Come spostare il tuo blog da WordPress.com a WordPress.org

Come spostare il tuo blog da WordPress.com a WordPress.org

Stai cercando di spostare il tuo blog da WordPress.com in un blog autonomo? Come molti prima di te, probabilmente hai iniziato la tua avventura WordPress con un blog example.wordpress.com. Con il tempo, tuttavia, ti sei reso conto che non c’è molto che puoi fare su WordPress.com.


Ad esempio, non puoi aggiungere i tuoi annunci, plugin o personalizzare il tuo tema WordPress nella sua massima estensione. Cavolo, non puoi nemmeno tracciare il tuo traffico senza pagare. Forse ti piacerebbe un nome di dominio personalizzato, ovvero qualcosa che non sia un sottodominio; sai, un dominio come wpexplorer.com.

Mentre WordPress.com ti offre la possibilità di acquistare un dominio personalizzato tra le altre cose, pagherai un premio per ottenere il meglio dal tuo sito WordPress. A meno che, naturalmente, non utilizzi WordPress su host (chiamiamolo WordPress.org), che riduce significativamente i costi e ti accorda un potere di personalizzazione che ti fa impazzire.

WordPress.com vs WordPress.org

Oggi non entrerai nei dettagli più fini, signore e signori, abbiamo già fatto quello spettacolo. E tirare – per mancanza di una frase migliore – bloccare le citazioni da detto post:

WordPress.com è una piattaforma gratuita per la creazione di un blog e un sito Web con WordPress. È completamente gestito da Automattic (i creatori di WordPress) e soprattutto è una delle piattaforme di blogging più semplici sul Web. Tutto quello che devi fare è registrarti per un account gratuito, scegliere il tuo sottodominio (esempio: yourwebsite.wordpress.com), scegliere un tema gratuito e iniziare ad aggiungere i tuoi contenuti. – Kyla

Ogni volta che chiedo a qualsiasi persona a caso di WordPress, il 95% degli intervistati pensa sempre che sto parlando di WordPress.com.

WordPress.org

Bene, c’è un altro sapore di WordPress trovato su WordPress.org ed eccoci di nuovo:

WordPress.org può avere lo stesso omonimo e utilizzare lo stesso sistema di gestione dei contenuti di WordPress.com, ma è un’entità completamente separata da sé. Invece di tutto ciò che viene gestito da Automattic, hai il pieno controllo del tuo sito web. WordPress.org è la versione self-host di WordPress che puoi utilizzare per creare il tuo sito web online. E mentre ha ancora dei pro e dei contro, è la nostra forma personale preferita di WordPress. – Kyla

In altre parole, qualunque cosa si trovi dietro il pulsante di download blu scuro su WordPress.org ti consente di creare e personalizzare qualsiasi sito sotto il sole. Whoa. Hai il pieno controllo del tuo sito web a differenza di WordPress.com. Carichi, scarichi e freghi i siti tutto ciò che desideri.

Puoi installare qualunque tema tu voglia, oh e anche le migliaia di plugin. Progetti il ​​tuo sito Web come desideri. WordPress.com ha funzionalità e opzioni di personalizzazione limitate, tanto più se hai un budget ridotto.

Comunque, sentiti libero di leggere di più sulle differenze tra WordPress.com e WordPress.org: Differenze, Pro e contro. Ora che ci siamo schiariti la gola, che ne dici di rimboccarci le maniche e tirarci su un po ‘di WordPress? Per la guida, sposterò questo sito WordPress.com:

sposta il blog da wordpress..com a wordpress.org

A questo blog WordPress ospitato in costruzione:

blog self-hosted wordpress prima dell'importazione dei contenuti

E quindi personalizza il blog ospitato in modo che assomigli al nostro blog WordPress.com. Alla fine della giornata, trasferisci con successo il tuo sito da WordPress.com a WordPress.org, quindi rallegrati ��

Come spostare il tuo blog da WordPress.com a WordPress.org

Il piano gratuito di WordPress.com include l’hosting gratuito e un sottodominio, il che significa che puoi pubblicare contenuti nei prossimi 5 minuti. Sì, proprio così.

