Come installare e configurare la cache di WordPress con WP Super Cache

  1. 1. Guida per principianti alla comprensione delle funzioni interne di WordPress
  2. 2. Che cos’è la memorizzazione nella cache di WordPress e perché è importante?
  3. 3. Come funziona la memorizzazione nella cache di WordPress?
  4. 4. Leggendo al momento: Come installare e configurare la cache di WordPress con WP Super Cache
  5. 5. Come impostare la memorizzazione nella cache di WordPress con W3 Total Cache (W3TC)
  6. 6. Recensione MaxCDN: il miglior CDN per WordPress?

Ciao a tutti. Benvenuto in un nuovo capitolo della serie di memorizzazione nella cache di WordPress, dove impareremo finalmente come implementare la memorizzazione nella cache di WordPress. Spero che tu abbia letto gli argomenti precedenti in cui ho spiegato come funziona WordPress (internamente), che cos’è la memorizzazione nella cache e come funziona la memorizzazione nella cache di WordPress. Oggi sarai finalmente in grado di trasformare questa conoscenza teorica in uso pratico! Quindi iniziamo.


I preliminari

La memorizzazione nella cache dell’installazione esistente di WordPress è un fattore variabile e dipende dall’ambiente WordPress corrente. Questo tutorial descrive uno dei modi più semplici per implementare la memorizzazione nella cache di WordPress. Se utilizzi un host condiviso, un VPS o persino un server dedicato, questo tutorial dovrebbe adattarsi alle tue esigenze. Se desideri alzare il livello, dai un’occhiata a Pro WordPress Caching con W3 Total Cache + APC (disponibile a breve).

Tieni presente che le persone che utilizzano servizi di hosting WordPress gestiti come WPEngine, questo tutorial non ti saranno molto utili poiché WPEngine utilizza i propri algoritmi di cache super complessi e (super) efficaci – chiamati tecnologia Evercache! Vorrei andare fuori di testa qui e dire che WPEngine è probabilmente il miglior provider di hosting WordPress gestito che troverai. Quindi allacciati ragazzi, è tempo di andare.

Il set up

Utilizzeremo uno dei plugin di cache di WordPress gratuiti più popolari disponibili – WP Super Cache. È uno dei plugin più vecchi là fuori e ricordo chiaramente di averlo usato nel mio primo tentativo di memorizzazione nella cache di WordPress. Ecco cosa sto usando per il tutorial.

  • Revisione di WordPress: 3.8.2
  • Ambiente di hosting: server di hosting condiviso con server web LiteSpeed ​​(in alternativa ad Apache)
  • Versione Super Cache: 1.4

Installazione

Come con qualsiasi plugin, ci sono due modi per installarli.

Il modo DEUA – Scarica, Estrai, Carica e Attiva

Il modo DEUA è il modo più lento possibile per estrarre qualsiasi plugin di WordPress. Per quelli di voi che sono nuovi, va qualcosa del genere:

  • Scarica il plug-in WP Super Cache dal repository dei plug-in di WordPress
  • Estrai l’archivio sul tuo computer
  • Carica l’estratto nella cartella wp_content / plugins / via FTP usando un client FTP come FileZilla
  • Quindi, vai alla pagina Plugin nella dashboard di WordPress e attiva il plug-in

Non consiglio questo metodo. ��

Il modo più semplice: cerca e installa

installa wp super cache

Installazione di WP Super Cache

Il modo molto più semplice è semplicemente cercare e installare il plugin in questo modo:

  1. Passa alla pagina Plugin> Aggiungi nuova nella dashboard di WP
  2. Cerca “wp super cache”
  3. Premi Installa
  4. Premi su Attiva
  5. Fatto!

Ora è stato facile, no?

