Come spostare il tuo sito Web HTML statico su WordPress

Con WordPress che sta diventando sempre più popolare di giorno in giorno, è solo ovvio che più persone salteranno sul carro. Mentre l’adozione di WordPress è un’ottima mossa, significa che dovrai dire addio al tuo sito Web HTML? Devi davvero ricominciare tutto da capo quando passi a WordPress? Beh no. Puoi migrare facilmente il tuo sito Web HTML su WordPress mantenendo il contenuto, il design e persino le classifiche SEO. Suona alla grande.


Prima di portarlo lì, vorrei sostenere una cosa: se non hai un motivo valido (come aggiungere un blog ecc.) Per re-piattaforma il tuo sito Web, lascialo così com’è. Altrimenti, sentiti libero di adottare WordPress e sfruttare tutte le fantastiche funzionalità per le quali la piattaforma è nota. A parte questo, il post di oggi tratterà argomenti sulla migrazione di un sito Web HTML su WordPress. Esamineremo la pianificazione e la migrazione effettiva del tuo sito su WordPress.

Spostare il tuo sito Web su WordPress: il piano

wordpress-post-scheduling

Attraverso l’esperienza, ho imparato una lezione inestimabile nella vita: nulla ha mai successo senza un piano solido come una roccia. Per migrare il tuo sito web HTML su WordPress, quindi, hai bisogno di un ottimo piano. Di seguito sono riportati alcuni dei punti da tenere a mente durante l’elaborazione del piano:

  • Conserverai il tuo nome di dominio esistente o ne creerai uno separato? Mancia: Puoi anche installare WordPress in una sottodirectory, ad es yourdomain.com/wordpress/ e in seguito punta il dominio sulla directory
  • La struttura del tuo URL attuale cambierà? Questo succede sempre, quindi preparati a reindirizzare i tuoi vecchi URL dopo la migrazione
  • Quanti contenuti (pagine, post, immagini, file JavaScript ecc.) Passerai al nuovo sito? Bassi volumi di contenuto possono essere spostati manualmente ma saranno necessari strumenti specifici per spostare elevati volumi di contenuto
  • Il tuo attuale sito Web HTML utilizza servizi esterni? Esistono plugin di WordPress per questi servizi? Come integrerai i servizi di terze parti dopo la migrazione?
  • Dovrai trasferire gli strumenti di amministrazione esistenti o esistono strumenti equivalenti in WordPress?
  • Cambierai host web? È comune per i proprietari di siti Web cambiare host web durante la migrazione a WordPress. Assicurati che il tuo host web soddisfi le tue esigenze di WordPress. Utilizziamo, amiamo e raccomandiamo l’hosting WordPress gestito da WPEngine.

Alla fine della giornata, il tuo piano di missione dovrebbe descrivere in dettaglio come:

  1. Creare un dominio o una sottodirectory di prova
  2. Installa WordPress
  3. Importa contenuti dal sito HTML esistente
  4. Progetta il nuovo sito WordPress (La scelta di un tema WordPress o la riprogettazione da zero sono alcune delle opzioni disponibili)
  5. Installa i plugin WordPress necessari
  6. Esegui il backup dei tuoi siti (sia HTML che WordPress)
  7. Gestire i collegamenti non funzionanti
  8. Andare in diretta

Prima di iniziare, ricordati di eseguire il backup del tuo sito HTML (solo per precauzione) e tieni presente che non ti consigliamo di armeggiare con il tuo sito HTML dal vivo se non ti senti a tuo agio con quello che stai facendo. Inoltre, dovresti avere una conoscenza approfondita di WordPress per massimizzare i vantaggi di questo tutorial. Parole e frasi come reindirizzamenti permanenti, CMS, .htaccess ecc. Non devono spaventarti. Effettuare alcune ricerche se necessario ��. Ora elabora il tuo piano su un foglio di carta o in Evernote, ovunque, e preparati per la parte successiva.

Come spostare il tuo sito Web su WordPress

Con un piano di base in mano, è il momento della parte utile. Fletti le dita e iniziamo impostando WordPress.

Configurare WordPress

Benny WordPress 4.0

Questa è la parte più semplice, sia che tu stia installando WordPress localmente o con il tuo provider di hosting. Segui la guida collegata nella precedente dichiarazione per installare WordPress localmente. Installare WordPress con un host web è semplice e diretto, non mi aspetto che tu abbia problemi. La maggior parte degli host ha facili opzioni di installazione con 1 clic o, nel caso dell’hosting WordPress gestito, hanno già installato WordPress per te. Se rimani bloccato, non esitare a contattare il tuo host web.

Puoi scegliere di installare WordPress su un dominio separato o in una sua directory: a te la scelta. Vai a Impostazioni -> Lettura nella schermata di amministrazione di WordPress e selezionare (spuntare) Scoraggia i motori di ricerca dall’indicizzazione di questo sito nel Visibilità dei motori di ricerca sezione. Non vuoi che i motori di ricerca (e i clienti) trovino il tuo sito WordPress mentre sono ancora in fase di sviluppo. Una volta che WordPress è attivo e funzionante (il che significa che puoi vedere il tuo nuovo sito WordPress in un browser), sei pronto per la parte successiva: portare i tuoi contenuti.

