10 suggerimenti SEO per WordPress per ottenere più traffico sul tuo sito web

Approcci SEO per portare traffico al tuo sito Web WordPress

Hai deciso di lanciare un blog e renderlo un vero punto di svolta. Quindi, quali sono i primi passi che farai per renderlo popolare e attirare l’attenzione come desideri? Migliorare il tuo blog con un design accattivante funzionerà sicuramente per una migliore attrazione dei nuovi clienti. Tuttavia, questo funzionerà quando una persona è già atterrata sulla tua pagina. Ma come puoi farti effettivamente trovare sul web e come catturare la loro attenzione con i tuoi dati? Questo è quando entra in gioco una corretta ottimizzazione SEO della tua risorsa online.


Il Web offre una grande varietà di guide ed esercitazioni su come ottimizzare i tuoi contenuti in modo da posizionarli più in alto nella ricerca. Ma quale di queste istruzioni è veramente efficace e funzionerà bene sul tuo blog WordPress? Abbiamo deciso di elencare le 10 tecniche universali SEO che faranno brillare il tuo blog personale o aziendale sul Web, indipendentemente dalla nicchia a cui sei collegato.

1. Optare per un design reattivo

Il tuo blog WordPress offre al pubblico web un’esperienza di navigazione senza soluzione di continuità su tutti i dispositivi contemporanei? Rendere il tuo blog pienamente reattivo garantisce che fornirà ai visitatori del Web una UX piacevole, oltre a ottenere un posizionamento più elevato nei risultati di ricerca.

Optare per un design reattivo

In uno dei suoi ultimi aggiornamenti dell’algoritmo di ricerca, Google ha dichiarato che i design ottimizzati per i dispositivi mobili otterrebbero un ulteriore incremento del ranking nei risultati di ricerca sui dispositivi mobili. Quindi, se vuoi rendere il tuo sito web più accessibile alla comunità online, assicurati che il tuo blog possa funzionare altrettanto bene in qualsiasi ambiente web. Suggerimenti di Google per siti web ottimizzati per dispositivi mobili ti guiderà nella giusta direzione.

2. Rendi il tuo contenuto potente e potente

Non ci stancheremo mai di ripeterlo più e più volte che il contenuto è il re. In base alla qualità dei dati condivisi sul tuo blog, possiamo parlare del possibile futuro successo e della domanda della tua risorsa online. Crea preziose parti di dati rilevanti per l’argomento della tua risorsa web. Mentre scrivi, tieni a mente chi è il tuo pubblico di destinazione e quali tipi di post sono i più condivisibili e commentati.

3. Ottimizza i titoli dei tuoi post

Mentre lavori su un post sul blog, presta particolare attenzione al suo titolo. Un titolo ben scritto e accattivante è un modo per il successo. Inizia con un titolo provvisorio. Renderlo specifico, preciso ma accattivante e intrigante.

  • Usa chiarimenti come [intervista], [podcast], [infografica], ecc. Per semplificare l’impostazione di aspettative chiare. Pertanto, i tuoi lettori sapranno esattamente cosa vedranno dopo aver aperto il tuo post.
  • Tienilo breve. Non esiste una regola unica per tutti sulla lunghezza ottimale dei titoli dei post. Nella maggior parte dei casi, questo dipende dall’obiettivo che persegui. Se vuoi che il titolo del tuo post sul blog sia mostrato correttamente nei risultati della ricerca, tienilo con meno di 70 caratteri. In questo modo, i motori di ricerca non taglieranno la lunghezza del titolo del post.
  • Usa numero e statistiche.
  • I post di istruzioni hanno da tempo guadagnato popolarità tra gli utenti web.
  • Non dimenticare di aggiungere la parola chiave focus al titolo del post.

4. Rendi i permalink brevi e chiari

I permalink e la struttura dei collegamenti sono importanti dal punto di vista dei motori di ricerca. Mentre le opinioni differiscono sulla struttura più ottimale dei permalink, Google afferma chiaramente che i permalink dovrebbero essere il più semplice possibile e intelligente come un essere umano, in modo che i motori di ricerca e le ricerche possano trovare facilmente il contenuto desiderato.

  • La lunghezza ottimale del permalink deve essere di 100 caratteri al massimo.
  • Usa le parole chiave al punto. Non intralciare i permalink con loro.
  • Separa le parole con trattini e ometti parole come “e”, “o”, “ma”, “a”, ecc..
  • Non utilizzare proprietà dinamiche (se possibile).