È una storia diversa nel campo di WordPress.org. È necessario acquistare un piano di web hosting e un nome di dominio per eseguire WordPress con hosting autonomo.

Puoi installare WordPress sul tuo computer locale per testare le acque senza incorrere in costi. Lo sviluppo locale è eccezionale ma il tuo sito web non è disponibile su Internet. A meno che, ovviamente, non utilizzi l’app gratuita di sviluppo WordPress Flywheel Local by Flywheel.

Lettura correlata:

  • Installazione di WordPress su Mac localmente con MAMP
  • Installazione di WordPress su Windows localmente con WAMP
  • Installa WordPress su Ubuntu localmente con LAMP
  • Local by Flywheel Review: crea istantaneamente ambienti WordPress locali (strumento gratuito)

Il punto è che puoi spostare il tuo blog da WordPress.com a qualsiasi istanza di WordPress self-hosted che si tratti di un’offerta di host web per computer o server. Muoviamoci. Su.

Trova un host WordPress

namecheap-hosting

I ragazzi nel settore dell’hosting web offrono fondamentalmente spazio server e software (per costruire e gestire il tuo sito Web + e-mail, ecc.) A una tariffa ricorrente. Ancora una volta, perché hai bisogno di un host web? Tutti i file che compongono il tuo blog WordPress vivono su un server, senza i quali il tuo sito è inaccessibile al mondo.

Su WordPress.com, ottieni l’hosting gratuito (a meno che tu non abbia un piano premium ovviamente), ma qui, devi acquistare un piano di hosting con qualsiasi provider di hosting che desideri. Ma dal momento che la competizione è rigida e i pip fanno cose folli solo per conquistarti, abbiamo messo insieme questo fantastico elenco di host WordPress per rendere la scelta più semplice.

Per renderti ancora più semplice, ecco un breve elenco delle nostre opzioni di hosting preferite a diversi prezzi:

  1. Hosting WordPress gestito da WP Engine: A nostro avviso, WP Engine è la migliore scelta di hosting là fuori. È la persona che utilizziamo e di cui ci fidiamo per ospitare tutti i nostri siti Web e le demo dei temi WordPress. È veloce, affidabile e l’intero team è un piacere lavorare con loro. I piani partono da $ 29 al mese (anche meno quando si utilizza il nostro codice promozionale WP Engine per risparmiare il 20%) e sapere che il tuo sito Web è veloce e sicuro vale il costo!
  2. Cloudways Managed Cloud Hosting: Cloud hosting super veloce che è veloce da configurare e facile da scalare man mano che il tuo sito web cresce. A partire da $ 7 al mese, ci sono tonnellate di diverse opzioni di cloud hosting da Cloudways tra cui Digital Ocean, Amazon Web Service, Google Cloud e altro ancora con una semplice configurazione di WordPress con 1 clic.
  3. Hosting condiviso Bluehost: Nuovo su WordPress? Testare le acque con un nuovo sito Web? L’hosting condiviso di Bluehost è di soli $ 2,95 al mese con il nostro codice promozionale Bluehost che lo rende un’opzione di hosting conveniente da un host ben noto.

La configurazione di un account di hosting è semplice come una torta e dovresti farlo in meno di 5 minuti. Ok, 10 minuti. Se hai bisogno di aiuto, siamo sempre qui per te.

Ottieni un nome di dominio

Ora, hai solo bisogno di un nome di dominio, ecco come le persone trovano il tuo sito web online. Se hai già un nome di dominio, devi semplicemente indicarlo sul tuo account di hosting. Il tuo host ti mostra come, quindi non preoccuparti. Puoi persino spostare il tuo blog nel tuo sottodominio.

Se sei nuovoB, acquista un nome di dominio che rifletta il tuo sito WordPress, ma evita di usare il termine “WordPress” all’interno del nome di dominio perché – copyright. Puoi, tuttavia, utilizzare l’abbreviazione WP per quanto desideri.

