Come installare WordPress su Google Cloud

  1. 1. Come installare WordPress in Microsoft Azure
  2. 2. Leggendo al momento: Come installare WordPress su Google Cloud
  3. 3. Installa WordPress in AWS – Amazon Web Services
  4. 4. Introduzione al cloud computing con WordPress
  5. 5. Come installare WordPress in DigitalOcean

Oggi daremo uno sguardo a come installare WordPress come immagine con un clic in Google Cloud, la propria infrastruttura cloud di Google. Tra i principali fornitori di servizi cloud nel mercato, Google ha una delle politiche di prezzo più competitive rispetto ai servizi Web Amazon e Microsoft Azure. La sua rete cloud è alimentata dalla propria infrastruttura di Google che gestisce oltre 40.000 query di ricerca al secondo.


Una delle cose che amo di WordPress è che è molto diffuso popolarità. Proprio per questo motivo, quasi tutte le società di cloud computing forniscono ai propri utenti una “installazione con un clic” di WordPress. Alcuni lo chiamano “app”, mentre altri lo chiamano “modello” o “immagine”. Chiamalo come vuoi, ma il fatto più importante è che la configurazione di WordPress nel cloud richiede solo pochi clic.

NOTA: Un punto importante prima di iniziare. Se questo è tuo prima volta installando WordPress nel cloud, ovvero da un vero provider di servizi cloud, ti preghiamo di non ospitare subito il tuo sito web dal vivo. Ti suggerisco di testare tutto per almeno 2-4 settimane prima di migrare il tuo blog o sito Web WordPress sul cloud.

PERCHÉ? I provider cloud come Google Cloud, AWS e Microsoft Azure hanno solo un supporto limitato per il tuo sito Web WordPress. Se ti imbatti in un conflitto di plugin o in alcuni problemi di hosting o malware, dovrai farlo risolvilo tu stesso.

Fortunatamente, c’è una soluzione per te. Puoi:

  • Scegli un fornitore cloud gestito da terze parti come Cloudways (Dai un’occhiata alla nostra recensione) o
  • Scegli l’hosting WordPress gestito come WPEngine (noi di WPExplorer utilizziamo WPEngine e lo adoriamo!)

Un po ‘di tè tecnico

Ci sono alcuni termini di base che dobbiamo imparare prima di iniziare con il tutorial. L’idea alla base è quella di informarti di tutti i vari prodotti che Google Cloud ha da offrire. Una volta sviluppato e interessato a qualcosa che vedi, puoi iniziare a creare le tue app in esse!

progetti

google-cloud-wordpress-002-progetto-screenDashboard del progetto

Tutto e tutto quello che vuoi fare in Google Cloud è incluso (o incapsulato) all’interno di un progetto. All’interno di un progetto, è possibile utilizzare o distribuire i vari sottoprodotti Google Cloud ha da offrire. Includono App Engine, Compute Engine, API di Google, Google Cloud Storage, BigQuery o installano direttamente una soluzione predefinita. (Maggiori informazioni un po ‘più tardi)

Conti di fatturazione

Ogni progetto che crei dovere essere collegato a un account di fatturazione. Google Cloud ti offre la flessibilità di disporre di più account di fatturazione, ognuno dei quali può utilizzare una diversa carta di credito / debito. L’idea alla base è quella di implementare il pay-as-you-go politica dell’ambiente di cloud computing.

NOTA 1: Non è possibile utilizzare una carta di credito / bancomat prepagata nel proprio conto di fatturazione. Ho provato questo e il mio account insieme a tutti i progetti collegati era temporaneamente bloccato. Ho immediatamente rimosso la carta prepagata e l’ho cambiata in una carta di credito valida. L’account è stato riattivato dopo alcuni giorni lavorativi.

google-cloud-wordpress-003-cloud-trial-300SERP per “Google Cloud Trial” da Google.com

NOTA 2: Google offre attualmente una prova di $ 300 USD a chiunque chi si iscrive a Google Cloud. Ora non hai scuse per non provare Google Cloud haha!

Prodotti Google Cloud

Abbiamo parlato dei vari sottoprodotti Google Cloud ha da offrire. Diamo ora un’occhiata a ciascuno di essi.

Google App Engine

google-cloud-wordpress-001-app-engineGoogle App Engine

La maggior parte dei software è costruita utilizzando un particolare linguaggio e (facoltativamente) basato su a struttura. Un classico esempio sarebbe a lista delle cose da fare app, che è basato su JavaScript e basato sul framework jQuery. jQuery, come puoi immaginare, è un framework per JavaScript, che è la lingua.