Configurazione iniziale del plugin

Va bene, quindi facciamolo passo dopo passo da ora in poi. Tratteremo ciascuna pagina del plug-in una alla volta con schermate pertinenti. Non appena attiviamo il plugin, riceviamo un messaggio come questo:

Messaggio post installazione

Messaggio post installazione

Fai clic sul collegamento ipertestuale per visitare la pagina delle impostazioni di WP Super Cache. Se ricevi un messaggio che ti chiede di cambiare la struttura del permalink, vai su Impostazioni> Permalink nella dashboard del tuo WP e scegline uno diverso dal primo. Per il mio sito dimostrativo, ho scelto l’opzione Permalink numerico.

errore struttura permalink

Per i siti che utilizzano l’opzione Permalink predefinita

struttura del permalink

Elenco delle opzioni di permalink disponibili in WordPress

Ora che abbiamo risolto il problema, apriamo il pannello delle impostazioni di WP Super Cache. Puoi trovarlo in Impostazioni> WP Super Cache. Quindi la prima cosa che noterai è questa scatola gialla con un messaggio che dice:

costante di wp super cache aggiunta

.Notifica modificata file htaccess

Questo va bene. Tuttavia, questa finestra di messaggio gialla non dovrebbe apparire ogni volta che apri le impostazioni di WP Super Cache: è un messaggio singolo. Se fa popup ogni volta, segui il link FAQ. Noterai anche che la memorizzazione nella cache è disabilitata. Continuiamo così e copriamo ciascuna scheda una per una.

WP Super Cache con memorizzazione nella cache disabilitata

WP Super Cache con memorizzazione nella cache disabilitata

WP Super Cache: scheda Impostazioni avanzate

La prima scheda che vogliamo trattare è la scheda Impostazioni avanzate. Contiene tre gruppi di impostazioni:

  1. caching
  2. miscellaneo
  3. Avanzate

Le opzioni sono praticamente autoesplicative: ho verificato le impostazioni ottimali per ciascun gruppo nelle tre schermate fornite di seguito. Funzioneranno nella maggior parte degli ambienti di hosting – condivisi o dedicati.

wpsc-avanzata-tab-1-caching

wpsc-avanzata-scheda-2-misc

wpsc-avanzata-scheda-3-avanzato

Dopo aver verificato queste opzioni, premi il pulsante Aggiorna stato per salvare le modifiche. Dovresti vedere immediatamente una casella gialla piuttosto lunga che contiene molto testo.

wpsc giallo-box

Bene, queste impostazioni sono per il file .htaccess del tuo server. Basta scorrere verso il basso e troverai il pulsante “Aggiorna regole Mod_Rewrite >>”.

aggiorna le regole di reqrite mod

Se il tuo file .htaccess è scrivibile, dovresti vedere una casella verde che indica che la modifica è andata a buon fine:

wpsc-verde-box

Bene, ora la scheda Avanzate è curata. Passiamo alla configurazione della scheda Precarico.

WP Super Cache: scheda Impostazioni precaricamento

Le impostazioni di precaricamento essenzialmente rendono il plug-in cache periodicamente tutti i post e le pagine del tuo sito. È possibile impostare l’intervallo di tempo tra ogni aggiornamento della cache. Questo intervallo di tempo è un’impostazione molto cruciale.

Negli ambienti di hosing condivisi, è necessario impostarlo in modo ottimale su una volta al giorno, ovvero ogni 1440 minuti. Se aggiorni il tuo sito due volte al giorno, puoi impostare l’intervallo di tempo tra ogni aggiornamento della cache su 720 minuti. In quest’ultima impostazione, la cache di precaricamento verrà aggiornata due volte al giorno. Ciò comporterebbe un carico aggiuntivo del server. Consiglio di non utilizzare un valore inferiore negli ambienti di hosting condiviso, poiché potrebbe (e molto probabilmente verrà) essere conteggiato come un uso eccessivo delle risorse del server.

Tuttavia, se utilizzi un VPS o un server dedicato, puoi impostare la frequenza di aggiornamento a partire da 60 minuti. Vale la pena sapere che il numero di post e pagine presenti nel tuo sito influisce sulle risorse necessarie per ogni operazione di aggiornamento della cache del precaricamento. Un tempo di aggiornamento ottimale per un server dedicato su un sito ad alto traffico sarebbe di 2 ore.

Ho selezionato le caselle di controllo pertinenti e ho impostato l’intervallo di aggiornamento della cache su 1440 minuti. Sei libero di scegliere qualsiasi valore!

