Come aggiungere Google Fonts a WordPress

Come aggiungere Google Fonts a WordPress

Un modo per migliorare drasticamente il design e la professionalità del tuo sito Web è utilizzare caratteri fantastici.


La maggior parte delle persone non pensa mai al carattere che usano sul loro sito web. Tuttavia, se stai sviluppando il tuo tema o modificando un tema che hai attualmente installato, una buona selezione dei caratteri dovrebbe essere una grande parte del processo.

La selezione di un tipo di carattere o combinazione di caratteri per il tuo sito Web era un’attività semplice e francamente piuttosto noiosa. C’erano pochissimi caratteri sicuri per il web disponibili da usare, ma ora con il vasto numero di caratteri ottimizzati per il web continuamente creati, può essere difficile capire quali usare.

Con la creazione di Google Fonts e le oltre 900 famiglie di caratteri ora disponibili per te il processo di scelta di un buon carattere è ancora più complesso. Tuttavia, negli ultimi anni lo sviluppo intorno a Google Fonts ha reso l’implementazione di qualsiasi scelta tu faccia molto più facile di quanto sia mai stata.

Perché dovrei usare Google Fonts?

Google Fonts è diventata una delle maggiori risorse di font disponibili oggi sul Web.

Non solo ci sono più di 900+ famiglie di caratteri da usare, tutte sono caratteri open source che possono essere creati e migliorati da chiunque.

I designer che creano font devono sottoporsi a una procedura di valutazione per includere il loro font nella directory di Google. Ciò significa che oltre ad avere accesso a migliaia di designer in tutto il mondo, i caratteri non possono essere aggiunti alla directory senza prima assicurarsi che siano completi e ottimizzati per il web.

L’uso di caratteri diversi in passato significava che le persone dovevano averlo installato sul proprio computer per consentire al browser di visualizzarle correttamente. Con Google Fonts è possibile accedere direttamente a tutti i font dalla directory di Google, garantendo che funzionino praticamente su qualsiasi macchina con qualsiasi browser. Questo apre una quantità senza precedenti di libertà di progettazione per lo sviluppo di siti Web.

Come posso utilizzare Google Fonts sul mio sito Web?

Alcuni temi di WordPress come il tema di WordPress totale includono opzioni integrate nel tema per modificare facilmente i caratteri di Google. Basta andare al Customizer e fare clic su Tipografia scheda per modificare i caratteri principali, la dimensione del carattere, lo spessore del carattere e la spaziatura uniforme degli elementi per tutto il tema.

Opzioni totali dei caratteri del tema

Tuttavia, se si utilizza un tema diverso, è possibile aggiungere manualmente Google Fonts o utilizzare un plug-in.

Plugin WordPress per aggiungere Google Fonts

Uno dei migliori plug-in gratuiti per l’aggiunta di Google Fonts al tuo sito è l’utilizzo del plug-in Easy Google Fonts gratuito che puoi scaricare dal repository WordPress. Il più facile da scaricare è però direttamente dalla dashboard di WordPress. Accedi al tuo sito WordPress e vai a Plugin> Aggiungi nuovo. Quindi cerca “Easy Google Fonts” per un’installazione semplice e veloce.

Informazioni e download Visualizza la demo

Un altro ottimo plug-in per la personalizzazione dei caratteri sul sito è il plug-in dell’editor CSS di Yellow Pencil Live (che è incluso gratuitamente nel nostro tema WordPress di New York). Il vantaggio di questo plug-in è che non solo ti consente di modificare i caratteri del tuo sito Web tramite un semplice metodo di selezione e modifica. Puoi anche personalizzare tutti i colori, le dimensioni dei caratteri, i pesi dei caratteri, le imbottiture, i margini del tuo tema WordPress, ecc..

Quali caratteri dovrei usare?

Il massimo della directory di Google Fonts può anche renderti la vita difficile. Ci sono così tanti caratteri disponibili da usare che trovare e scegliere una combinazione di caratteri decente può essere una sfida.

