Come posizionarsi più in alto nei motori di ricerca

WordPress è nato pronto per la SEO, ma dopo aver utilizzato alcuni temi diversi o modificato parte del codice per implementare la tua personalizzazione, potresti rompere alcune delle funzionalità che rendono WordPress un tesoro per i motori di ricerca.


Queste funzionalità, che guidano i crawler dei motori di ricerca attraverso il tuo sito WordPress, includono permalink, ping e blog rolling. Le funzionalità guidano gli spider di ricerca nelle categorie, pagine e post per raccogliere i dati necessari per identificare e classificare il tuo sito Web. Le tre domande dell’ora sono:

  1. In che modo preservi la cordialità del tuo sito Web nei confronti dei Google di questo mondo?
  2. Come assicurarti di continuare a classificare per primo le parole chiave principali?
  3. Come fai a salire di uno, due o più gradini sulla scala in termini di posizionamento nei motori di ricerca?

Ecco come.

Mantieni pulito il tuo codice

codice
Gli spider dei motori di ricerca non leggono visivamente i tuoi contenuti web mentre leggi una pagina di un libro fisico. Navigano e comprendono il tuo sito Web usando il tuo codice. Se il tuo codice è impeccabile (o pulito), il tuo lavoro è a metà. D’altra parte, se il tuo sito WordPress è pieno di collegamenti interrotti e codice scritto a metà, i robot di Google saranno molto infuriati e ti schiaffeggeranno (e le tue classifiche) a testa in giù.

C’è un semplice processo noto come convalida di un sito Web, che ti aiuta a determinare se il tuo codice è pulito. Per aggiungere ciò, la convalida comporta l’uso di strumenti di garanzia della qualità, noti anche come validatori, che verificano se il tuo sito WordPress è conforme agli standard stabiliti dal World Wide Web Consortium o l’organizzazione W3C. Questi validatori includono:

  • Unicorno, che è il validatore unificato del W3C
  • MarkUp Validator, che viene anche definito HTML Validator e la sua funzione principale è controllare le pagine Web nei formati XHTML, SVG, MathML e HTML.
  • Quindi, c’è il Link Checker, che ti aiuterà a inchiodare tutti i collegamenti interrotti;
  • E il Validatore CSS che controlla il tuo CSS (Cascading Style Sheets).

W3C ha anche il Log Validator, che è una combinazione di MarkUp Validator, Link Checker e CSS Validator. Inoltre, hanno a MobileOk Checker per il tuo sito mobile. Tutto ciò di cui hai bisogno è il tuo URL (nome di dominio) e avrai un rapporto completo in pochi minuti. Dovrai scaricare il Log Validator se scegli di usarlo.

Ho sempre immaginato che classificare bene in Google fosse qualcosa da cui potevo hackerare sotto i miei fogli, ma un rapido controllo usando questi strumenti ha rivelato molti problemi con il mio codice. Li sto ancora riparando, quindi non perdere tempo; arrivare subito.

Il contenuto è re

wordpress-editor inline-frontend-

Questo sarebbe dovuto venire prima, ma non volevo sembrare troppo cliché. Probabilmente hai sentito molte volte la frase “content is king” e forse hai persino giurato di uccidere la prossima persona che lo userà, ma cosa sai? il contenuto è davvero il re. Come accennato poche righe fa, i motori di ricerca non “vedono” il tuo sito WordPress come fai tu, gli spider possono solo scansionare o “leggere” il tuo sito. Scansionano il tuo codice ma, soprattutto, leggono i tuoi contenuti.

I motori di ricerca come Google hanno script speciali noti anche come robot chiamati algoritmi che leggono i contenuti del tuo sito per darti il ​​ranking desiderato. Questi ragni raccolgono tutte le informazioni di cui hanno bisogno dalle tue parole, dai tuoi contenuti web e dal materiale nel tuo sito Web WordPress che chiacchiera, educa, spiega, informa e condivide. Ogni singola parola conta, quindi assicurati di avere contenuti web di qualità e otterrai un buon punteggio.

