (se non su tutti) dei motori di ricerca.

Step # 2 Installa un plug-in SEO che riprende da dove WordPress si interrompe.

Uno dei plugin più utilizzati e consigliati, e quello che usiamo qui sono WP Explorer, è WordPress SEO di Yoast (imparerai come usarlo in seguito, in dettaglio, quindi non c’è nulla di cui preoccuparsi).

Step # 3 Ottieni il tuo sito indicizzato se non lo è già

Per essere indicizzato da Google, avrai bisogno di un sito Web già indicizzato per collegarti al tuo sito Web, oppure dovrai indicizzare manualmente il tuo sito Web. Puoi farlo inviando la tua sitemap (creata facilmente usando un plugin come WordPress SEO di Yoast o Sitemap XML) utilizzando Strumenti per i Webmaster di Google (per indicizzare in Bing utilizzare Strumenti per i Webmaster di Bing per inviare la tua Sitemap). Più su creazione di una sitemap XML e inviarlo qui.

Step # 4 Lascia dietro i brutti permalink

Non solo la struttura predefinita (p = 999) è dannosa per l’aspetto, ma danneggia indirettamente anche il tuo posizionamento, perché avere parole chiave nell’URL della tua pagina aiuta un po ‘. È anche una soluzione così semplice. Basta andare su impostazioni> permalink e scegliere la struttura del link “post name”, e il gioco è fatto.

wordpresspermalinks

Decifrare il gergo

Qui è dove cerchiamo di decifrare alcuni dei termini del gergo che vengono spesso utilizzati quando si parla di SEO. Se hai un termine ti stai chiedendo cosa significhi, sentiti libero di lasciare un commento!

  • Volume di ricerca = La quantità di ricerche che una specifica parola chiave ottiene al mese.
  • Parola chiave = Il più delle volte si riferisce a una parola o frase cercata in, nel contesto di inserirla nei tuoi contenuti.
  • Frase di ricerca = Qualcosa che qualcuno cerca nei motori di ricerca.
  • Parola chiave a corrispondenza esatta = parola chiave che corrisponde esattamente a una frase di ricerca (“Cibo per gatti biologici” è una corrispondenza esatta ma “Cibo per gatti naturale” non lo è).
  • Backlink = Un collegamento da un sito Web esterno a un sito Web o una pagina.
  • Permalink = L’URL completo di un post (o pagina). Fondamentalmente dove trovi un post quando non è più sulla prima pagina.
    In questa guida concisa, imparerai come ottimizzare il tuo sito WordPress e ottenere visitatori extra che potresti lasciare sul tavolo.

Conclusione

Sei partito bene e sei sulla buona strada per comprendere e implementare meglio le buone pratiche SEO di WordPress. Spero che tu abbia ora un’idea di dove iniziare con il SEO per il tuo sito. Nel mio prossimo post vedremo le parole chiave, la loro importanza e come scegliere le migliori per il tuo sito WordPress – quindi rimanete sintonizzati! E se hai qualcosa da aggiungere, lascia un commento qui sotto. Ci piacerebbe sapere cosa hai da dire sulla preparazione SEO.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me