I caratteri che scegli dipenderanno interamente da ciò che stai cercando di comunicare con il tuo design. I caratteri vengono utilizzati per catturare l’interesse dei lettori del sito. Sono utilizzati per attirare l’attenzione su vari aspetti del sito Web e un grande designer può fare meraviglie con differenze molto sottili nei caratteri che usano.

Una cosa che devi capire è la differenza tra un carattere e un carattere tipografico. Questi due termini sono usati frequentemente e erroneamente in modo intercambiabile. Un font è la raccolta completa di lettere, simboli di numeri, ecc. Quando si fa riferimento al design di quella raccolta, lo si definisce un carattere tipografico.

Classificazioni dei caratteri

Esistono varie classificazioni che possono essere applicate ai caratteri tipografici. Sono: Serif, Sans Serif, Display, Handwriting (o Script) e Monospace. Ce ne sono altri che vengono utilizzati nella stampa, anche se non ci dobbiamo preoccupare di loro proprio ora.

Quindi quali sono le differenze tra loro?

Serif i caratteri tipografici hanno una coda che pende dal bordo di ogni personaggio.

Serif Typeface

Sans Serif i caratteri tipografici non hanno code.

Carattere Sans Serif

Schermo i caratteri tipografici sono insoliti e decorativi.

Visualizza carattere tipografico

Grafia i caratteri tipografici sembrano corsivi scritti a mano o in blocco.

Carattere tipografico della scrittura

infine, monospace i caratteri sono composti da caratteri che occupano ciascuno esattamente la stessa quantità di spazio.

Carattere tipografico monospaziale

Best practice per i font per il web design

Ci sono alcune linee guida sulle migliori pratiche da seguire quando si sceglie quali caratteri usare.

È una buona idea evitare di utilizzare più di due caratteri diversi nella progettazione del tuo sito. Può essere difficile bilanciare più di due caratteri. E mescolare più di due caratteri tipografici su un sito può causare seri problemi visivi.

Se stai utilizzando due caratteri diversi, ad esempio uno per i titoli e uno per i contenuti, assicurati di non sceglierli dalla stessa classificazione dei caratteri. Suo meglio combinare i caratteri tipografici. In altre parole, evitare di utilizzare due diversi caratteri Serif o due diversi caratteri sans serif.

Esistono caratteri che funzionano davvero bene per i titoli, ma non sono ideali per i contenuti del corpo e viceversa. Ci sono siti che usano i caratteri per i loro contenuti che possono essere difficili da leggere. I caratteri del contenuto devono essere puliti e facili da leggere mentre i caratteri del titolo devono essere utilizzati per il massimo impatto e per attirare l’attenzione su aree specifiche del tuo sito.

Riepilogo di Google Fonts per WordPress

Come potresti iniziare ad apprezzare, selezionare i caratteri per la progettazione del tuo sito Web può essere un processo complicato e complesso. C’è molto di più nella decisione che scegliere semplicemente due caratteri qualsiasi.

Ci sono diverse cose che dovresti cercare di garantire nelle tue scelte. Assicurati che la gerarchia della classe di intestazione sia bilanciata e che i tag dell’intestazione si riducano in dimensioni relative.

Metà della battaglia per la buona progettazione e tipografia del sito è quella di essere coerenti con le tue scelte di carattere. Ciò include dimensioni dei caratteri, pesi e spaziatura. L’uso di Google Fonts e il plugin Google Typography rende l’intero processo molto più semplice di quanto non sia mai stato. Anche con queste risorse avere tipografia professionale ed equilibrata è ancora una sfida.

Se non sei ancora sicuro delle scelte che fai e ti perdi quando stai cercando di capire le differenze tra tutte le tue opzioni. Potrebbe essere il momento di avere un designer professionista dare un’occhiata al tuo sito.

Hai implementato Google Fonts sul tuo sito web? Hai creato un tema da zero che include Google Fonts? Ci piacerebbe ascoltare i tuoi pensieri sulla tipografia e i tuoi caratteri preferiti nei commenti qui sotto.

Jeffrey Wilson Administrator
Sorry! The Author has not filled his profile.
follow me
    Like this post? Please share to your friends:
    Adblock
    detector
    map