Allo stesso modo, un sacco di app sono scritte in lingue popolari come Pitone, Giava e PHP. Ognuna di queste lingue richiede una configurazione iniziale sul sistema host, al fine di eseguire le app scritte in quella particolare lingua. Ad esempio, le app scritte in Java richiedono l’installazione della Java Virtual Machine (JVM) nel sistema di destinazione.

Google App Engine si occupa di questo compito. Installa e configura queste lingue nella sua infrastruttura cloud, quindi puoi semplicemente caricare il tuo codice e proseguire con il processo di sviluppo. Non devi preoccuparti di impostare la lingua o ridimensionare il sistema host per la tua app. Gli algoritmi di bilanciamento del carico di Google Cloud si occupano automaticamente di esso. Con Google App Engine, devi semplicemente selezionare la lingua di cui hai bisogno e distribuire la tua app in essa.

Google Compute Engine

google-cloud-wordpress-003-calcolo-motoreGoogle Compute Engine (GCE)

Google Compute Engine (GCE) è un altro nome per le macchine virtuali nel cloud. Ogni VM è trattata come un’istanza di un GCE. Le VM possono eseguire quasi tutti i software che desideri. Offre maggiore flessibilità rispetto a App Engine ed è progettato per ambienti personalizzati.

API di Google

google-cloud-wordpress-003-google-apiAPI di Google

Google ha oltre 100 API per la sua moltitudine di prodotti. Questa funzionalità cloud ti consente di accedere a queste API.

Cloud Storage

google-cloud-wordpress-003-google-cloud-storageGoogle Cloud Storage

Come suggerisce il nome, Cloud Storage ti consente di salvare grandi volumi di dati non strutturati e semi-strutturati, chiamati dataset, con disponibilità elevata (termini sostanzialmente geek per applicazioni Big Data).

BigQuery

google-cloud-wordpress-003-google-big-queryGoogle BigQuery

BigQuery è l’implementazione di Google di una lingua adatta alla gestione dei big data. Anche se questo non è nemmeno lontanamente correlato al nostro tutorial, è una cosa affascinante da sperimentare!

Pacchetti software pre-costruiti

google-cloud-wordpress-008-google-predefiniti-appsElenco di immagini di installazione con un clic

È qui che inizia il divertimento! Dimentica tutti quei termini complicati. Google ha compilato un elenco dei software, dei framework e delle lingue più popolari e li ha offerti come pacchetti software predefiniti. Indovina un po?

WordPress è uno di questi!

Ricorda che abbiamo discusso del fatto che ognuna di queste lingue è installata in una macchina virtuale (o in un’istanza di Compute Engine)? Bene, lo stesso vale anche qui. Quando crei o un pacchetto software WordPress, devi prima selezionare una macchina virtuale, le sue dimensioni e la regione per procedere con l’installazione. Il pacchetto software è essenzialmente un insieme di istruzioni che installa il rispettivo software in una macchina virtuale appena creata.

Installazione di WordPress in Google Cloud

Fase 1: trovare la strada

google-cloud-wordpress-009-crea un nuovo progettoCrea un nuovo progetto

Passo 1: Innanzitutto, è necessario creare un nuovo progetto. Puoi visitare Google Cloud Console per iniziare.

google-cloud-wordpress-010-aggiungi account di fatturazioneAggiungi un account di fatturazione

Passaggio 2: aggiungi un account di fatturazione al progetto. Puoi anche scegliere il data center desiderato. Attualmente Google Cloud ha due principali data center per Google App Engine – USA e UE. In questo tutorial, ho scelto il data center statunitense. Seleziona Crea per continuare.

google-cloud-wordpress-011-nuovo progetto creato notificaCreazione del nuovo progetto completata (indicata da un segno di spunta verde)

Passaggio 3: Ora verrà creato un progetto. Al termine, riceverai una notifica come mostrato nello screenshot sopra.

google-cloud-wordpress-012-select pannello progetti predefinitiTrovare il Deployment Manager

Step 4: Ora dobbiamo trovare la pagina che mostra l’elenco dei pacchetti software predefiniti, ovvero il Responsabile della distribuzione. Puoi farlo in tre modi:

  • 4.1 – Dal menu a sinistra, seleziona Distribuisci e gestisci> Fai clic per distribuire
  • 4.2 – Seleziona il banner accanto a # 2, come mostrato nella schermata sopra
  • 4.3 – Clicca qui per WordPress per Google Cloud

google-cloud-wordpress-013-select wordpressWordPress come immagine distribuita con un clic