Importazione di contenuti

Questo è un po ‘complicato ma ancora fattibile. L’importazione dei contenuti esistenti nella nuova piattaforma WordPress dipende da una serie di fattori:

  • Il tuo attuale sito HTML viene eseguito su un CMS aka Content Management System?
  • Ci sono strumenti di importazione (o script) disponibili per te e la tua situazione particolare o importerai manualmente il contenuto?
  • Importerai un volume elevato di contenuti? L’importazione manuale di un volume elevato di contenuti potrebbe creare molto spazio per l’errore umano.

Diamo un’occhiata alle opzioni che abbiamo. Se il tuo sito HTML viene eseguito su un CMS disponibile in commercio, potresti avere uno strumento di importazione a tua disposizione. Tutto quello che devi fare è trovare lo strumento, fare clic su alcuni pulsanti qua e là e il tuo lavoro è fatto! Per dettagli specifici sull’importazione di contenuti da qualsiasi CMS particolare, consultare il importazione di contenuti post nel codice WordPress.

D: Il mio sito HTML ha un CMS ma non ci sono strumenti di importazione disponibili. Cosa fare?
UN: Chiama il tuo sviluppatore back-end per spostare il contenuto se non hai idea di cosa fare.

D: Il mio sito HTML non funziona su un CMS. Questo significa che la mia avventura finisce qui?
UN: No. Significa solo che dovrai importare i tuoi contenuti manualmente. Tradizionale copia e incolla è utile qui.

D: Il mio sito HTML non funziona su un CMS e ho un volume elevato di contenuti. Cosa farò?
UN: Rimboccati le maniche e mettiti al lavoro. Copierete e incollerete per un po ‘, quindi prendete anche una grande tazza di caffè. O mordere il proiettile e assumere un libero professionista per fare il lavoro. Al giorno d’oggi, ci sono molti lavoratori freelance in giro, quindi dovresti essere coperto in questo senso. Stai solo attento: stiamo parlando del tuo sito web qui, del tuo flusso di entrate.

Durante l’importazione manuale dei contenuti, assicurati di utilizzare il Incolla come testo normale per copiare il contenuto su WordPress o incollarlo sul lato “Testo” di ogni post in modo da non trasferire accidentalmente su nessuna delle tue vecchie formattazioni. Inoltre, preparati a fare qualche lavoro sulla riformattazione. Cogli l’occasione per aggiungere o sottrarre i tuoi contenuti, se necessario. Conosci, razionalizzi, consolidi o riutilizza i vecchi contenuti. Inoltre, tieni presente che per importare manualmente i contenuti dovrai prima creare le pagine corrispondenti in WordPress (homepage, blog, informazioni, ecc.). Inoltre, dovrai caricare tutte le immagini e altri file rilevanti dal tuo computer.

Nota: Tieni traccia di tutti gli URL esistenti e nuovi. Dovrai reindirizzare (o modificare) i vecchi URL per conservare le tue classifiche SEO e offrire un’esperienza senza errori 404 con il tuo nuovo sito WordPress. Puoi tenere traccia di tutti gli URL utilizzando un semplice documento di foglio di calcolo.

Dopo aver migrato i tuoi contenuti, crea un menu di navigazione usando la funzione Menu di WordPress disponibile sotto Aspetto -> Menu. Questo dovrebbe essere facile e divertente. Suppongo che il tuo sia un piccolo sito Web con poche pagine e quindi un basso volume di contenuti. L’importazione di contenuti, quindi, non richiede giorni ma pochi secondi. La parte successiva prevede la progettazione visiva del tuo nuovo sito WordPress.

Progettare il tuo sito WordPress

la scelta-a-new-wordpress-tema

Con i contenuti della tua nuova piattaforma WordPress, è tempo di dare un aspetto gradevole al tuo sito web. Se stai cercando di cambiare il tuo design, questo è il momento in cui vuoi farlo. Ci sono molti viali aperti a te:

  • Puoi sviluppare un tema WordPress da zero
  • Puoi scaricare un tema da WordPress, Themeforest o anche la nostra sezione tematica gratuita
  • Puoi prendere un tema gratuito e biforcarlo
  • Puoi usare i framework dei temi di WordPress
  • Puoi convertire il tuo modello HTML esistente in un tema WordPress
  • Puoi acquistare il tema Total WordPress multiuso e reattivo ��

Il metodo più semplice è di gran lunga quello di trovare un tema che ti piace e installarlo. Sviluppare il tuo tema personalizzato potrebbe non essere l’opzione migliore se è la prima volta che usi WordPress. Supponendo che il tuo design sia pronto e funzionante, è tempo di ripristinare tutte le funzionalità. È qui che entrano in gioco i plugin di WordPress.