5. Aggiungi link interni tra i tuoi post sul blog

È probabile che la maggior parte del pubblico che raggiunge la tua risorsa web sarà composta da visitatori per la prima volta che non sanno quasi nulla degli argomenti che sono stati evidenziati sul tuo sito in precedenza. I collegamenti interni tra i post possono migliorare la navigazione nei vari siti. Mentre aggiungi collegamenti rapidi a pubblicazioni pertinenti, suggerisci altri articoli che potrebbero tornare utili al tuo pubblico mentre leggono il tuo post. Di conseguenza, questo aumenterà il coinvolgimento degli utenti e il tempo medio che le persone trascorrono sul tuo blog.

6. Ottimizza i nomi dei file di immagine

Non solo i testi, ma anche le immagini vengono classificate su Google. Quindi, se vuoi aumentare il coinvolgimento degli utenti, pensa di aggiungere anche un buon nome per i file di immagine. Potresti aver notato che Google rivela sia i testi che le immagini nelle sue pagine dei risultati di ricerca, rivelando le immagini pertinenti che vengono aggiunte al corpo del blog. Quando una persona fa clic sull’immagine in Google, viene indirizzato alla pagina in cui è stata pubblicata l’immagine.

Ottimizza i nomi dei file di immagine

Invece di mantenere i nomi di file predefiniti generati da una fotocamera digitale, utilizzare parole e frasi descrittive nel nome del file. Inoltre, non dimenticare di utilizzare il tag alt e il tag title per ogni immagine. Inoltre, dai un’occhiata a questa guida all’ottimizzazione delle immagini per ulteriori informazioni sulla formattazione delle immagini e suggerimenti SEO.

7. Usa i social media

Oggi tutti hanno un profilo sui social media. Quindi, perché non condividere le tue pubblicazioni su Facebook, Twitter o Google+? Il social media marketing è un ottimo modo per generare nuovo traffico. Lascia che i tuoi follower sui social media tengano traccia dei tuoi aggiornamenti, ma non promuoverti solo. Condividi articoli da altri blog e siti che ti piacciono. Crea un mix di contenuti promozionali con post educativi e dati divertenti. Lascia che il tuo profilo sui social media sembri utile al pubblico.

8. Scambio di backlink

Indipendentemente dall’industria a cui è correlato il tuo sito, ci sono sempre i trend-setter a cui la comunità web fa riferimento più spesso che a nomi sconosciuti. Il tuo settore include anche tali trend-setter. Questi possono essere siti Web di autorità o altri blog. Quindi, mettiti in contatto con loro allo scopo di scambiare collegamenti alle pagine / argomenti rilevanti per quelli che metti in evidenza sul tuo portale web.

9. Crea una Sitemap

La tua risorsa WordPress può contenere tonnellate di pagine. Per essere indicizzato da Google, il motore di ricerca deve conoscere la struttura del tuo sito. Creando una sitemap puoi gestire perfettamente questo lavoro.

WordPress include una serie di plugin che puoi utilizzare per una corretta ottimizzazione SEO delle tue pagine. Uno di loro è Sitemap XML di Google. Questo è un plugin gratuito per WordPress che genera automaticamente una sitemap del tuo sito, in modo che Google possa indicizzare il tuo blog in modo più efficiente.

10. Usa temi SEO-friendly

Ci sono migliaia di temi WordPress già pronti per i blog tra cui scegliere, sia gratuiti che premium. Veloce e ottimizzato per i dispositivi mobili, questi sono comunemente ottimizzati per prestazioni veloci e impeccabili nei motori di ricerca contemporanei. I temi del blog WordPress di TemplateMonster, ad esempio, ti faranno risparmiare un sacco di tempo per una corretta ottimizzazione delle tue pagine e dei tuoi contenuti, aumentando così le possibilità che i tuoi progetti diventino più visibili sul web.

Usa i suggerimenti di cui sopra per rendere i tuoi contenuti più facilmente reperibili sul Web. Sperimenta diverse tecniche di corretta ottimizzazione dei dati, coinvolgi il pubblico attraverso il motore di ricerca e fai in modo che raggiungano il tuo blog WordPress per non partire mai per il sito di un concorrente.


Conclusione:

Ovviamente non è tutto, questi sono solo 10 consigli. Se desideri una guida più approfondita puoi consultare il nostro post su “Best practice SEO di WordPress” che include molte più informazioni per aiutarti a iniziare e migliorare il tuo sito. E se hai altri suggerimenti, lascia un commento!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map