Ottimizza per i motori di ricerca, scrivi per gli esseri umani

  1. Come cercheresti la tua marca di caffè preferita in Internet?
  2. Come cerchi la tua coppia preferita di Nikes?

Scrivi i tuoi contenuti web con il ricercatore, che è anche tuo cliente, in mente. Come trovano le informazioni online? Non è sufficiente avere un ottimo prodotto; le persone devono trovare il tuo prodotto. Quando scrivi i tuoi contenuti web, considera le parole chiave / frasi che il tuo pubblico di riferimento userebbe per trovare le tue informazioni. Cospargi queste parole chiave nei tuoi contenuti web con parsimonia. Non esagerare, mira a circa dieci (10) parole chiave per 500 parole, che è lo standard consigliato da Google.

Quindi, se vendi vino Cabernet, non limitarti a dire che vendi “Vino Cabernet”, dì qualcosa di più definito, qualcosa che un cliente pronto per l’acquisto userebbe, qualcosa come “Cabernet Sauvignon secco dalla Francia” o qualcosa nel quartiere di quello. Certo, devi avere quel particolare tipo di vino nel tuo inventario ��

Il contenuto viene sempre per primo

I ragni dei motori di ricerca non trascorrono molto tempo sul tuo sito Web come penseresti o addirittura vorresti. Per la maggior parte, questi crawler attraverseranno semplicemente il tuo sito Web raccogliendo contenuti ignorando CSS e la tua capacità sovrumana di modellare elementi HTML. Non sentirti male, c’è qualcosa che puoi fare al riguardo.

Per cominciare, potresti scegliere un buon tema WordPress che posiziona il contenuto vicino alla parte superiore della pagina mantenendo le barre laterali e i piè di pagina in basso. Questo perché la maggior parte dei motori di ricerca non eseguirà la scansione oltre il primo terzo della pagina. Ci sono troppe pagine da indicizzare in Internet e un terzo di una pagina è sufficiente per dire di cosa tratta un sito Web.

Usa le tue parole chiave nei tuoi titoli e link

I motori di ricerca non si preoccupano dell’estetica: potresti avere il sito web più bello che il mondo abbia mai visto, ma questo non ti garantirà il primo posto in Google. I motori di ricerca valutano il tuo sito usando le parole nei tuoi contenuti.

Usa parole chiave nei titoli

Queste parole e le loro varie combinazioni passano attraverso un setaccio dove ottengono crediti. Confrontando le parole delle tue pagine web con le parole nei tuoi collegamenti e titoli, il motore di ricerca ti darà un miglior posizionamento. Pertanto, cerca di utilizzare le tue parole chiave nei tuoi contenuti, titoli e link.

Immagine SEO

Un sito Web senza immagini è … beh … noioso. Un sito Web con un eccesso di immagini è scadente in quanto le immagini potrebbero interferire con un buon contenuto. Trovare il giusto equilibrio è sempre la cosa migliore da fare. Supponiamo che il tuo sito sia progettato principalmente con immagini e collegamenti e senza molto testo. Come ottimizzi i tuoi “contenuti di immagini” per posizionarli bene nei motori di ricerca? Un’immagine dovrebbe sempre avere l’attributo “alt” (a volte chiamato “tag” da noobs) che assomiglia a:

”your_keyword”

Un collegamento avrà un attributo del titolo in questo modo:

il testo di ancoraggio con una parola chiave

I motori di ricerca cercano gli attributi alt e title, quindi buone descrizioni e parole chiave in questi attributi daranno ai ragni più contenuto da digerire. In WordPress, raramente vedi il codice durante la creazione di nuovi post o pagine, ma puoi aggiungere il titolo e gli attributi alt quando aggiungi file multimediali o link. Vedi l’immagine sotto.

aggiungendo-titolo-attribute-to-link-wpexplorer

Costruendo collegamenti

I motori di ricerca continueranno a favorirti purché altri siti Web continuino a collegarsi al tuo sito Web. Apparentemente, essere un’autorità nel tuo campo ha i suoi vantaggi, incluso il posizionamento più elevato nei motori di ricerca poiché tutti vorranno collegarsi ai tuoi materiali.

