Funzioni innestabili di WordPress

Hai mai sentito parlare di WordPress Funzioni collegabili? In caso contrario, questo articolo dovrebbe attirare la tua attenzione. In due parole sono funzioni collegabili WordPress funzioni principali che è possibile ignorare. Tutte queste funzioni si trovano in un singolo file: “wp-includes / pluggable.php“. Le funzioni innestabili sono state introdotte in WordPress 1.5.1, ma nelle versioni più recenti di WordPress questo metodo non è più utilizzato. Le funzioni recenti ora utilizzano i filtri sul loro output. Ma puoi ancora ignorare le funzioni collegabili, e questo è ciò che vorrei trattare in questo post.


Quali funzioni?

Le funzioni collegabili sono:

Puoi fare clic sul nome di ciascuna funzione per accedere alla sua pagina del codice.

Come sovrascrivere le funzioni collegabili

Bene, questo è piuttosto semplice, tutto quello che devi fare è creare un file all’interno dei tuoi plugin contenente un’istruzione “if (! Function_exists ()) …” e poi ridefinire la funzione. Ti consiglio vivamente di copiare e incollare la funzione originale all’avvio. In questo modo sei sicuro che la funzione funzionerà. Ecco un esempio vuoto:

if (! function_exists ('wp_notify_postauthor')):
/ **
* Notifica a un autore un commento / trackback / pingback a uno dei suoi post.
*
* @since 1.0.0
*
* @param int $ comment_id ID commento
* @param string $ comment_type Facoltativo. Il tipo di commento "comment" (impostazione predefinita), "trackback" o "pingback"
* @return bool False se l'e-mail dell'utente non esiste. Vero al completamento.
* /
funzione wp_notify_postauthor ($ comment_id, $ comment_type = '') {

/ * Qui è dove si ridefinisce la funzione * /

}
finisci se;

Vorrei parlare della funzione “wp_notify_postauthor ()”. Questo è il responsabile dell’invio di un’email agli autori dei post quando viene aggiunto un nuovo commento. In uno dei miei plugin, WordPress Issues Manager, avevo bisogno di disabilitare questa notifica, ma solo un tipo di post personalizzato specifico. Quindi, ho copiato l’intera funzione e ho semplicemente aggiunto questo:

if (! function_exists ('wp_notify_postauthor')):
/ **
* Notifica a un autore un commento / trackback / pingback a uno dei suoi post.
*
* @since 1.0.0
*
* @param int $ comment_id ID commento
* @param string $ comment_type Facoltativo. Il tipo di commento "comment" (impostazione predefinita), "trackback" o "pingback"
* @return bool False se l'e-mail dell'utente non esiste. Vero al completamento.
* /
funzione wp_notify_postauthor ($ comment_id, $ comment_type = '') {

if ($ post-> post_type! = 'issue'):

/ * contenuto della funzione originale * /

finisci se;

}
finisci se;

È semplice, ma funziona benissimo senza dover apportare modifiche enormi o creare una funzione personalizzata completa collegata a un’azione personalizzata.

wp_mail ()

Come hai visto nell’elenco delle funzioni collegabili, wp_mail () è una funzione collegabile. Questa funzione è quella utilizzata per l’invio di e-mail. Ovunque in WordPress quando viene inviata un’e-mail, utilizza questa funzione. Ecco perché personalizzarlo può essere molto interessante. Ad esempio, è possibile utilizzare un modello predefinito HTML per tutte le e-mail inviate dall’installazione di WordPress.

Puoi anche inviare una copia nascosta di ogni messaggio a una specifica e-mail per avere una sorta di backup (fidati di me questo può essere utile quando qualcuno ti dice che non ha ricevuto il messaggio!).

wp_authenticate ()

Puoi anche modificare wp_authenticate () e aggiungere alcuni parametri extra per rafforzare la sicurezza del tuo sito (ad esempio attacchi di forza bruta).

auth_redirect ()

Questa funzione è quella che controlla se un utente ha effettuato l’accesso e, in caso contrario, li reindirizza alla pagina di accesso. Sarebbe abbastanza facile sovrascrivere la funzione e reindirizzare l’utente a una pagina personalizzata, anziché alla pagina di accesso predefinita (ad esempio se si desidera nascondere la cartella wp-admin).

wp_generate_password ()

Questa funzione è quella che genera automaticamente le password. Onestamente non è necessario modificarlo, ma ora che sai quali sono gli attacchi di forza bruta, potresti essere interessato a creare password più forti. Bene, questa è la funzione per migliorare.

Conclusione

Per concludere questo breve post sulle funzioni collegabili di WordPress, vorrei sottolineare il fatto che le nuove funzioni non funzionano più in questo modo. Come ho scritto sopra, ora usano i filtri. Ma le funzioni collegabili sono funzioni importanti in particolare quando si creano plugin veramente specifici. Ma fai attenzione quando usi le funzioni collegabili. Se la funzione appena creata non funziona perfettamente, può interrompere una parte del tuo sito Web (in termini di funzionalità), quindi ti preghiamo di testarli in tutte le condizioni.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map