Esempi di grandi nomi di dominio includono WPExplorer.com, WebDesignLedger.com, e WPExplorer.com tra gli altri. Uso Namecheap per i domini.

Successivamente, devi collegare il tuo nome di dominio al tuo account di hosting. Il tuo host web ti mostra come collegare il tuo dominio al tuo account di hosting, quindi non sudare un tallone. È una procedura semplice, ma potresti dover aspettare un po ‘prima che le modifiche si propaghino.

Una volta che il tuo nome di dominio è collegato al tuo account di hosting, sei pronto per la parte interessante: l’installazione di WordPress self-hosted.

Installa WordPress con hosting autonomo

Se hai appena acquistato un account di web hosting per la prima volta, deve essere davvero eccitante. Scherzi a parte. Installiamo WordPress, quindi prendi un drink o altro e fai sobbollire. La maggior parte dei moderni host web offre l’installazione di WordPress con un clic, il che significa che tutto ciò che devi fare è puntare e fare clic su un nuovo blog di WordPress.

È importante verificare se il tuo host di scelte offre l’installazione di WordPress con un clic, soprattutto se non sei il tipo esperto di tecnologia. Fidati di me amigo, non vuoi perderti negli ambienti server – è brutto. Come perdersi nei boschi poco prima del tramonto. Tuttavia, installare WordPress manualmente è un gioco da ragazzi con guida all’installazione da WordPress.org.

Ad esempio, usando Namecheap cPanel (oh, guarda, lo ospito anch’io), ho solo bisogno di fare clic su Softaculous Apps Installer e scegliere WordPress dall’ampio elenco di applicazioni.

Softaculous-app-installer-namecheap

Ecco lo schermo Softaculous con WordPress selezionato:

Softaculous-wordpress-installazione-prima

Quindi, seleziona il tuo nome di dominio, compila i dettagli e premi il pulsante di installazione:

Softaculous-wordpress-installazione-secondo

L’installazione è finita in un momento:

Softaculous-wordpress-installazione-fatto

Ora, se aggiorni il tuo nome di dominio, vedi l’installazione di WordPress predefinita:

wordpress-org-default-installazione-con-2017-tema

Il tuo blog WordPress ospitato in particolare è pronto per la personalizzazione o qualsiasi altra cosa desideri. Puoi accedere e fare quello che vuoi nel caratteristico stile WordPress.

In confronto, e correggimi se sbaglio, un blog subdomain.wordpress.com non ha nulla su un blog self-hosted in termini di personalizzazione e funzionalità. Non posso sottolinearlo abbastanza.

Spostamento del contenuto

Ora che hai il tuo sito web ospitato pronto, puoi spostare i tuoi contenuti dal tuo sito WordPress.com.

Passaggio 1: esporta contenuto da WordPress.com

Ehi tu, dai un’occhiata. Questa parte qui, questa parte è la più semplice in questo tutorial. Non c’è praticamente nulla; solo importando i tuoi contenuti nel tuo nuovo blog. Scegli qualcosa qui e rilascialo lì, sai, quel genere di cose.

Eccone alcuni opzionale cose che potresti voler togliere:

  • Prendi in considerazione l’eliminazione di pagine e post che non desideri, perché la funzione di importazione include tutti i post: bozze, cestino e tutti.
  • Inoltre, pulisci il tuo blog ospitato per evitare voci contrastanti.

Bene, raccogliamo i tuoi contenuti. Accedi al tuo blog WordPress.com usando example.wordpress.com/wp-admin. Ovviamente, vuoi sostituire la parte “esempio” nell’URL sopra con il tuo sottodominio. Questo ti porta direttamente alla dashboard di amministrazione di WordPress:

wordpress-admin-cruscotto-wordpresscom

Navigare verso Strumenti> Esporta (situato nella parte inferiore del menu) per accedere alla schermata di esportazione:

export-schermo-start-export-button

Come puoi vedere, ci sono due opzioni qui: gratis e a pagamento. Non devi pagare se non sei propenso a (mantenere una famiglia felice), quindi andiamo con l’opzione gratuita ai fini di questa guida. Fai clic sul pulsante Avvia esportazione, che ti porta a questa schermata:

download-export-file-wordpresscom

Qui, scegli il contenuto che desideri spostare. Ho scelto “Tutto il contenuto” per esportare tutto. Successivamente, premi il pulsante Scarica file di esportazione e salva il file XML risultante sul tuo computer. Stai andando bene. Anche la prima volta ho commesso un paio di errori. Errare è umano.