Passaggio 5: Una volta nella pagina, vedrai un enorme elenco di software. Scorri verso il basso e seleziona WordPress (per adesso). Puoi giocare con il resto quanto vuoi dopo! ��

Fase 2 – Installazione e configurazione di WordPress

google-cloud-wordpress-013-select wordpress 2

Passaggio 6: Bene, ora hai finalmente trovato l’opzione di installazione di WordPress. È ora di scoppiare. Selezionare Deploy per iniziare il processo.

google-cloud-wordpress-013-wordpress installa i parametriParametri di installazione di WordPress su Google Cloud

Passaggio 7: Questo qui è un passaggio cruciale. Scaviamo. Fai riferimento allo screenshot ad ogni passaggio.

  • Il Nome di distribuzione può contenere solo caratteri alfanumerici.
  • In Zona, ci sono tre zone principali: Stati Uniti, UE e Asia. In questo tutorial ho scelto noi-central1-f. Puoi scegliere qualsiasi zona che ti piace.
  • Il Tipo di macchina è direttamente proporzionale alla quantità di energia necessaria. A fini sperimentali, a n1-Standard-1 l’istanza della macchina farebbe. Ha 1 CPU virtuale (vCPU) e 3,7 GB di RAM, che è più che sufficiente per provare WordPress.
  • Ho scelto il Tipo di disco come Disco persistente SSD. Questo perché gli SSD sono da 5 a 10 volte più veloci dei tradizionali HDD.
  • Il minimo Dimensione del disco è 10 GB, che è sufficiente.
  • Il Email dell’amministratore dovrebbe essere inserito correttamente.
  • Controlla il Installa phpMyAdmin e Abilita il monitoraggio di Google Cloud opzioni.
  • Lasciare il resto delle impostazioni così come sono.
  • Clicca su Distribuisci WordPress per iniziare l’installazione di WordPress.

installazione di google-cloud-wordpress-013-wordpressDeployment Manager che configura WordPress

Passaggio 8: Il Deployment Manager di Google Cloud ora creerà l’istanza selezionata e installerà WordPress su di essa.

installazione di google-cloud-wordpress-013-wordpress completataLe credenziali di accesso mostrano post installazione

Passaggio 9: WordPress è ora installato. Ma questo è solo il 70% del processo. Ora abbiamo i seguenti compiti davanti a noi:

  1. Nota la password dell’amministratore di WordPress
  2. Nota la password MySQL e phpMyAdmin

google-cloud-wordpress-013-wordpress consente il traffico httpsConsentire il traffico HTTP e HTTPs

Fase 3: la corsa a casa!

Passaggio 10: Ora dobbiamo consentire al traffico HTTP e HTTPS esterno di passare attraverso l’indirizzo IP del nostro server WordPress. (Google Cloud lo disabilita per impostazione predefinita per motivi di sicurezza). In altre parole, dovremo aggiungere una regola firewall per il nostro indirizzo IP assegnato.

Per fare ciò, fai clic sull’indirizzo IP del server situato in IP esterno. Si dovrebbe aprire una finestra di dialogo. Selezionare tutti e due Consenti al traffico HTTP e HTTPS di passare attraverso il tuo server. Clicca su Applicare per impegnare le modifiche.

google-cloud-wordpress-013-wordpress aggiornando le regole del firewallRegole del firewall aggiornate correttamente

Dopo aver aggiornato correttamente le regole del firewall, dovresti essere in grado di accedere a WordPress dall’indirizzo IP indicato.

google-cloud-wordpress-013-wordpress fattoWordPress è servito

Conclusione

Se hai notato, non abbiamo visto alcun screenshot per la famosa installazione di WordPress di cinque minuti: conosci la fase di configurazione in cui imposti il ​​nome, il nome utente, la password del tuo sito web, ecc..?

Bene, Google Cloud un click Lo script di distribuzione di WordPress elimina tali passaggi e li configura con i valori predefiniti. Dovresti andare alle impostazioni di WordPress e modificarle con i valori desiderati.

Prova WordPress su Google Cloud ($ 300 di percorso gratuito)

Spero che questo tutorial ti sia piaciuto, per quanto mi sia piaciuto scriverlo. Se hai domande o suggerimenti, ti preghiamo di lasciarli nella sezione commenti qui sotto o di twittarmi a @souravify – Grazie per aver letto! Sentieri felici.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me