Come sapere se un sito è alimentato da WordPress

Come sapere se un sito è alimentato da WordPress

Ti capita spesso di vedere un sito di bell’aspetto e ti chiedi “usa WordPress?” A volte la risposta è semplice: il piè di pagina dice tutto, ma il più delle volte devi fare un po ‘di lavoro investigativo. Con sempre più webmaster che nascondono il fatto che usano WordPress ti insegneremo diversi modi per confermare se un sito utilizza WordPress o meno, discuteremo perché alcuni sentono il bisogno di nascondere il fatto che usano WP e ti mostreranno un trucco per scoprirlo quale tema utilizza un sito.


Cosa c’è con il nascondiglio?

Siamo sicuri che in un contesto o nell’altro hai sentito parlare di persone che nascondono il fatto che il loro sito utilizza WordPress e come sia una cosa positiva o negativa. Quindi chiariamo alcune cose.

Non dovresti mai vergognarti di usare WordPress! In effetti, dovresti dire con orgoglio a tutti che il tuo sito è alimentato da uno dei migliori software open source mai creati. Nascondere la versione esatta di WP che stai utilizzando è un gioco completamente diverso. A causa del rischio sempre crescente di essere violato, questa è una cosa saggia da fare in quanto esporre il numero esatto di versione può esporre a maggiori rischi di essere violato.

Molti “hacker” sono pigri

Giovane hacker

Quando le persone cattive cercano di abbattere il maggior numero possibile di siti nel periodo più breve, utilizzano un principio chiamato “frutto basso”. È solo un modo stravagante di dire “prima hackerare i siti più vulnerabili” Individuano una nuova vulnerabilità di WP o ne scelgono una più vecchia che è già patchata nelle versioni più recenti ma esiste su molti siti perché le persone non aggiornano WP abbastanza spesso. Utilizzando Google, ottengono un elenco di migliaia di siti che utilizzano quelle versioni specifiche e quindi eseguono un attacco automatico che abbatte tutti quei siti utilizzando la stessa vulnerabilità.

Il tuo sito potrebbe ancora utilizzare quella versione specifica (problematica) di WordPress, ma se fai solo un piccolo sforzo per nascondere la versione che utilizza, significa che non verrai colpito in quella prima ondata poiché non sei un ” frutta bassa appesa. ” Ciò non ti aiuterà se qualcuno sta indirizzando il tuo sito in modo specifico, ma lo farà con questi attacchi automatici.

Detto questo, diamo un’occhiata ad alcuni dei metodi che è possibile utilizzare per scoprire se un sito è alimentato da WordPress o meno.

1. Esiste un servizio per questo

C'è un servizio per quello

Come per la maggior parte delle cose su Internet, se hai bisogno di un servizio che automatizzi una semplice attività, è probabile che esista già. Se non si scherza con il codice, andare a WP Loop È lo strumento WordPress inserisci l’URL del sito e ti dice se utilizza WordPress.

SoftwareFindr strumento di rilevamento dei temi

Un’altra grande risorsa è SoftwareFindr Strumento Rilevatore di temi. Come in precedenza, incolla il link al sito web di cui sei curioso e scoprirai in un attimo se si tratta di WordPress e se è un tema che puoi trovare da solo. SoftwareFindr offre anche consigli e recensioni sui principali temi e plugin, quindi anche se non puoi usare lo stesso identico tema di un sito Web che ami, puoi sicuramente trovare un tema e alcuni plugin per creare un design simile.

Se non sei soddisfatto dei risultati o desideri maggiori informazioni tecniche BuiltWith posso aiutarti. Ancora una volta, basta digitare l’URL del sito e fare clic su Cerca. È inoltre possibile utilizzare servizi specializzati come Che tema WP è quello? per trovare il tema alla base di un sito. Ma tieni presente che tutti questi siti utilizzano i metodi descritti di seguito. Non c’è magia per loro.

2. Avvio facile: basta leggere

Molti siti sono, come abbiamo già detto, orgogliosi di usare WordPress, quindi se scorri verso il basso, probabilmente vedrai una riga “Powered by WordPress”. Se ti capita di trovarti sul sito di un blogger, puoi scoprire molto di più visitando il sito, come è stato realizzato, lo stack tecnologico o qualche pagina simile in cui un elenco aggiornato di tutti i plugin e gli strumenti utilizzati per creare il sito è mostrato.

3. Scavando nella fonte: il tag del generatore temuto

codice

Per questo metodo e alcuni dei seguenti, avremo bisogno della fonte HTML della home page del sito. In realtà, qualsiasi fonte della pagina funzionerà, ma restiamo fedeli alla home page. Fai clic con il pulsante destro del mouse in qualche punto della pagina (che non è un’immagine o un link) e scegli “Visualizza sorgente pagina”. Se sei su Chrome, anche Ctrl + U farà il trucco.

Ora che hai l’HTML premi Ctrl + F per evidenziare il campo di ricerca e digitare “generatore”. Stai cercando una linea simile a questa:

Nessuna linea del genere? Continuare a leggere; ci sono molti altri metodi per confermare se un padre è su WP o no.

L’hai trovato, ma non sembra così? Anche questo è possibile. Una variante che si vede spesso è solo “WordPress” – ciò significa che il webmaster non vuole rivelare l’esatta versione di WP (che è, come abbiamo già discusso di una buona idea). Un’altra possibilità è che il sito non sia alimentato da WP, quindi il generatore può essere qualcos’altro, come Joomla.

4. Ancora nella fonte – Alcuni percorsi spesso utilizzati

Dovresti comunque avere la fonte aperta insieme al campo di ricerca. Basta cambiare la stringa di ricerca in “contenuto wp”. Hai trovato un mucchio di righe con quella stringa? Fantastico: il sito utilizza senza dubbio WordPress.

Vuoi sapere quale tema stanno usando? Cerca “wp-content / themes /” e probabilmente otterrai alcuni risultati. Ora cerca la linea che termina in “style.css” o “style.css? V = x.y” – questo è il file CSS del tema principale. Fare clic sul collegamento per aprirlo o copiarlo / incollarlo in una nuova scheda. L’intero URL sarà simile a “http://domain.com/wp-content/themes/twentysixteen/style.css?ver=4.6.1”. Le prime dieci righe di quel file ti daranno dati sufficienti per trovare il tema sul web.

Nessuna fortuna con questo metodo? Sembra che qualcuno non voglia farci sapere che stanno usando WP. Nessun problema. Continuiamo con il nostro lavoro investigativo.

5. URL specifici di WP

Prova ad aprire readme.html file nella radice del sito, ovvero “http://domain.com/readme.html”. Se ha funzionato, otterrai qualcosa di simile a Questo. Senza fortuna? Quindi prova http://domain.com/license.txt come dovrebbe apparire questo file di esempio. Ancora niente fortuna? Prova http://domain.com/wp-admin/ e la schermata di accesso WP dovrebbe apparire.

Avvolgendo

Se nessuno dei metodi di cui sopra ha funzionato, qualcuno ha investito molto nel nascondere il fatto che usa WordPress o, come detto, non sta usando WordPress. Di ‘loro di cambiare ��

Hai provato qualcuno di questi metodi? O ne hai un altro da aggiungere? Dicci nei commenti qui sotto!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me