Ecco perché WordPress viene fornito completo di blogroll, trackback e pingback in modo che tu possa collegarti ad altri mentre si collegano a te. Riguarda chi si collega a te; pertanto, non cadere per spam e altri siti Web di bassa qualità. Per verificare il numero di link presenti nel tuo sito Web, digita link: www.yoursite.com in Google. Più link al tuo sito, meglio è, quindi link ad altri siti Web di alta qualità usando:

  • Invio directory
  • Aggiunta dell’URL ai post del forum
  • Blog degli ospiti (il mio metodo preferito finora)

Commentare su altri blog non supporta più la creazione di link in quanto i moderni CMS (sistemi di gestione dei contenuti) utilizzano l’attributo rel = “nofollow” per negare il succo del link dei commentatori. Commenta altri blog a prescindere, ma assicurati di aggiungere qualcosa alla discussione. Alcune persone potrebbero vedere il tuo buon commento e decidere di fare clic, il che è sempre una buona cosa.

Per quanto riguarda l’invio delle directory, è possibile inviare il proprio sito a directory come Open Directory Project (DMoz.org) o inviare articoli con il proprio URL alle numerose directory di articoli disponibili. Cerca “directory articolo” in Google. Assicurati di inviare solo alle directory degli articoli che seguono le Linee guida SEO di Google o otterrai uno smacking quando pubblicheranno il prossimo aggiornamento dell’algoritmo.

Plugin SEO

Ci sono innumerevoli plugin SEO per WordPress che ti aiuteranno a migliorare le tue classifiche senza troppi problemi. Tuttavia, poiché questo articolo non cerca di elencarli, citerò solo due degli esempi più popolari.

Pacchetto SEO tutto in uno

all-in-one-seo-pack-wpexplorer

Questo plugin è un’incredibile soluzione SEO che ottimizza automaticamente il tuo sito WordPress per un migliore posizionamento nei motori di ricerca. Il plug-in ha un paio di funzionalità uniche che includono URL canonici avanzati, supporto di Google Analytics, Sitemap XML, SEO su tipi di post personalizzati, integrazione SEO per i siti di e-commerce di WordPress e compatibilità con molti altri plug-in. Il plug-in è facile da usare e funziona immediatamente (nessuna configurazione tecnica richiesta) immediatamente dopo l’installazione.

WordPress SEO di Yoast

wordpress-seo-by-Yoast-wpexplorer

Secondo gli sviluppatori, questo plug-in “fa di tutto per prendersi cura di tutta l’ottimizzazione tecnica …” WordPress SEO di Yoast ha alcune caratteristiche impressionanti, tra cui un’anteprima dello snippet per vedere come appariranno la tua pagina / post nei risultati di ricerca, analisi delle pagine, Sitemap XML, ottimizzazione RSS e integrazioni sociali per citarne alcuni.

Ulteriori letture

L’ottimizzazione dei motori di ricerca per WordPress è un ampio campo che richiede più di un singolo post per coprire, ma qui ci sono più risorse se desideri leggere in anticipo:

  1. La guida al SEO di Blogger
  2. WordPress SEO – La guida definitiva per classifiche più alte per il tuo blog
  3. WordPress SEO Video di Joost de Valk di Yoast
  4. Guida per principianti all’ottimizzazione dei motori di ricerca

Conclusione

WordPress è facile da installare e utilizzare, ma la maggior parte dei principianti di WordPress non si prepara per l’arduo compito di marketing o generazione di traffico. Entra in SEO e la tua giornata viene salvata. L’ottimizzazione dei motori di ricerca è un modo semplice per aumentare il tuo traffico organico a condizione che tu sia pronto a mettere il tempo. Inoltre, non è necessario pagare qualcuno per farlo se si dispone di un budget limitato. Puoi ottenere grandi risultati da solo, ma se ti manca il tempo o non sai cosa va per quanto riguarda il SEO, assumere un esperto. Conosci altri metodi SEO che non ho menzionato nell’articolo? Condividi con noi nella sezione commenti qui sotto!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me