Passaggio 2: importa contenuti nel tuo blog ospitato da solo

Per prima cosa, installa e attiva Plugin per importatore di WordPress. Accedi al tuo blog WordPress ospitato da te e vai a Strumenti> Importa:

schermata di importazione blog self-hosted-wordpress

Quindi, scorrere fino alla sezione WordPress e fare clic sul collegamento Esegui importatore (vedere l’immagine sopra). Nella schermata successiva, scegli il file XML che hai ottenuto dal tuo blog WordPress.com e premi il tasto Carica file e importa pulsante:

Carica-file-and-import-schermo

Nella schermata successiva, assegna il contenuto importato a un autore esistente sul tuo blog ospitato da te. Inoltre, seleziona la casella di controllo “Scarica e importa file allegati” per importare i tuoi file multimediali. Quindi, fai clic sul pulsante Invia:

Assegnare-autore-import-media-schermo

Quanto tempo impiega l’importazione dipende interamente dalla dimensione del tuo caricamento. È naturale che il caricamento di più contenuti richieda più tempo, ma alla fine della giornata dovresti vedere questa schermata:

import-content-to-self-hosted-wordpress-complete

Ora, vediamo come appaiono i nostri contenuti appena importati sul nostro blog self-hosted:

aspetto-contenuto del blog completo-importato

Urrrgh! È sicuramente uno spettacolo inaspettato. Bene, abbiamo un tema diverso (la forma più semplice del framework dei temi di WordPress per i fagioli – leggi di più sui framework dei temi di WordPress). Tuttavia, il menu lassù sembra orrendo. Sembra che cadrà da un momento all’altro.

Tutto sommato, ho importato con successo i miei post e le mie pagine. La bellezza della funzione di importazione è che puoi importare tutto, inclusi media, commenti, categorie e tag. Tuttavia, non puoi importare plugin, widget e temi da WordPress.com.

Anche se sei eccentrico e puoi personalizzare il tuo blog self-host come preferisci, per questo studio personalizzeremo il nostro blog self-host in modo che corrisponda al nostro blog WordPress.com.

Come personalizzare il tuo blog indipendente

Scegli un tema WordPress

Il nostro blog WordPress.com è basato sul tema Something Fishy dal repository WordPress. Tutto quello che devo fare ora è installare e attivare il tema sul blog self-hosted. Basta andare a Aspetto> Temi e fai clic sul pulsante Aggiungi nuovo in alto.

Tema WordPress totale

Se sei sul mercato per un tema premium non possiamo raccomandare abbastanza il nostro tema totale. È un tema più venduto per un motivo: ha tutte le funzionalità di cui potresti aver bisogno integrato. Il tema viene fornito con una versione estesa personalizzata del generatore di pagine Visual Composer in modo da poter creare layout di pagina personalizzati in un batter d’occhio, un semplice importatore di demo in modo da puoi avere immediatamente il tuo sito web simile a una qualsiasi delle demo dei temi e cursori premium che puoi usare per creare impressionanti cursori animati su qualsiasi pagina. Se acquisti un tema premium come Total, devi prima scaricare il file zip del tema installabile.