Installazione dei plugin necessari per WordPress

Plugin WordPress per codice aggiuntivo

WordPress viene fornito con un ottimo sistema di plug-in che offre numerose opzioni e funzionalità per potenziare qualsiasi sito Web. Puoi replicare qualsiasi funzionalità nel tuo sito web HTML facilmente usando un plugin WordPress. Ce ne sono così tanti (plug-in), sia gratuiti che premium, ma se non riesci a ottenere esattamente quello che stai cercando, creane uno e condividerlo con il mondo. Vendilo, regalalo gratuitamente – qualunque cosa. Sebbene le tue esigenze possano variare in base al tuo sito Web e alle tue preferenze personali, qui ci sono oltre cento (100) plugin di WordPress per metterti in funzione:

  • 25+ migliori plugin per social media
  • 20 ottimi plugin WordPress per amministratori
  • 40 plugin WordPress indispensabili per il 2014
  • 20 migliori plugin di e-commerce del 2014
  • I migliori plugin di appartenenza a WordPress
  • 10 plugin BuddyPress che devi avere (Hello-o-o, il tuo sito HTML esistente è un social network?)
  • I 10 migliori filtri di profanità di WordPress e plugin di blocco dello spam

Promemoria: Installa solo plug-in che hai scaricato da una fonte attendibile per ridurre il tempo di caricamento della tua pagina WordPress. Plugin con codici errati possono rallentare il tuo sito, il che è un vero peccato.

Il tuo nuovo sito Web WordPress è quasi pronto per il lancio. Abbiamo ancora pochi passi da fare. Prima di proseguire, assicuriamoci che tutti i collegamenti funzionino. Non vogliamo che i potenziali clienti finiscano su 404 pagine di errori né perdano così preziose classifiche di Google.

Reindirizzamento dei collegamenti in WordPress

semplici-301 reindirizzamenti

Con i tuoi contenuti in WordPress, la funzionalità ripristinata e il tuo nuovo sito WordPress dall’aspetto eccezionale, puoi imbatterti in un altro problema: i collegamenti interrotti. I collegamenti interrotti possono rubare ogni gioia dal tuo processo di migrazione e mandare via le prospettive in seguito, quindi devi stare molto attento. Si consiglia di utilizzare un plug-in di reindirizzamento. Questo rende il processo praticamente indolore. Alcune buone opzioni includono il Reindirizzamento 301 semplice o il Plugin di reindirizzamento. Dopo aver reindirizzato tutti i tuoi collegamenti, è tempo di assicurarsi che funzionino. Come? Usa il Plugin per WordPress Checker Link rotto. Abbiamo un’ottima guida all’uso di questo plugin che ti mostra come rimuovere i collegamenti interrotti per sempre.

Se vuoi davvero scavare nel tuo nuovo sito, puoi reindirizzare i tuoi collegamenti manualmente modificando il file .htaccess (ma questo può rivelarsi ingombrante soprattutto se hai molte pagine). Tuttavia, se vuoi davvero andare nel modo .htaccess, ecco il codice di reindirizzamento che dovresti aggiungere al tuo file .htaccess:

Reindirizzamento 301 /about.html http://tuodominio.com/about/
Reindirizzamento 301 /contact.html http://tuodominio.com/contatto/
Reindirizzamento 301 /example.html http://tuodominio.com/esempio/

Ricorda che l’URL di origine deve essere il nome del file di paging e l’URL di destinazione deve essere l’URL completo, incluso http: //. E non dimenticare di includere il nome della sottodirectory se le pagine vivono in una sottodirectory. Per esempio:

Reindirizzamento 301 /folder/page.html http://tuodominio.com/pagina/

Puntamento del dominio al nuovo sito WordPress

A che serve passare ore e ore a migrare il tuo sito se nessuno lo vedrà mai? Puntiamo il tuo dominio sul nuovo sito. Non entrerò nei dettagli poiché il WordPress Codex ha un ottimo articolo su quelle copertine utilizzando un’installazione di sottodirectory preesistente – usa questa guida se hai installato WordPress in una sottodirectory.

Se hai installato WordPress su un dominio separato o hai cambiato host, dovrai aggiornare i tuoi server dei nomi per il tuo dominio. Se si utilizza un CDN di terze parti come Cloudfare, sarà necessario aggiornare i record DNS. Questo di solito comporta la modifica dei tuoi record A, un processo facile come ABC.

Spazzata finale …

Pollice su!

Prima di rilasciare finalmente il tuo nuovo sito con WordPress al mondo, controlla di nuovo che non ci siano collegamenti interrotti, rivedi le tue pagine principali per assicurarti che siano formattate correttamente e controlla che tutte le funzionalità siano state ripristinate (ad esempio il tuo negozio, forum, ecc.). Imposta i permalink (vai a Impostazioni -> Permalink), analisi, rendi il tuo sito visibile ai motori di ricerca ed esegui il backup del tuo vecchio sito HTML. Questo post è una guida generale per la migrazione di un sito Web HTML esistente su WordPress. Il post non è destinato a siti Web estremamente grandi. Se hai domande o desideri contribuire, non esitare a utilizzare la sezione commenti qui sotto!

Vuoi invece convertire modelli HTML in temi WordPress? Dai un’occhiata alla nostra serie di tutorial su come creare un tema WordPress da HTML.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me