Scheda Precarico cache Super WP

Fai clic su “Aggiorna impostazioni”. Se desideri che il processo di memorizzazione nella cache venga avviato immediatamente, fai clic sul pulsante “Precarica cache ora” dopo aver aggiornato le impostazioni di cui sopra. La creazione della cache di precaricamento è un’attività che richiede molto tempo e richiede molto tempo e dipende dal numero di post e pagine che hai – quindi aspetta qualche istante – dì 10 minuti e poi visita la scheda Sommario

WP Super Cache: scheda Impostazioni contenuti

La scheda Contenuti in WP Super Cache mostra il numero di pagine memorizzate nella cache nel tuo sito WordPress. Ricorda che l’abbiamo imparato, WordPress alla fine genera pagine HTML. Bene, questa scheda mostra quali di queste pagine sono memorizzate nella cache e la loro età – misurata in secondi. Questi dati dovrebbero essere correlati all’intervallo di aggiornamento della cache del precarico impostato nella scheda Precarico. Abbiamo scelto 1440 minuti, ovvero 86.400 secondi. Questa è l’età massima di ciascuna pagina memorizzata nella cache. Tecnicamente nessuna età della pagina cache dovrebbe superare questo valore.

A volte, potresti non trovare statistiche della cache attuali / accurate. Per visualizzare le statistiche sulle pagine memorizzate nella cache più recenti / accurate, fai clic sul pulsante “Rigenera statistiche cache”.

dopo il precarico, rigenerare le statistiche della cache

Una volta aggiornato, dovresti vedere che le statistiche della cache sono aggiornate. Ricorda che sto utilizzando i dati demo del tema Free Blogger di WPExplorer. Ecco come appaiono le statistiche della cache:

dopo il precarico dopo rigenerare le statistiche della cache

Per un’anteprima ancora migliore e una migliore comprensione della memorizzazione nella cache di WordPress – prova che i file HTML sono effettivamente memorizzati nella cache, fai clic sull’opzione “Elenca tutti i file memorizzati nella cache”. Ecco come appare il mio:

Elenco di tutti i file memorizzati nella cache

Elenco di tutti i file memorizzati nella cache

Una benedizione sotto copertura

Questa opzione è molto utile se si desidera eliminare una singola pagina memorizzata nella cache. Supponiamo di aver aggiornato una vecchia pagina e di aver bisogno della cache per riflettere la modifica. Invece di rigenerare la cache che può richiedere molto tempo al server e richiede molto tempo, è possibile eliminare rapidamente la versione del file memorizzata nella cache da questo menu. Quando un visitatore visita il link originale, la pagina viene rigenerata da zero e viene salvata come cache per richieste future. Veloce ed efficiente, proprio come l’agente 47.

Funziona tutto? credo di si!

Ora che WP Super Cache è configurato correttamente, testiamo la cache. Passa alla scheda predefinita, ovvero alla scheda Impostazioni facili in WP Super Cache e fai clic sul pulsante “Test cache”. Se tutto è configurato correttamente, dovresti vedere qualcosa di simile:

Test della cache

Test della cache

Bingo! Funziona! Congratulazioni, hai implementato correttamente la memorizzazione nella cache nel tuo sito WordPress. Il tuo sito dovrebbe essere notevolmente più veloce ora! Non mi credi? Nessun problema. Dai un’occhiata a questi risultati di benchmark del sito demo prima e dopo l’implementazione della cache di WordPress.

Il prima

prima della memorizzazione nella cache

E il dopo

dopo la memorizzazione nella cache

Conclusione

Ora che hai visto come funziona la memorizzazione nella cache e quanto sono reali i suoi vantaggi, sono sicuro che sei più che convinto di provarlo, vale a dire, se non l’hai già fatto. Nel prossimo post della serie, spiegherò come integrare MaxCDN con il tuo sito WordPress esistente. MaxCDN con la memorizzazione nella cache combinata avrà un effetto profondo sulle prestazioni del tuo sito. Rimanete sintonizzati!

Come sempre, spero che tu sia stato in grado di imparare qualcosa di nuovo oggi. Se hai domande o suggerimenti, non vediamo l’ora di ricevere tue notizie!

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me