Successivamente, carica il tuo tema o digita il nome del tuo tema (funziona solo se il tema è disponibile nel repository gratuito di temi di WordPress) nella casella di ricerca e premi invio come mostrato di seguito:

upload-o-cercare-wordpress-theme-wordpress-org

Quindi, basta seguire le istruzioni per installare e attivare il tema. Ti consigliamo di utilizzare un tema figlio di WordPress se prevedi di apportare modifiche significative al tema. Ora vediamo come appare il nostro blog self-hosted:

blog self-hosted dopo l'installazione del tema

Non male, sembra quasi il nostro sito Web WordPress.com, giusto? Dobbiamo solo spostare un paio di cose e aggiungere un paio di plugin per l’avvio. Accedi nuovamente alla dashboard di amministrazione familiare e modifica ciò che desideri.

Ad esempio, per cambiare il titolo del sito Web, devo solo accedere al mio blog ospitato e navigare Impostazioni> Generale. Per personalizzare il mio brutto menu fuori dal mondo, devo solo navigare Aspetto> Menu. Per aggiungere il widget Informazioni personali visualizzato nella barra laterale, installare innanzitutto un plug-in dell’editor visivo come Widget TinyMCE di Black Studio e personalizzare via.

In altre parole, puoi personalizzare il tuo nuovo blog self-hosted in qualsiasi modo desideri poiché ora puoi installare i plugin di WordPress e fare qualsiasi cosa per i tuoi temi. Ad esempio, ho personalizzato il mio blog ospitato e ho finito con:

blog self-hosted wordpress-org-after-customization

Sembra proprio il nostro blog WordPress.com e mi ci sono voluti meno di 5 minuti perché ormai devi aver finito.

Note extra

Hai spostato con successo il tuo blog WordPress.com su WordPress.org, il che significa che ora detieni il regno del tuo sito Web. Ti meriti una corona e un drink. E come regalità, il tuo onore, le tue responsabilità aumentano. Sei responsabile delle attività di gestione del sito Web come sicurezza, SEO, backup, spam e così via.

Hai più di un semplice hosting gratuito e un sottodominio gratuito, ma almeno ti hanno aiutato a camminare. Tuttavia, tieni pagato l’account di hosting e il nome di dominio per assicurarti che il tuo blog sia sempre online.

Se non rinnovi il tuo nome di dominio in tempo, qualcun altro può accettarlo. Una volta, ho perso un dominio che indicava un sito di social network per alcuni broker azionari tedeschi. Impara dai miei errori amico, impara. Ma non sembrare così triste, è stata colpa del sito, non avevo scoperto BuddyPress.

Controlla link e immagini

Dopo lo spostamento, assicurati che tutti i tuoi collegamenti e le immagini funzionino per evitare il brutto problema che sono i collegamenti interrotti. Se alcune delle tue immagini sono state lasciate indietro, come nel caso di grandi siti Web, considera l’utilizzo Teletrasporto immagine o Carica automaticamente le immagini.

Poi c’è quell’altro problema di spostare gli abbonati esistenti senza ferire i loro sentimenti. L’importazione in WordPress con hosting autonomo porta con te i tuoi abbonati WordPress.com? Purtroppo no. Qui, hai bisogno di un elegante plug-in noto come Jetpack.

Prima installa Jetpack e poi leggi questo guida dettagliata sullo spostamento degli abbonati al tuo blog WordPress ospitato da solo.

Cos’altro? Oh sì, per favore avvisa i tuoi utenti del trasloco o usa il Servizio di reindirizzamento del sito che costa $ 13 dollari all’anno. Hai solo bisogno del primo anno.

Parole finali

Spostare il tuo blog da WordPress.com a WordPress.org è un lavoro facile e facile. Basta scaricare il file XML dal tuo blog WordPress.com, caricarlo sul blog autonomo, personalizzare l’aspetto, fare un po ‘di pulizie, avvisare o reindirizzare gli utenti e sei d’oro.

Hai già spostato un blog da WordPress.com a WordPress.org prima? In tal caso, cosa hai scoperto? Hai una domanda o un suggerimento?

Se questo post non ha chiarito la tua situazione, non esitare a porre la tua domanda nei commenti. Siamo più che felici di dare una mano. Saluti e tutto il meglio come (e dopo) ti muovi!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me